Home Hi-Tech Finanza e Mercato Microsoft, smart working permanente per sempre più dipendenti

Microsoft, smart working permanente per sempre più dipendenti

Microsoft sta permettendo a sempre più dipendenti di lavorare permanentemente da casa. Ad annunciarlo è la stessa azienda spiegando che già ora la maggiorparte dei dipendenti sfrutta lo smart working per via della pandemia da COVID-19 ma che anche dopo la fine dell’emergenza sono previste linee guida per consentire una maggiore flessibilità.

Nelle linee guida per il personale si definisce il concetto di hybrid workplace (“luogo di lavoro ibrido”), soluzione che prevede lo smart working per meno del 50% delle ore settimanali. I dipendenti che scelgono di lavorare in modo permanente da remoto rinunciano allo spazio dedicato in ufficio ma in caso di necessità potranno ad ogni modo sfruttare delle postazioni volanti negli uffici Microsoft.

“La pandemia da COVID-19 ha rappresentato una sfida che ci ha costretto a pensare, vivere e lavorare in nuovi modi”, ha spiegato Kathleen Hogan, chief people officer di Microsoft in una mail inviata ai dipendenti. “Offriremo quanta più flessibilità possibile a sostegno degli stili di lavoro, bilanciando le esigenze aziendali e assicurandoci di tenere viva la nostra cultura”.

Microsoft, smart working permanente per sempre più dipendenti

Ci saranno ovviamente funzioni che prevedono sempre e comunque la presenza fisica e i manager dell’azienda potranno consentire ai dipendenti di lavorare interamente in remoto.

Anche altre aziende, tra cui Facebook e Twitter, anche ha deciso dunque di sperimentare il ‘lavoro ibrido’ facendo forte ricorso al lavoro in remoto.

Per quanto riguarda Apple, a settembre il CEO Tim Cook aveva dichiarato di essere rimasto “impressionato” dalla capacità dei dipendenti di lavorare da remoto, prevedendo che alcune nuove abitudini lavorative rimarranno dopo la pandemia. Sslo tra il 10% e il 15% del team della lavora al momento all’Apple Park. Cook visita periodicamente il campus durante la settimana e ha spiegato che “la stragrande maggioranza” dei dipendenti sta ancora lavorando da remoto e che, benché vi siano dei vantaggi come soluzione temporanea, la presenza fisica in ufficio è insostituibile.

“In tutta sincerità”, aveva dichiarato detto Cook, “non è come essere insieme fisicamente e non vedo l’ora che tutti possano tornare negli uffici”. “Non penso si ritornerà come prima; abbiamo individuato delle cose che funzionano molto bene virtualmente ma elementi come la creatività e la serendipità delle coincidenze, dipendono anche dalla possibilità per le persone di incontrarsi durante l’arco della giornata”. “Abbiamo progettato tutti i nostri uffici in modo tale che vi siano aree comuni dove le persone possano aggregarsi e parlare, senza programmare queste conversazioni”.

Offerte Speciali

Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,835FansMi piace
93,829FollowerSegui