Questo sito contiene link di affiliazione per cui può essere compensato

Home » Macity - Apple » Mondo iOS » iPhone Software » Per la Corte Europea le backdoor violano i diritti umani

Per la Corte Europea le backdoor violano i diritti umani

La creazione di una backdoor per poter accedere nei servizi di messaggistica end-to-end criptati come Telegram e Signal erodono la libertà di espressione ed espongono gli utenti ad attacchi di pirati informatici: questo il dictum della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo (siglata ECHR) in una recente sentenza.

Nella sentenza pubblicata il 13 febbraio scorso, la corte si è determinata in senso favorevole all’utente di Telegram Anton Podchasov, che ha intentato una causa contro il governo russo nel 2018, dopo che questo aveva richiesto a Telegram di decrittare messaggi inviati tramite la “chat segreta”.

La corte ha stabilito che, sebbene i criminali possano utilizzare la crittografia end-to-end per comportamenti contro legge, l’introduzione di una backdoor per la crittografia metterebbe a rischio gli utenti innocenti e comuni, erodendo nel contempo il diritto alla libertà di espressione, violando così la Convenzione europea per i diritti dell’uomo.

La Corte Europea boccia le backdoor nelle app di messaggistica

 

La corte ha sostenuto che le backdoor per la crittografia “avrebbero un impatto indiscriminato su tutti”, compresi coloro che non costituiscono una minaccia per i governi, e renderebbero possibile una “sorveglianza routinaria, generale e indiscriminata delle comunicazioni elettroniche personali”.

Iniziative tecniche per garantire e proteggere la privacy delle comunicazioni elettroniche, comprese misure di crittografia, contribuiscono a garantire l’esercizio di altri diritti fondamentali, come la libertà di espressione

La corte ha sostenuto, altresì, che ci sono altre modalità per monitorare le comunicazioni criptate che non richiederebbero una backdoor, ad esempio ottenendo l’accesso ai dispositivi di comunicazione.

La vicenda

Podchasov ha presentato una causa contro il governo del suo paese nel 2018, sostenendo che l’obbligo imposto a Telegram di fornire i log delle chat degli utenti sospettati di terrorismo avrebbe comportato la decrittazione di tutte le comunicazioni degli utenti, violando così le convenzioni dei diritti umani europei. Telegram si era rifiutato di adempiere a tale obbligo, ottenendo il ban in Russia nell’aprile 2018.

La causa di Podchasov ha attraversato diverse fasi di appello ed è giunta alla Corte suprema del paese, che l’ha respinta, portandola infine alla Corte europea dei diritti dell’uomo.

La Corte Europea boccia le backdoor nelle app di messaggistica
Foto dima solomin- unsplash

Nella sua ultima sentenza, la corte ha stabilito che la Russia ha violato l’articolo 8 della Convenzione europea per i diritti dell’uomo, il quale garantisce “il diritto al rispetto della vita privata e familiare, del domicilio e della corrispondenza”.

Decidendo a favore di Podchasov, la corte europea ha affermato che l’obbligo di decrittare le comunicazioni E2EE “non può essere considerato necessario in una società democratica” e che le leggi che consentono l’accesso alle comunicazioni senza adeguate garanzie ledono i diritti e “superano ogni margine di apprezzamento accettabile in tal senso”.

Tutte le notizie che parlano di Telegram sono disponbili qui.

Offerte Apple e Tecnologia

Le offerte dell'ultimo minuto le trovi nel nostro canale Telegram

Top offerte Apple su Amazon

Confronto iPhone 15 contro iPhone 14, quale scegliere

Su Amazon ancora ribassi per iPhone 15, ora al minimo storico con prezzo da 769€

Si allarga lo sconto su iPhone 15. Sono in promozione sia i modelli da 128 Gb che quelli di 256 Gb. Risparmio record fino al 21% e prezzi di 210 € sotto quelli consigliati da Apple.

Ultimi articoli

Pubblicità