Questo sito contiene link di affiliazione per cui può essere compensato

Home » Macity - Apple » Software / Mac App Store » Mac App Store: per vendere il segreto sono prezzi bassi e visibilità 

Mac App Store: per vendere il segreto sono prezzi bassi e visibilità 

Mac App Store fa crescere le vendite degli sviluppatori e abbassare il prezzo non sempre equivale a guadagnare meno. Ecco due degli elementi di fondo che si possono trarre dalle storie pubblicate a 20 giorni dal lancio degli sviluppatori che lavorano con la vetrina software allesita da Apple. Diverse società, doversi pareri ma che, come si può dedurre da un articolo di ReadWriteWeb che guarda oltre la dichiarazione ufficiale di Apple circa 1 milione di download del primo giorno, disegnano un quadro piuttosto ottimistico, soprattutto in prospettiva futura, sul servizio in funzione di visibilità e profitto.

Nei dati che emergono dalla rete si scoprono così storie diverse e non tutte identiche alle vendite milionarie registrate da Pixelmator. L’effetto di Mac App Store è in generale ritenuto positivo o molto positivo dagli sviluppatori, in ogni caso emergono importanti differenze che dipendono in primo luogo dalle dimensioni e dall’importanza dello sviluppatore e anche da altri fattori, come per esempio le segnalazioni da parte dello staff di Apple. Iniziamo dagli sviluppatori più piccoli che hanno visto una partenza modesta il giorno dell’inaugurazione per poi osservare un maggior numero di transazioni nei giorni seguenti. 4×4 Offroad Racing ha totalizzato 93 vendite il primo giorno e poi 364 a distanza di qualche giorno: sempre dello stesso sviluppatore Bubble Bang è passato dalle 17 copie al lancio a 55, Bubblez da 7 copie a 29. Questi incrementi sono stati possibili anche grazie alla riduzione di prezzo.

Altri giochi e app di sviluppatori minori hanno registrato vendite di alcune decine di unità, come per esempio Time Donkey 13 vendite, fino a diverse centinaia come Guns of Icarus 449 unità, Age of Tribes circa 200 vendite per ciascuno dei primi due giorni di apertura. L’effetto positivo di Mac App Store e della sua vetrina mondiale risulta decisamente più consistente per i programmi già noti e per gli sviluppatori più importanti. Per esempio l’app Evernote per registrare e gestire gli appunti ha registrato il doppio delle vendite il giorno del lancio con un totale di 166.789 download, di cui più della metà è attribuita agli utenti Mac App Store. Il gioco Chopper 2 ha registrato vendite per 30mila copie per un totale di 20mila dollari di ricavi, anche se non sono forniti numeri per confrontare le vendite pre-Mac App Store.

Completamente positivo il giudizio su Mac App Store dello sviluppatore LittleFin Software autore di Compartments (da 7 copie al giorno prima di Mac App Store a oltre 1500 copie il giorno del lancio. Dello stesso sviluppatore anche Chronicle che ha visto decuplicare le vendite raggiungendo 80-100 copie al giorno grazie allo store delle App. Il fondatore della software house ha dichiarato che grazie a Mac App Store è possibile raggiungere volumi di vendita adeguati che permettono di proporre le app a prezzi contenuti. Uno degli aspetti più interessanti messi in evidenza da LittleFin riguarda proprio il fattore prezzo; offrire un’app ad un prezzo più basso non significa guadagnare meno. Anzi in molti casi significa guadagnare di più.

Altri sviluppatori ancora segnalano una impennata di vendite al giorno del lancio e poi un ritorno a numero di vendita sensibilmente inferiori nei giorni seguenti come nel caso di RapidWeaver di RealMacSoftware. Per altri sviluppatori ancora l’effetto Mac App Store è stato così contenuto da non essere avvertibile, almeno all’inizio, posticipando ai prossimi mesi un giudizio più ponderato tramite le osservazioni.

Tra i fattori fondamentali per avere buone vendite c’è quello della visibilità offerta in vetrina da Apple. Avere una esposizione significa moltiplicare per anche per cinque il numero di download che si possono ottenere in un solo giorno. Va anche detto che ci sono però sviluppatori che hanno avuto um grande successo semplicemente avendo riscontri su siti specializzati che si sono occupati di fare segnalazioni positive di applicazioni in vendita.

In definitiva il giudizio su Mac App Store risulta positivo per la maggior parte degli sviluppatori. Questo sembra valere di più per i software proposti a prezzi contenuti, e non solo grazie agli sconti, ma anche per il tipo di programma proposto, una app, utility o giochi che richiedono meno tempo di sviluppo costano sempre meno di una che ha costi più alti perchè impegna molto tempo e molte risorse. La disponibilità di una vetrina mondiale non può che tornare a vantaggio degli sviluppatori: nei mesi a venire sarà possibile stilare un resoconto più informato dei vantaggi di Mac App Store. Allora sarà anche possibile valutare gli effetti di Mac App Store per i programmi più complessi che per forza di cose devono essere proposti a prezzi superiori.

Offerte Apple e Tecnologia

Le offerte dell'ultimo minuto le trovi nel nostro canale Telegram

Top offerte Apple su Amazon

Amazon fa il "tre per due" su iPhone 13,  lo sconto è del 33%!

L’iPhone low cost è iPhone 13, minimo storico a 599 €

Incredibile super su Amazon per iPhone 13 da 128 GB. Lo pagate il 21% in meno del suo prezzo e risparmiate 160 €. Solo 599 €.

Ultimi articoli

Pubblicità