Acquisizione Apple della divisione chip-modem di Intel: la trattativa è in fase avanzata

Tornano le voci secondo le quali Apple è in trattativa per brevetti e tecnologie di Intel legate ai chip-modem 5G. A corroborare le indiscrezioni ora è il Wall Street Journal.

Apple non utilizzerà il modem 5G di Intel nei futuri iPhone 2018

La voce non è nuova ma ora arriva una sorta di conferma da parte del Wall Strret Journal: Apple è in “trattiva avanzata” per acquisire la divisione chip-modem di Intel, pronta a offrire 1 miliardo di dollari o più per relativi brevetti e assumere i dipendenti della Casa di Santa Clara,

L’accordo potrebbe essere siglato a breve secondo il quotidiano che si occupa principalmente di affari e finanza; le due aziende sarebbero in trattativa da anni, negoziazioni interrotte e riprese più volte, con una sospensione in concomitanza all’accordo che ha messo fine alle dispute legali tra Apple e Qualcomm che ha portato a un accordo globale di licenza di brevetto e un accordo per la fornitura di chipset.

In concomitanza dell’annuncio che ha messo fine a tutte le dispute legali in corso tra Apple e Qualcomm, inclusa quella con i subfornitori, Intel ha deciso di abbandonare lo sviluppo dei modem 5G. Secondo fonti del WSJ la divisione chip-modem di Intel perde una media di 1 miliardo di dollari l’anno.

Indiscrezioni riferiscono che Apple sia da tempo al lavoro per sviluppare un suo chip-modem 5G e che di questo settore si occupa un team guidato da Johny Srouji, vice presidente senior hardware. Il chip progettato da Apple potrebbe arrivare nel 2022 e nel frattempo l’azienda si appoggerebbe a Qualcomm che ha già suoi chip-modem 5G.

Intel mostrerà l’Ice Lake a 10nm e l’Intel Core i9-9900KS in grado di attivare tutti gli otto core a 5GHz

L’acquisizione di talenti, brevetti e tecnologie di Intel, permetterebbe di accelerare le fasi di sviluppo. Pochi mesi addietro è stato assunto Umashankar Thyagarajan, in precedenza a capo dell’infrastruttura di Intel che si occupa di chipset per telefonia cellulare.

Intel è diventata fornitore di chip-modem per Apple dalla fine del 2016, una scelta nata per contrastare Qualcomm, azienda con la quale fino a poche settimane addietro erano in corso battaglie su brevetti, royalty e formule operative di impresa.  La Mela aveva scelto la Casa di Santa Clara come fornitore unico dei Modem 5G per gli iPhone; ha successivamente cercato di ottenere anche i modem 5G ma a un certo punto sono cominciate a circolare voci secondo le quali Intel non sarebbe stata in grado di garantire questo componente neanche per il 2020 e Apple, volente o nolente, è stata in qualche modo costretta alla pace con Qualcomm

l portafoglio di telefonia cellulare di Intel consiste in circa 6000 brevetti legati agli standard 3G, 4G e 5G e 1700 asset che riguardano l’implementazione di tecnologie wireless. Il secondo portafoglio è più piccolo, solo 500 brevetti, ma questi avrebbero un campo di applicazione ampio, sia nel settore dei semiconduttori, sia in quello industriale.