HomeMacityAndroid WorldLo spyware Pegasus usato da alcuni governi contro giornalisti, attivisti e politici

Lo spyware Pegasus usato da alcuni governi contro giornalisti, attivisti e politici

Alcuni giornalisti e attivisti per i diritti umani sono stati oggetto di tentativi di hacking usando lo spyware Pegasus. È quanto emerge da un’inchiesta giornalistica che segnala – tra le altre cose – obiettivi come gli smartphone di persone legate al giornalista ucciso Jamal Khashoggi e la direttrice dell’FT, dispositivi che sarebbero stati violati sfruttando questo strumento di spionaggio.

Il tool in questione è un software israeliano creato da NSO Group, un gruppo che sviluppa spyware sfruttati da governi e forze dell’ordine in tutto il mondo. Il tool più noto di NSO Group si chiama “Pegasus” ed è uno spyware in grado di effettuare il jailbreak di dispositivi come gli iPhone e installare malware con il quale estrapolare dati dai dispositivi all’insaputa degli utenti.

17 organizzazioni giornalistiche mondiali — incluse il Guardian e il Washington Postriferiscono di alcuni governi che avrebbero usato il software israeliano in modo illegale per attaccare oppositori del governo e non solo criminali.

Tra i governi che avrebbero utilizzato il programma ci sono quello dell’Ungheria, guidato da Viktor Orban, ma anche i governi di Arzerbaigian, Bahrain, Kazakistan, Messico, Marocco, Ruanda, Arabia Saudita, India ed Emirati arabi uniti.

Individuate vulnerabilità che permettono di bloccare in remoto server Linux e FreeBSD

Amnesty International e l’organizzazione giornalistica francese Forbidden Stories parlano di 50.000 numeri di telefono potenzialmente spiati usando il programma israeliano. Dai dispositivi “infettati” con Pegasus è possibile estrarre dati vari ma anche attivare da remoto fotocamera e microfono, leggere messaggi cifrati, registrare chiamate, acquisire coordinate GPS.

“Pegasus project” è il nome del consorzio messo insieme dalle organizzazioni giornalistiche che stanno studiando la questione; nei prossimi giorni il consorzio rivelerà i nomi di alcuni dei potenziali obiettivi dello spionaggio, inclusi – spiega il Guardian, “centinaia tra uomini d’affari, autorità religiose, accademici, operatori di Organizzazioni non governativi, sindacalisti, funzionari governativi, ministri, presidenti e primi ministri”.

In una dichiarazione a The Verge, NSO nega quanto indicato nell’inchiesta giornalistica, affermano che questa “si fonda su molti presupposti sbagliati e teorie senza riscontri che suscitano dubbi sull’affidabilità e gli interessi delle fonti”. L’azienda israeliana nega il loro coinvolgimento, lasciando intendere di volere intentare una causa per diffamazione spiegando che “le accuse sono infondate e lontane dalla realtà”.

La società israeliana NSO ha sempre riferito che dopo aver venduto il software a governi «accuratamente selezionati», non ne ha più il controllo operativo, né può avere accesso ai dati delle persone spiate. NSO afferma ancora di vendere i suoi strumenti soltanto a forze armate, polizie e agenzie di intelligence, sostenendo di controllare con cura che gli acquirenti rispettino i diritti umani.

Ad aprile del 2020 è emerso che Facebook voleva comprare lo spyware sviluppato da NSO Group. Facebook è attualmente in causa con NSO per lo sfruttamento di vulnerabilità in  WhatsApp che permettevano l’installazione di spyware da remoto su iPhone dispositivi Android. Pegasus è lo spyware che sarebbe stato sfruttato per spiare Jamal Khashoggi, il giornalista collaboratore del Washington Post e critico del regime ucciso nel consolato saudita di Istanbul nel 2018.

Offerte Speciali

iPhone 14 Plus, cinque cose da sapere

Minimo storico, iPhone 14 Plus 256 GB con risparmio di 182€

Tornano gli sconti su iPhone 14 Plus. Ribasso di 182 euro per la vera novità nel campo degli iPhone 2022. Minimo storico
Pubblicità

Ultimi articoli

Pubblicità

Iguida

Faq e Tutorial