fbpx
Home Hi-Tech Hardware e Periferiche Pioneer SE-MJ751 Bass Head: la recensione delle cuffie Pioneer con i bassi...

Pioneer SE-MJ751 Bass Head: la recensione delle cuffie Pioneer con i bassi regolabili

Pioneer SE-MJ751 Bass HeadAffrontare un mercato in cui a farla da padrone sono le cuffie di tendenza con bassi pompati  e riportare gli utenti a prestazioni più equilibrate nello spettro sonoro non è semplice anche perchè i gusti dei giovani e giovanissimi sono ormai influenzati dalle belle Beats e dalla loro sonorità. Pioneer con queste MJ751″Bass Head” cerca di entrare nell’affollato agone delle cuffie “generaliste” over head puntando su tre fattori: il prezzo agressivo, la qualità intrinseca dei prodotti del marchio e la possibilità di adattarsi ai gusti delle nuove generazioni. 

Come vedremo la soluzione per mantenere una qualità globale soddisfacente è quella di ricorrere in abbondanza ai materiali plastici ed ad una confezione essenziale: Pioneer raggiunge il suo risultato con un’ottimo prodotto? Lo vediamo nella nostra recensione. 

La confezione
Il modello da noi provato è quello senza la lettera I in fondo alla sigla: la differenza sta nel cavo in dotazione staccabile che nella nostra confezione è semplicemente un Jack-jack mentre nella versione evoluta porta i controlli per l’utilizzazione con un iPhone e un iPod ed ha quindi avanzamento delle tracce, mute e regolazione del volume. La confezione è molto essenziale e contiene cuffie e in cavo incastrate in un ricettacolo in plastica ospitato nella confezione in cartone. Le cuffie sono ovviamente subito operative.

Da vicino
Come vedete dalle immagini le cuffie sono realizzate interamente in plastica: archetto e padiglioni esterni sono in colore nero lucido con una lavorazione particolare dei lati dei padiglioni che ospitano su un lato la regolazione dei bassi e sull’altro un pannello fisso. L’interno dei padiglioni è in poliuretano bianco con finiture similpelle e presentano una buona imbottitura che oltre a migliorare l’effetto di isolamento rende più confortevole indossare le cuffie a lungo.

L’archetto presenta un giunto nella sommità e attraverso questo è possibile regolare la posizione dei padiglioni sia in base alla larghezza del capo che della posizione delle vostre orecchie: la regolazione è agevole visto che basta poca trazione o pressione e sopratutto i padiglioni possono ruotare senza problemi in corrispondenza dell’attacco dell’arco: le configurazioni ottenibili in questo modo sono infinite e permettono di accompagnare qualsiasi configurazione anatomica del capo.

Un volta indossata è facilissimo regolare la presenza dei bassi visto che il controllo rotativo sul padiglione ha una barra a rilievo che permette di individuarne istantanemente la posizione e rilevare il fine corsa in alto o in basso.

Nei nostri test di queste settimane abbiamo indossato a lungo le cuffie sia per il semplice ascolto musicale, che per delle lunghe sessioni di montaggio video non rilevando particolari affaticamenti o pressione eccessiva sui padiglioni auricolari nonostante l’elevato isolamento ottenuto. Per chi ha la testa molto grande l’escursione dell’arco potrebbe non essere sufficiente e portare ad un pressione un po’ eccessiva sulle orecchie.

Come Suona
Veniamo al fattore fondamentale: la qualità di riproduzione. Come i nostri lettori avranno capito non amiamo particolarmente le cuffie con bassi eccessivi e la nostra curiosità con questo modello era di verificare l’efficacia della “equalizzazione” esterna ottenibile con il controllo rotativo e dobbiamo dire che il risultato è stato soddisfacente con diversi tipi di sorgente con il controllo in posizione centrale per l’ascolto della musica e ai massimi livelli di bassi per gustarsi al meglio gli effetti speciali dei film.

Se dovessimo dare una classificazione alle cuffie in base al genere per cui le vediamo più adatte potremmo dire senza dubbio “Rock” per una serie di motivi oltre alla possibilità di regolazione: innanzitutto l’alta efficienza che permette di creare una pressione sonora molto elevata in grado di rendere l’ascolto molto coinvolgente; il secondo motivo è il discreto equilibrio su tutte le frequenza ma una particolare predilezione per le medie che permettono di far uscire al meglio le parti di chitarra e di voce. Le frequenze alte in certi casi non sembrano così cristalline come su modelli della concorrenza (ma di prezzo doppio) ma il suono non è mai metallico o innaturale come nei modelli di pari prezzo e più alla moda.

L’intervento dell’equalizzazione dei bassi permette come abbiamo detto di cambiare la qualità dell’ascolto e di adattarsi ai vari generi rendendo il prodotto molto versatile e portandolo sul versante della disco-hip-hop etc. 

Detto della comodità con cui si indossano che permette l’uso in casa o nei momenti di relax non possiamo sottolineare quello che potrebbe essere un difetto nell’uso in un luogo pubblico almeno per chi è abituato ad ascoltare ad alti volumi (qui facilmente raggiungibili grazie alla già citata elevata efficienza): mentre i generosi padiglioni offrono un buon isolamento dall’esterno la musica che state ascoltando può essere facilmente captata da chi vi sta vicino soprattutto se vi siede accanto; sconsigliamo quindi le cuffie per l’ascolto personale “in pubblico” a meno che non abbiate vicini tolleranti! La finitura in plastica anche se di ottima aspetto tende ad essere delicata ed è consigliabile trasportare le cuffie, se avete questa necessità e le inserite in un zaino, all’interno di un sacco in stoffa o un panno: tra l’altro non sono “collassabili” e questo aumenta il loro ingombro in fase di trasporto.

Pro: Elevatissima efficienza, comodità della regolazione dei bassi, buona risposta su tutto lo spettro. 

Contro: Finitura superficiale in plastica un po’ delicata, passaggio del suono all’esterno. 

Conclusioni: Il prezzo al pubblico del modello che abbiamo provato è di 99 Euro Iva compresa mentre la versione con cavo per iPhone costa 112 Euro Iva compresa. La cuffia è stata offerta nei mesi scorsi in abbinamento ai portatili Apple e non è difficile trovarla nei punti vendita specializzati ad un prezzo inferiore a quello di listino. L’elevata efficienza piacerà agli amanti del rock più sfrenato ma anche a chi vuol portare la musica ad un elevato volume senza sfruttare al massimo le capacità dei trasduttori.

E’ sicuramente un buon acquisto nella fascia 70-99 Euro e non deluderà chi cerca una cuffia versatile che non bada a fronzoli o mode. La raccomandiamo per un uso casalingo e “solitario”.

Prezzo al pubblico: 99 Euro 
Distribuzione: Attiva

Offerte Speciali

iPad Pro 11″ 256 GB scontato su Amazon: 949 €

iPad Pro 11″ 1 TB GB , minimo storico: 1018 euro

Su Amazon iPad Pro torna al prezzo minimo nella sua versione da 1TB GB cellular con schermo da 11 pollici. Lo pagate solo 1018 euro, quasi il 25% in meno del prezzo di listino
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,883FansMi piace
93,611FollowerSegui