Nuova Apple TV: è una console di gioco?

La nuova Apple TV è, o non è, una console da gioco? La redazione di Macitynet prova a rispondere alla domanda, analizzando le potenzialità della nuova periferica.

Il lancio della nuova Apple TV, la cui presentazione ufficiale è avvenuta ieri durante il Keynote dedicato ad iPhone 6s e iPad Pro, stuzzicherà certamente le fantasie di molti videogiocatori, che hanno imparato ad apprezzare i titoli presenti in App Store, divenuti vere e proprie pietro miliari del videogaming 2.0, in grado di scalzare il predominio delle classiche handheld Sony e Nintendo, ma anche di sottrarre utenza alle console casalinghe.

Quest’ultimo aspetto si accentuerà ancor di più con la nuova Apple TV, che godrà del pieno accesso ad App Store, giochi compresi. Al di là del Siri Remote, in Italia meglio noto come il nuovo telecomando Apple TV Remote, Apple non ha presentato alcun gamepad aggiuntivo, ma è già noto che i controller MFi per iPhone e iPad funzioneranno con il set top box di Cupertino. Inoltre, è lecito aspettarsi l’arrivo di nuove periferiche di controllo terze parti, inaugurato già da Steel Series con Nimbus, primo joypad specificamente progettato per la nuova Apple TV. Cosa vorrà dire tutto questo per il reparto videoludico di Apple? Proviamo a rispondere.

Joypad? No, perché…
La presentazione di ieri, anzitutto, ha voluto mettere in chiaro una cosa: la nuova Apple TV non ha necessità di hardware aggiuntivo e sembra configurarsi come una piattaforma completa, con il solo Remote Controller. Sul palco del keynote, infatti, Apple ha mostrato la possibilità di giocare sulla TV di casa, sfruttando la nuova periferica, e servendosi soltanto del nuovo Touch Controller. Il telecomando, grazie ad una superficie tattile a sfioramento, posizionata sulla parte superiore, permette di eseguire i classici slide, swipe e tap, che l’utenza iOS è ormai abituata ad eseguire su iPhone e iPad. Ciò permetterà di eseguire molti dei videogiochi già disponibili in App Store, alcuni dei quali di grande successo. Si pensi, ad esempio, alla possibilità di sfruttare il Remote Control per Rayman Adventures, che necessiterà solo di pochi tocchi sulla superficie tattile, per essere completamente gestito.

In più, Harmonix ha già mostrato le potenzialità del nuovo controller con un titolo musicale, potendo utilizzare il Siri Remote come fosse un Wiimote. Ed ancora, il solo Touch Controller della nuova Apple TV è più che sufficiente per lanciarsi nel traffico di Crossy Road, che disporrà anche di una modalità multiplayer cooperativa/competitiva. Insomma, è facile immaginare che gli sviluppatori concentreranno le attenzioni sulle possibilità del nuovo telecomando, per creare giochi immediati da poter gestire interamente con il solo telecomando Apple. Così, ad esempio, siamo pronti a scommettere che tutti gli Angry Birds, o un nuovo ipotetico capitolo, saranno presto disponibili e compatibili con Apple TV, con minimi adattamenti che ne consentano la gestione tramite Touch Controller Apple. Stesso dicasi per il capolavoro Badland, e per tutti quei titoli affini, che fino ad oggi vengono individuati con la formula di “one tap game”.

nuova apple tv