Questo sito contiene link di affiliazione per cui può essere compensato

Home » Macity - Apple » Mondo iOS » il mio iPhone » Musk attacca ChatGPT su iOS 18 ma non ha capito come funziona

Musk attacca ChatGPT su iOS 18 ma non ha capito come funziona

Pubblicità

Elon Musk sembra spaventato dall’accordo che consente di richiamare alcune funzionalità AI offrendo anche a ChatGPT tra le esperienze offerte in iOS 18, iPadOS 18 e macOS Sequoia, permettendo all’utente di accedere direttamente alle capacità di comprensione delle immagini e dei documenti senza dover passare da uno strumento all’altro.

Anche Siri, se l’utente lo ritiene opportuno, può affidarsi a ChatGPT quando serve. Prima di inviare domande, foto o documenti a ChatGPT, Siri chiede l’autorizzazione dell’utente e poi presenta direttamente i risultati.

ChatGPT sarà inoltre disponibile nei “Writing Tools” della Mela a livello di sistema, strumenti che aiutano l’utente a generare contenuti per qualsiasi cosa si stia scrivendo. Con Compose, ad esempio, è possibile accedere agli strumenti di ChatGPT per generare immagini in un’ampia gamma di stili da integrare nel contenuto scritto.

Elon Musk non ha evidentemente capito come funziona ChatGPT su iOS, e altri dettagli sulla partnership che permettono di inviare query in modo sicuro. Apple ha ampiamente evidenziato le protezioni della Privacy integrate per gli utenti che accedono a ChatGPT: i loro indirizzi IP vengono oscurati, e OpenAI non conserva le richieste. Agli utenti che, – eventualmente – scelgono di collegare i loro account, verrà applicata la politica per il trattamento dei dati di ChatGPT.

Musk in un post sembra arrabbiato indicando che se Apple integrerà OpenAI a livello di sistema, metterà al bando i dispositivi della Mela dalle sue aziende. I visitatori dovranno lasciare i loro dispositivi in una gabbia di Faraday (un contenitore che isola l’oggetto rispetto all’ambiente interno). L’imprenditore accusa Apple di non saperne abbastanza di sicurezza, e dopo una serie di tweet non mancano i consueti deliri complottisti…

ChatGPT integrato in iPhone, iPad e Mac, lo useremo così

Nel corso del keynote di presentazione dei futuri sistemi operativi di Apple,  Craig Federighi –  Senior Vice President responsabile Software Engineering a Cupertino – ha più volte ribadito che l’utente ha pieno controllo dei dati inviati a ChatGPT, sottolineando che qualsiasi dato inviato non viene tracciato o memorizzato. Sia Apple, sia OpenAI, sottolineano che l’invio di qualunque dato avviene con l’esplicito consenso dell’utente. In un post sul blog aziendale, OpenAI conferma che le richieste “non sono memorizzate” e che gli indirizzi IP degli utenti sono oscurati. Come accennato, chi ha un account ChatGPT a pagamento può sfruttarlo, collegando l’account esistente, ma si tratta di una scelta opzionale.

ChatGPT sarà integrato in iPhone, iPad e Mac,+ lo useremo così

La Casa di Cupertino ha ribadito più e più volte che per le funzionalità che sfruttano la Apple Intelligence ha predisposto ulteriori livelli di privacy: le persone non devono scegliere tra le funzioni di intelligenza evolute basate sul loro contesto personale e una solida protezione della propria privacy; sono state predisposte funzioni come la possibilità di bloccare e nascondere le app per proteggere i contenuti che si desidera mantenere riservati sul proprio telefono. Altre funzioni introdotte pensate per la privacy e la sicurezza sono la categorizzazione dei messaggi in Mail, Messaggi via satellite e l’anteprima per chi presenta.

Elemento fondante di Apple Intelligence è l’elaborazione on-device, che offre un sistema di intelligenza personale senza dover raccogliere i dati dell’utente. Nelle situazioni in cui un utente ha necessità di accedere a modelli più grandi di quanto sia possibile avere in un dispositivo tascabile come un iPhone, il Private Cloud Compute permette ad Apple Intelligence di essere flessibile e aumentare la capacità computazionale attingendo a modelli più grandi basati su server per gestire richieste più complesse, il tutto sempre proteggendo la privacy dell’utente.

Quando si indirizza una richiesta passando dal Private Cloud Compute della Mela i dati vengono usati esclusivamente per elaborare tale richiesta: Apple non può accedervi né archiviarli.

ChatGPT arriverà su iOS 18, iPadOS 18 e macOS Sequoia più avanti nel corso di quest’anno e si baserà su GPT-4o. L’utente potrà accedervi gratuitamente senza dover creare un account, e chi si abbona a ChatGPT potrà collegare gli account e accedere direttamente alle funzioni a pagamento.

Le versioni preliminari (beta) di iOS 18, iPadOS 18, macOS 15 Sequoia e watchOS 11 sono sono già disponibile per gli sviluppatori. A luglio arriveranno le versioni per beta tester. Le versioni definitive dei vari sistemi arriveranno in autunno (probabilmente a fine settembre o inizio ottobre).

Per tutte le notizie che ruotano attorno a iOS 18 il link da seguire è direttamente questo.

Offerte Apple e Tecnologia

Le offerte dell'ultimo minuto le trovi nel nostro canale Telegram

Top offerte Apple su Amazon

I nuovi iMac con chip M3, Wi-Fi 6E e Bluetooth 5.3

Sconto del 24% su iMac M3, solo 1412 € per versione 8+10 core

Su Amazon va in sconto va al minimo l'iMac con processore M3 in versione base. Lo pagate 330 euro meno del suo prezzo di listino nella configurazione con 256 GB di disco, CPU 8-core e GPU 10-core, solo 1412 €, riobasso del 24%
Pubblicità

Ultimi articoli

Pubblicità