iPhone 6,1 pollici LCD conterrà i costi, sacrificando il 3D touch

Apple sacrificherà il 3d touch su iPhone 6,1 pollici con schermo LCD; in questo modo sarà possibile contenere i costi, senza rinunciare al Face ID.

Mentre si fanno sempre più fitte le voci di una prossima line up iPhone 2018 composta da tre diversi modelli, iniziano ad emergere dettagli sull’unico con tecnologia LCD, quello con diagonale da 6,1 pollici. Non sembrano esserci dubbi che sarà il più economico dei tre, ma dovrà rinunciare, a funzioni presenti sugli altri due.

In particolare sebbene iPhone LCD sarà comunque in grado di offrire supporto a Face ID, secondo l’analista di KGI, Kuo, non avrà alcuna funzione 3D touch. Inoltre, avrebbe un corpo in alluminio, una sola fotocamera posteriore, quindi come l’attuale iPhone 8. Ciò nonostante, si legge sul rapporto, questa carenza non influirà in alcun modo sulla user experience, che rimarrà inalterata, anche grazie al supporto di un iOS sempre più avanzato e ricco di funzioni.

In questo modo, con la rimozione del 3D touch, per Apple sarà possibile ridurre al minimo i costi di produzione; per questo, KGI rivede i pronostici sul prezzo, ritenendo possibile per iPhone LCD da 6,1 pollici un range compreso tra 650/750 e 700/800 dollari. Ad ogni modo, tra le caratteristiche tecniche possibili per lo smartphone, lo stesso rapporto accredita il device di 3 GB di RAM.

Anche nel form factor il dispositivo potrebbe essere simile ad iPhone 8, anche se con differenze sul posizionamento della scheda logica e una batteria rettangolare. Ad ogni modo, il sacrificio del 3D touch, sempre che fosse confermato, lascerebbe intendere che si tratta di una tecnologia “sacrificabile” per Apple. E’ verosimile, perché lanciata con tante speranze con iPhone 6s, non si è mai rivelata una killer feature, e non sembra essere stata al centro dei pensieri degli sviluppatori. Il suo impiego è davvero limitato, comunque non indispensabile.