Windows 10 S mette il divieto di transito alle distribuzioni Linux

Le distribuzioni Linux presenti sul Windows Store non possono essere scaricate ed eseguite sulle macchine con Windows 10 S. "Questo sistema", dice Microsoft, "è pensato per persone senza grandi conoscenze tecniche e studenti che tipicamente non sprecano tempo e fatica a smanettare con il loro PC".

La presenza di distribuzioni Linux sul Windows Store non significa che è possibile scaricare ed eseguirle sui laptop con Windows 10 S. Microsoft fa chiarezza relativamente a due recenti annunci: Windows 10 S (versione del sistema operativo che consente di eseguire solo applicazioni dal Windows Store e sfruttare sempre e comunque Edge come browser predefinito) e i nuovi Surface Laptop.

Microsoft ha recentemente annunciato che distribuzioni Linux quali Ubuntu e SUSE Linux, saranno disponibili come download dal Windows Store, installabili a fianco di WIndows. Era sembrato di capire che la mossa era stata pensata per consentire l’esecuzione di Linux anche sui Surface Laptop scaricando i sistemi dal Windows Store ma così non è.

“La disponibilità di un’app sul Windows Store non significa che questa sia sicura e adatta per l’esecuzione in Windows 10 S” ha spiegato Rich Turner, senior program manager di Microsoft. “Vi sono alcune app che non è possibile eseguire su Windows 10 S, incluse app a line di comando, shell e Console”. “Tale restrizione include “la console di Windows, le sessioni a riga di comando CMD/PowerShell o Linux, Bash o sottosistemi Windows con istanze Linux”.

Turner ricorda che Windows 10 S è pensato per persone senza grandi conoscenze tecniche e studenti che “tipicamente non sprecano tempo e fatica a smanettare con il loro PC” e che semplicemente si aspettano che i loro computer funzionino in modo sicuro, veloce, affidabile ed efficiente”.

“Per consentire tale esperienza, gli utenti di Windows 10 S possono installare solo app da Windows Store. Questo consente a Microsoft di contribuire creare un’esperienza sicura, prevedibile e di facile uso impedendo che app malevole o inefficienti siano presenti nella macchina dell’utente creando scompiglio con i loro dati e le risorse”.