Anonymous sfida gli hacker di Lizard Squad

Lizard Squad, il gruppo hacker dietro recenti attacchi ai network PSN e Xbox, ha attaccato anche il network di comunicazione anonima Tor. L’ultima mossa non è piaciuta agli hacktivists di Anonymous‏.

All’attacco del network Tor del team di hacker denominato Lizard Squad, risponde la comunità di Anonymous, pubblicando dettagli su uno dei membri del presunto gruppo di attacker. Dopo l’attacco ai network PSN e XBox, il gruppo Lizard Squad in un tweet scriveva: “All your onions are belong to us” con riferimento al logo del sistema di comunicazione anonima per Internet basato sul protocollo di onion routing, affermando successivamente anche il sistema era a loro dire usato da “hacker, miscredenti e pedofili”.

Gli sviluppatori di Tor hanno risposto spiegando: “Non crediamo vi saranno effetti sull’anonimato o riduzione delle performance in base a ciò che abbiamo visto finora”; sembra che gli hacker hanno tentato un attacco Sybil (sovvertendo i sistemi di reputazione e falsificando alcune identità), con gli attacker che hanno provato a configurare molti relay Tor nella speranza di accaparrarsi una larga fetta di banda della rete Tor.

Anche se gli attacker “avviano migliaia di nuovi relay”, Tor spiega che i relay coinvolti riguardano meno dell’1% della capacità del network e di stare lavorando per rimuovere i relay in questione dal network prima che diventano pericolosi.

Gli “hacktivists” di Anonymous‏ hanno chiesto in un tweet agli hacker di Lizard Squad di ritirarsi: “La gente ha bisogno di quel servizio a causa dei governi corrotti”; e scrivendo più tardi ancora che è tempo di “domare queste lucertole” confermando di stare tracciando i membri che fanno parte di Lizard Squad.

Benché non sia chiaro se i dettagli emersi siano legittimi o no, Anonymous‏ in un tweet ha pubblico un link con dettagli di uno dei presunti membri di Lizard Squad con nome, cognome, indirizzo, numero di telefono, password e altri dettagli, pratica conosciuta in gergo come “doxxing”.

Anonymous‏ ha anche pubblicato una schermata con quella che sembra una conversazione tra uno dei membri di Lizard Squad; quest’ultimo chiederebbe a un membro di Anonymous‏ di fermare l’attacco e non coinvolgere la sua famiglia; Lizard Squad ha successivamente pubblicato un tweet spiegando che a loro dire la conversazione in questione è falsa.

lizardsquad_story