fbpx
Home Hi-Tech Giochi e Console Microsoft prende le distanze da App Store: la nostra commissione Xbox è...

Microsoft prende le distanze da App Store: la nostra commissione Xbox è diversa

Il vicepresidente esecutivo dei giochi di Microsoft ha affermato che la commissione per i giochi Xbox – ossia la fetta di denaro che prende la società per i giochi venduti attraverso la propria piattaforma – non è paragonabile a quella di Apple per l’App Store. Ecco perché.

Prima della parziale inversione di Apple nel dimezzare la commissione che addebita alla maggior parte degli sviluppatori, il produttore di iPhone aveva indicato le console di gioco come prova del fatto che il 30% era una commissione standard del settore. Ma Phil Spencer di Microsoft, però, ha rifiutato il confronto, per due motivi.

Anzitutto, è una questione di numeri:

Ci sono un miliardo di telefoni cellulari sul pianeta […] Penso che ci siano 200 milioni di console di gioco vendute in una generazione su tutte le nostre piattaforme. È meno di un anno di vendite di telefoni. Il numero non è nemmeno vicino

Questo è stato uno degli argomenti principali in materia di antitrust: Apple non può affermare che si tratta di una piattaforma opzionale quando ci sono circa un miliardo di persone che utilizzano iPhone. Non è realistico per gli sviluppatori dire, ok, salteremo iOS e lanceremo app solo per Android. In realtà, lo stesso varrebbe per Microsoft, considerando che risulta altrettanto irrealistico per uno sviluppatore di giochi per console decidere di non rilasciare giochi per Xbox.

Microsoft sta portando Xbox remote play su iOS

In secondo luogo, continua il vicepresidente della sezione giochi di Microsoft, i due modelli di business sono totalmente diversi. Apple guadagna dall’hardware e poi prende di più dalle commissioni delle app. Per Microsoft, l’hardware è un leader in perdita.

Una console di gioco fa una sola cosa: far giocare ai videogiochi. Per noi è stato venduto in perdita. Quindi si guadagna vendendo contenuti e servizi. Il modello è molto, molto diverso da Windows, iOS o Android

La commissione per i giochi Xbox e gli abbonamenti in streaming sono gli unici modi in cui l’azienda può guadagnare dalla piattaforma.

Patel ha anche chiesto a Spencer a che punto fosse la diatriba con Apple sull’autorizzazione di uno store Xbox su iPhone. Uno dei motivi che Apple ha fornito per rifiutare su App Store app come xCloud e quello provato da Epic Games, è la sicurezza. Microsoft rifiuta questo argomento, sostenendo che Apple in realtà non vuole servizi di giochi in streaming concorrenti.

Posso capire la loro prospettiva dalla loro posizione. Non dico di essere d’accordo, ma hanno un prodotto competitivo in Apple Arcade che è in contrasto con Xbox Game Pass. Sono sicuro che a loro piace avere Apple Arcade come unico abbonamento ai contenuti di gioco sui loro telefoni. Vogliamo l’accesso a dispositivi di elaborazione su larga scala che riteniamo debbano avere accesso aperto ai servizi desiderati dai clienti

Siamo disposti a lavorare con loro sulla sicurezza e su altre cose che le persone hanno escogitato. Gestiamo una piattaforma che prende la sicurezza e la protezione con molta attenzione. È molto importante per noi su Xbox, quindi quell’argomento non è qualcosa che ci è estraneo.

Per ora, la società ritiene che lo streaming basato sul Web sia una soluzione ragionevole.

Abbiamo questa strada di un browser che funziona per noi e che andremo a costruire, che ci dà accesso, francamente, a molti dispositivi

Questo del browser, è l’approccio adottato da Nvidia, e che porterà Fortnite nuovamente su iPhone.

Offerte Speciali

MacBook Pro M1 pronta spedizione su Amazon

MacBook Pro M1 scontato a 1599 euro per la versione 512GB (uno solo disponibile)

Su Amazon per la prima volta va in sconto il MacBook Pro M1. Risparmiate 110 euro sul listino
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,984FansMi piace
93,611FollowerSegui