Il navigatore che viene dal freddo

di |
logomacitynet696wide

Non solo IE, non solo Netscape e non solo iCab. Il popolo del Mac avrà  tra breve la possibilità  di scegliere anche un quarto browser. Si tratta del norvegese Opera, un browser che guarda indietro (sarà  disponibile anche per 68k) ma anche avanti (è in lavorazione una versione per MacOs X), ma le sue caratteristiche più interessanti sono altre.

Opera, il secondo browser con iCab a sfidare le poderose macchine da guerra di Microsoft e Nestcape, è a buon punto. Come già  scritto da Macity nei giorni scorsi una versione beta funzionante potrebbe arivare nelle prossime settimane e costituire una seria alternativa per molti utenti della nostra piattaforma.
Le sue caratteristiche saranno: ridotte dimensioni, velocità  e scarsa occupazione di memoria; in nessuna di queste, nonostante gli ultimi ritocchi, sono in grado di brillare IE e Communicator.
In più, al contrario di quanto accade sempre più spesso, gli sviluppatori hanno tenuto in considerazione anche chi non dispone di macchine tanto nuove come quelle che servono a far girare i prodotti di Microsft e Netscape. Ci sarà  infatti anche una versione per 68k che sarà  quasi del tutto identica a quella per PPC.
Ma Opera non guarda solo indietro, guarda anche avanti così che una versione per MacOs X “carbonizzata” è già  in corso di lavorazione.