Questo sito contiene link di affiliazione per cui può essere compensato

Home » Hi-Tech » Finanza e Mercato » Lenovo smentisce: nessun blocco di vendite dai governi per i nostri computer

Lenovo smentisce: nessun blocco di vendite dai governi per i nostri computer

Lenovo smentisce quanto asserito ieri dal sito AFR (Australian Financial Review) a proposito della presenza di una backdoor integrata nei loro sistemi che consentirebbe l’accesso in remoto all’insaputa dell’utente. Stando a quanto aveva riportato il sito in questione, in seguito a questa scoperta i servizi d’intelligence della difesa del Regno Unito, Stati Uniti, Australia, Canada e Nuova Zelanda avrebbero bloccato l’acquisto di PC di questa marca.

A detta di Lenovo le affermazioni in questione non sono veritiere e in una comunicazione (inviata anche a Macitynet) evidenzia lo statement reso pubblico dal Dipartimento della Difesa Australiano, ora disponibile sul loro sito web, nel quale non si chiarisce ad ogni modo se la backdoor è presente o no, ma solo che Lenovo non è accreditata a vendere al Dipartimento della Difesa e alla sua rete materiale “classificato” (con specifici nulla osta di sicurezza) e “non classificato”. Il mancato accreditamento insomma non smentisce e non conferma la presenza di backdoor.

Quanto riportato dal Dipartimento della Difesa, non costringe, infatti, a fare marcia indietro l’Australian Financial Review: “Siamo rimasti sopresi” si legge in una dichiarazione, “poiché prima di pubblicare l’articolo abbiamo passato due giorni avanti e indietro contattando il Dipartimento con una semplice richiesta: confermate o ritrattate, per cortesia, se esiste o no un divieto sui prodotti Lenovo, come a noi era stato fatto sapere? In nessuna delle innumerevoli conversazioni con la Difesa è stata negata la presenza del divieto”.

A contribuire probabilmente a creare confusione, il fatto che in precedenza il Dipartimento della Difesa usava computer IBM. Con l’acquisizione da parte di Lenovo della divisione che produceva e commercializzava i sistemi a tecnologia x86, il contratto non è stato rinnovato e qualche dirigente del Dipartimento potrebbe aver erroneamente interpretato il mancato rinnovo dei contratti come assenza di requisiti di sicurezza.

Lenovo smentisce

Offerte Apple e Tecnologia

Le offerte dell'ultimo minuto le trovi nel nostro canale Telegram

Top offerte Apple su Amazon

iPhone 15 Plus per la prima volta in sconto su Amazon

Minimo storico iPhone 15 Plus, 128 GB a 979€, 256 Gb a 1099€

Su iPhone per la prima volta scende sotto il minimo il prezzo di iPhone 15 Plus da 128GB. Ribasso a 979€ che è il minimo storico. Versione da 256 GB a 1099

Ultimi articoli

Pubblicità