Amazon sta progettando i suoi AirPods con Alexa

Anche Amazon vuole i suoi AirPods con Alexa. Nuovo tentativo per portare l’assistente vocale fuori dalle case, dopo il flop dello smartphone Amazon Fire. Caratteristiche e funzioni attesi

Amazon sta progettando ai suoi AirPods con Alexa

Amazon sta progettando i suoi auricolari senza fili stile AirPods con integrato l’assistente vocale Alexa. Secondo una fonte che si dice vicina ai piani dell’azienda, arriveranno entro la seconda metà dell’anno e dei celebri auricolari di Apple non imiteranno soltanto il design ma anche parte del loro funzionamento.

L’indiscrezione è riportata da Bloomberg, che ne anticipa alcuni dettagli. Amazon – dicono – starebbe cercando di migliorare la qualità audio degli auricolari, la cui forma sarebbe invece già definita. Proprio come i rivali Apple, saranno in grado di assicurare un’ottima stabilità senza l’ausilio di archetti intorno alle orecchie, come invece fanno i nuovi Powerbeats Pro.

Si tratta di uno dei progetti più importanti di Lab126, la divisione hardware di Amazon che già dallo scorso anno starebbe lavorando all’evoluzione di Echo conosciuta con il nome in codice Vesta, una sorta di robot per la casa con Alexa integrato.

Amazon sta progettando i suoi AirPods con Alexa

Con gli auricolari di Amazon – rivela la fonte – gli utenti saranno in grado di ordinare prodotti, accedere alla musica, alle informazioni meteo e tanto altro attraverso la propria voce. Basterà dire “Alexa” proprio come si è già soliti fare oggi con gli speaker Echo, mentre la riproduzione musicale e le telefonate si controlleranno attraverso alcune gesture fisiche.

Come prevedibile gli auricolari Amazon in stile AirPods, che sembra arriveranno in nero oppure nella colorazione grigia, non avranno connettività cellulare integrata ma richiederanno l’associazione con uno smartphone per poter funzionare e saranno venduti insieme a una custodia che funzionerà anche da caricatore.

Lo sviluppo di questo progetto è un passo importante per la divisione hardware di Amazon, che dopo il clamoroso flop dello smartphone Fire è riuscita a riscattarsi con la gamma di altoparlanti intelligenti Echo, grazie alla quale ha portato l’assistente vocale Alexa in milioni di case. D’altronde inserirsi il prima possibile nel mercato degli indossabili potrebbe essere una mossa indovinata, visto che è in rapida crescita: soltanto nel quarto trimestre sono stati venduti 12,5 milioni di auricolari, di cui il 60% sono AirPods.