fbpx
Home Macity Hardware Apple Intel sostiene Apple nella transizione ai processori ARM

Intel sostiene Apple nella transizione ai processori ARM

Come ha ben rilevato Tim Cook durante il keynote Apple WWDC 2020 l’arrivo di Apple Silicon, cioè dei processori per Mac progettati da Cupertino su architettura ARM è un evento epocale: anche se i Mac ARM al momento non esistono e sembra arriveranno entro la fine di quest’anno, l’annuncio segna l’inizio della fine della storia d’amore tra Apple e Intel: ora il colosso dei processori di Santa Clara dichiara il suo supporto a Cupertino per tutto il periodo di transizione.

«Apple è un cliente in diverse aree di attività e continueremo a supportarle» dichiara un portavoce Intel. «Intel rimane focalizzata sulla fornitura delle esperienze PC più avanzate e su una vasta gamma di scelte tecnologiche che ridefiniscono il computing. Crediamo che i PC basati su Intel – come quelli basati sulla nostra prossima piattaforma mobile Tiger Lake – offrano ai clienti globali la migliore esperienza nelle aree per loro più importanti, così come la piattaforma più aperta per gli sviluppatori, sia oggi che in futuro».

Mac con ARM, la rivoluzione mite: uguali fuori, stravolti dentroIn sostanza Intel riconosce l’importanza del partner commerciale Apple, ribadendo la superiorità delle proprie CPU e piattaforme. Naturalmente sull’altro versante Apple è certa di poter ottenere con i suoi processori livelli di prestazioni superiori con consumi di energia inferiori, oltre a una livello di diversificazione e personalizzazione delle macchine impossibile da raggiungere affidandosi a CPU progettate da altri, come invece continuano a fare praticamente tutti gli altri costruttori di PC Windows che impiegano processori con architettura X86 progettati da Intel e AMD.

La transizione di Apple da Intel ai processori proprietari ARM è epocale non solo per Apple ma per l’intero mercato: il colosso di Cupertino rafforza ulteriormente la sua posizione diventando il primo e unico costruttore di computer al mondo che progetta internamente tutto: hardware, sistemi operativi e processori, ottenendo il controllo totale su piattaforma e dispositivi.

Intel sostiene Apple nella transizione ai processori ARMAlla WWDC 2020 i dirigenti di Cupertino hanno anticipato però che non sarà un transizione rapida: Apple ha ancora in cantiere computer Mac con processori Intel che verranno introdotti nei prossimi mesi. I primissimi Mac ARM, sono attesi un MacBook Pro 13” e un iMac, forse arriveranno entro la fine di quest’anno: la migrazione completa dai processori Intel ai Mac ARM durerà circa due anni.

Per tutte le altre notizie di approfondimento sull’edizione 2020 della WorldWide Developer Conference potete dare uno sguardo all’interno di questa sezione del nostro sito web. L’articolo riepilogativo delle novità principali della WWDC 2020 è invece qui.

Offerte Speciali

Airpods Pro al minimo prezzo storico: sconto da 45 euro

Airpods Pro su Amazon in forte sconto: solo 199,99 €

Su Amazon gli Airpods Pro scendono di prezzo. Le comprate a prezzo scontato e spedizione immediata a 203,50 euro invece che 279 euro.
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,664FansMi piace
94,038FollowerSegui