Home Hi-Tech Android World Nonda ZUS, in prova il super caricabatterie da auto

Nonda ZUS, in prova il super caricabatterie da auto

Nonda è una piccola società di Palo Alto che produce accessori per dispositivi mobili, molto curati e con soluzioni interessanti: tra tutti, ci è balzato subito all’occhio lo ZUS, un caricabatterie per auto con una doppia presa USB e un sistema di localizzazione semplice ma efficace.

Ma prima di elencare le diverse caratteristiche che lo rendono, probabilmente, il miglior amico dell’automobilista smart, diamo un occhio al design, anch’esso degno di nota: in un mondo nel quale i caricabatterie per auto sono sin troppo anonimi e tutti figli dello stesso sbrigativo design, ZUS offre una interpretazione più originale, con un profilo slanciato e una forma unibody molto bella da vedere. Nelle foto del sito sembrava pure più grande, invece sta agevolmente in una mano e pesa pochissimo.

Nonda ZUS, in prova il super caricabatterie da auto

Nonda ZUS, la recensione

Accendisigari 2.0

Inutile dire che lo ZUS è pensato per un’auto che ha la presa dell’accendisigari lateralmente nel sedile, oppure in una posizione abbastanza alta, dalla quale i fili per la carica dei dispositivi smart escono in modo agevole, ma non tutti sono così fortunati e nella nostra Citroen C4 l’accendisigari è abbastanza sacrificato ma la forma alta dello ZUS si è trovata comunque a proprio agio. Nel sito Nonda è in vendita anche un cavo con connettore USB piegato che si adatta perfettamente allo ZUS.

Per la connessione è necessario scaricare l’App omonima per iPhone o Android e seguire le istruzioni a video, che permettono il pairing in una manciata di secondi direttamente in auto. L’App è anche in grado di mantenere in memoria la connessione con due diversi ZUS e di riconoscere e collegare lo ZUS più vicino in base all’occorrenza (utile per chi ha due auto). Sottolineiamo che l’App serve esclusivamente per le operazioni di dialogo con lo smartphone per il tracciamento GPS, mentre le funzioni di ricarica dello ZUS funzionano anche senza l’App.

Nonda ZUS, in prova il super caricabatterie da auto

Una volta inserito nella presa dell’accendisigari dell’auto e messa in moto, lo Zus accende tre piccoli LED frontali e altri due più grandi dentro le prese USB, in modo da essere riconoscibile quando cerchiamo le prese al buio nei viaggi di sera. Le prese USB sono reversibili, una caratteristica estremamente comoda (viene da chiedersi come mai non sono tutte così, vero Apple?) e permettono di caricare ben due diversi device ad una velocità quasi doppia rispetto ad un normale caricabatterie.

Nei nostri test, rispetto al modello precedente (non smart e a dirla tutta piuttosto economico) i dati di carica sono in effetti quasi raddoppiati. In autostrada, in un viaggio di circa un’ora, lo ZUS ha caricato l’iPhone quasi da zero. Stando alle specifiche, ZUS è in grado di caricare due iPhone 6s contemporaneamente in due ore, poco di più per due Galaxy S6 e ne servono poco meno di 4 per la carica di due iPad Air 2, dati che non abbiamo potuto verificare nella loro interezza ma che ci sentiamo di abbracciare in modo ottimistico data l’impressione che abbiamo avuto su tratti più corti.

Una curiosità: collegato al TOM TOM per la ricarica, quest’ultimo avvisa sempre del collegamento ad un computer, seppure continua a funzionare correttamente.

ZUS, il trovauto

Non bastasse questo, ZUS ha anche una importante (fondamentale per chi, come il vostro articolista, abita in città) caratteristica smart. Ogni volta che accendiamo l’auto, lo ZUS va in carica e si connette da solo con l’iPhone: allo spegnimento del motore, quando si accorge che non arriva più energia, manda un segnale all’App (che deve rimanere aperta in background) che registra la posizione tramite il segnale GPS, avvisando l’utente con un messaggio Push.

La posizione può essere anche richiamata in un secondo momento, anche a giorni di distanza, per ritrovare l’auto: l’App mostra una interessante bussola per determinare la posizione (con uno scarto di circa 15-20 metri, dovuto alle normative vigenti in ambito civile) oppure una più precisa posizione nella mappa, a scelta dell’utente.

Nonda ZUS, in prova il super caricabatterie da auto

In caso di parcheggio in un box o in un sotterraneo, laddove il GPS dell’iPhone non può rilevare la posizione, l’App di ZUS avvisa l’utente e chiede di registrare una foto di un dettaglio, che sarà riportata dopo (del tipo il numero del parcheggio al centro commerciale).

In aggiunta, è anche possibile impostare un allarme sonoro per i parcheggi a tempo: nei nostri test il tracciamento è stato quasi sempre registrato, tranne un paio di volte nelle quali è bastato riaccendere e spegnere l’auto per rilevare correttamente la posizione. A voler trovare un difetto ci sarebbe piaciuto, nell’App, la possibilità di inserire o modificare la posizione manualmente, che di tanto in tanto sarebbe risultata utile: in compenso, è possibile condividere la posizione dell’auto con altre persone via email, che riceveranno un link con la posizione dell’auto nella cartina.

Il miglior compagno di viaggio

Durante il viaggio ZUS è utile per caricare smartphone o tablet di autista e compagno/a di viaggio, oppure di caricare l’iPhone e il TOM TOM allo stesso tempo, fattori fondamentali per chi viaggia molto.

Quando parcheggiamo ZUS fa il proprio lavoro senza l’intervento dell’utente, fattore che lo diversifica da diverse altre App presenti sullo store (che invece necessitano dell’attivazione manuale), e a conti fatti risulta superiore anche alla stessa funzione che si mormora sarà integrata in iOS 10, perché probabilmente questa necessiterà di un collegamento Bluetooth con l’autoradio, fattore non totale nel mercato attuale.

Considerato il costo, l’utilità e la semplicità della proposta, non possiamo che consigliarlo, sia per un utilizzo in proprio che per un ottimo regalo dell’ultimo minuto.

Design:
5 out of 5 stars (5,0 / 5)
Facilità-d’uso:
4.5 out of 5 stars (4,5 / 5)
Prestazioni:
4.5 out of 5 stars (4,5 / 5)
Qualità/Prezzo:
4.5 out of 5 stars (4,5 / 5)
Average:
4.6 out of 5 stars (4,6 / 5)

Pro:

  • Design azzeccato, una ventata di freschezza nel settore
  • Può caricare sino a due iPad contemporanemante
  • Il dialogo con iPhone per il GPS è ottimo

Contro:

  • Lavora meglio laddove l’accendisigari non è incassato
  • Manca la possibilità di inserire una posizione manuale

Prezzo: Circa 39 Euro

Potete trovare ZUS nel sito del produttore, oppure scontato in edizione Prime su Amazon.it.

Offerte Speciali

Super sconto su MacBook Pro 13″ 16/512 GB: risparmio da oltre 400 euro

Su Amazon è in forte sconto il nuovo MacBook Pro 13" in versione 16 GB RAM / 512 GG HD SSD. Lo pagate oltre 400 euro meno del prezzo Apple.
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,835FansMi piace
93,809FollowerSegui