Centro commericale Carosello, nessuna traccia dell’Apple Store

di |
logomacitynet696wide

Al Centro Commerciale Carosello non mancano gli spazi adatti per ospitare un Apple Store, ma quelli liberi sono pochissimi e in nessuno di essi c’è traccia di attività per un punto vendita compatibile con quelli della Mela. La candidatura di corso Vittorio Emanuele, per ora, non è esclusa.

Per ora al Carosello di Carugate non c’€™è alcun segno di ‘€œvita’€ per quanto concerne un Apple Store. A rivelare la mancanza di qualsivoglia traccia di lavori per un negozio è stata una visita svolta da un nostro giornalista in zona.

Al momento l’€™unico punto vendita in ristrutturazione è destinato ad ospitare un negozio, di Salmoiraghi Viganò. Dietro alle cesate in legno (bianche) che nascondono i lavori di ristrutturazione non si nota praticamente nulla, ma la dichiarazione inizio attività  indica proprio la grande catena come titolare del futuro negozio.

Una seconda area potrebbe essere di interesse. Si tratta di uno spazio nella parte originale (non in quella di recente ampliamento), ma la superficie è davvero gigantesca (40-45 metri x 25-30) oltre che classificata con una destinazione non propriamente tecnologica.

Una terza possibilità  è una zona per ora vuota e dedicata ai bimbi ma non strutturata come parco giochi. Secondo quanto abbiamo potuto notare quest’€™area potrebbe essere facilmente trasformata in un negozio con dimensioni simili a quelle dello store di Roma Est, solo che la forma è decisamente particolare, si tratta infatti di un trapezio. Da notare che di fronte a questo spazio c’€™è un Saturn con all’€™interno un Apple Shop piuttosto minuscolo.

Insomma: i posti per collocare un negozio Apple disponibili sono pochi e in nessuno di questi si sta visibilmente preparando ad ospitare un punto vendita compatibile con il modulo degli Apple Store. Questo per ora potrebbe significare poco in termini di candidatura del Carosello in vista dello store di Milano, visto che potrebbero mancare diversi mesi all’€™apertura del negozio, ma in ogni caso non obbliga neppure ad escludere l’€™ipotesi che il punto vendita sia collocato in centro.

A questo proposito va precisato che la locazione di Corso Vittorio Emauele di cui Macity ha parlato ormai diverso tempo fa è occupata da un ‘€œtemporary store’€ di abbigliamento. Come dire che gli spazi ex Stefanel (costati ad un anonimo acquirente 18 milioni di euro) non hanno ancora trovato una definitiva sistemazione o, forse, l’€™hanno trovata ma chi eserciterà  il commercio dietro quelle preziose vetrine, sta solo aspettando il momento opportuno per insediarsi e questo qualcuno potrebbe anche essere Apple.