Firefox 53, ancora più stabile e con funzioni per affaticare meno gli occhi

La nuova release di Firefox integra migliorie nella gestione dei processi, due nuovi temi (Compatto chiaro e Compatto scuro) e altre novità.

Firefox

Mozilla ha rilasciato la versione 53 di Firefox, aggiornamento che include la prima integrazione del “Project Quantum” e altri miglioramenti dietro le quinte.

“Project Quantum” è il motore del browser di prossima generazione che secondo Mozilla è in grado di sfruttare al meglio la potenza dell’hardware moderno. Con Firefox 53 gi viene distribuito il primo frutto in questa direzione, l’elemento che gli sviluppatori chiamano “Quantum Compositor”.

Dal punto di vista tecnico gli sviluppatori hanno isolato un componente fondamentale del motore interno di Firefox (il compositore grafico), mettendolo in esecuzione in un processo separato dal processo principale del browser. Il compositore determina che cosa venga visualizzato sullo schermo fondendo in un’unica immagine tutti i livelli di grafica elaborati dal browser, un po’ come accade con i livelli delle immagini in Photoshop.

Poiché sfrutta il processore della scheda grafico (GPU) invece del processore tradizionale (CPU), il Quantum Compositor riesce a elaborare dati a una velocità elevata. Grazie all’esecuzione in un processo separato, un eventuale arresto anomalo di Quantum Compositor causato da bug nei driver della scheda video non comporterebbe l’interruzione dell’intera sessione di Firefox, e neppure un blocco della scheda attualmente aperta.

A detta di Mozilla in fase di test, Quantum Compositor ha consentito di ridurre gli arresti anomali del browser di circa il 10%. Questa nuova funzione sarà attivata per circa il 70% degli utenti Firefox: quelli su Windows 10, 8 e 7 (con Platform Update), sui computer con schede grafiche Intel, Nvidia o AMD. E gli utenti Mac? Mozilla dice che non sono stati tralasciati e che in realtà la composizione grafica di macOS è di per sè abbastanza stabile da non richiedere l’esecuzione del compositore in un processo separato.

Per quanto riguarda altre novità, l’ultimo aggiornamento di Firefox per desktop offre due nuovi temi: “Compatto chiaro” e “Compatto scuro”. Il tema Compatto chiaro riduce l’interfaccia utente del browser (il “chrome”), mantenendo la combinazione di colori chiara predefinita di Firefox. Il tema Compatto scuro invece inverte i colori per prevenire l’affaticamento della vista, specialmente in ambienti con scarsa illuminazione. I nuovi temi possono essere attivati dal pulsante Menu > Componenti aggiuntivi (oppure digitando about:addons nella barra degli indirizzi). Da qui basta selezionare il pannello “Aspetto” e attivare il tema desiderato.

Per sfruttare appieno le potenzialità di molti siti web è necessario garantire loro i permessi per accedere all’hardware del dispositivo o inviare notifiche all’utente. Per esempio, le app di videoconferenza richiedono accesso a fotocamera e microfono, mentre le mappe, per evitare all’utente di digitare un intero indirizzo, richiedono accesso alla posizione corrente. Similmente, i siti di news e social network spesso chiedono i permessi di inviare notifiche per i nuovi messaggi ricevuti o le ultime notizie.

L’ultimo aggiornamento di Firefox per desktop introduce una interfaccia ridisegnata dedicata alla gestione dei permessi accordati ai siti web. Dalla versione corrente, ogni volta che un sito visitato richiederà di accedere all’hardware sensibile o inviare notifiche, si aprirà una finestra di dialogo che evidenzia esplicitamente i permessi richiesti dal sito. È sempre possibile modificare in un secondo momento i permessi facendo clic sull’icona “i” nella barra degli indirizzi.