Recensione IRISPen Air 7, evidenziatore digitale che trascrive, legge e traduce i testi

Uno scanner a penna "intelligente" e senza fili che permette di acquisire righe di testo inviandole a qualsiasi applicazione di testo. Possibile acquisire anche tabelle e piccole immagini come loghi, firme e formule matematiche. Funziona con Mac, PC, iPad e iPhone.

IRISPen Air 7

Gli scanner si sono evoluti nel corso degli anni e da costosi strumenti disponibili solo presso tipografie, fotografi e studi grafici, sono diventati strumenti di uso comune anche in ambito domestico. È possibile acquistare scanner di buona qualità a prezzi non eccessivi ma i produttori non smettono di innovare, proponendo soluzioni specifiche utili in ambiti particolari. È il caso ad esempio di IRIS (società belga controllata dal Gruppo Canon) e della Iris Pen Air 7 che abbiamo avuto modo di provare, un dispositivo portatile e senza fili definito dal produttore “evidenziatore digitale” per la sua capacità di trascrivere quello che acquisisce, qualunque sia il documento di partenza: libri, riviste, giornali, lettere o altro genere di testo. Di seguito le caratteristiche e le nostre impressioni.

Contenuto della confezione

Lo scanner arriva in una confezione all’interno della quale troviamo il dispositivo vero e proprio (una grossa pena senza fili, facile da tenere in mano), il cappuccio per proteggere lo scanner quando non è utilizzato, il ricevitore Bluetooth da inserire eventualmente in una porta USB del computer, un cavo USB da Tipo C a A (per la ricarica della penna), foglietti con le istruzioni in più lingue e un foglio con il numero di serie per scaricare il software dedicato all’OCR.

Sulla parte superiore dello scanner (che è di colore bianco e mentre la zona della punta è verde acqua) è presente un gommino che è possibile togliere per rivelare la porta che consente di attaccare il cavo USB per la ricarica (incluso).

Sul dispositivo sono presenti due LED: il primo (blu) indica l’avvenuto collegamento Bluetooth, il secondo (verde) lampeggia quando la batteria è scarica. Il beccuccio di plastica trasparente sulla punta garantisce la distanza ottimale con l’area da scansionare ma è anche una sorta di “mirino” che aiuta nell’acquisizione delle righe di testo.

Recensione IRISPen Air 7, evidenziatore digitale che trascrive, legge e traduce i testi
Contenuto della confezione

Installazione

La prima operazione che abbiamo effettuato è lo scaricamento dei driver per il computer dal sito (multilingua, italiano compreso) www.irislink.com/support. Dopo aver indicato i propri dati, si ottiene via mail il link per scaricare i software di supporto per Mac e PC (l’utility IRISPen Air 7 e l’OCR (software per il riconoscimento dei caratteri).

Noi abbiamo scaricato il software (280MB) su un MacBook Pro con macOS 10.14.1 ma questo è compatibile con Mac OS X 10.11 e seguenti. Readiris 17 è una soluzione OCR progettata per utenti domestici e professionali; è una soluzione che consente all’utente di convertire i documenti cartacei, i PDF o i file immagine in file modificabili, pronti per essere condivisi e archiviati.

Recensione IRISPen Air 7, evidenziatore digitale che trascrive, legge e traduce i testi
La penna digitale senza fili pesa 28 gr

Il nostro Mac ha già il Bluetooth di serie e dunque non è stato necessario collegare il dongle USB fornito nella confezione. Per la prima configurazione si avvia il software IRISPen AIr 7, si tiene premuto per tre secondi il beccuccio dello scanner per accenderlo e si effettua l’abbinamento con il computer. Parte un tour guidato che spiega il funzionamento, successivamente l’applicazione ci chiede se siamo mancini o destrorsi, la lingua preferita per l’interfaccia e poi di fare una verifica provando a scansionare un testo. Terminato il test, è possibile sfruttare la funzionalità scansione da qualsiasi applicazione (es. Pages o Word): il contenuto scansionato è collocato nella posizione del cursore del testo.

Come effettuare la scansione

Lo scanner consente di effettuare la scansione con diverse modalità. Il produttore suggerisse di tenere la penna in posizione verticale per acquisire il testo (non eseguire la scansione con un angolo di 45 gradi o inferiore), assicurarsi che entrambe le estremità̀ della punta dello scanner tocchino la pagina durante l’acquisizione, acquisire una sola riga di testo alla volta (bisogna assicurarsi che la riga si trovi circa a metà tra le due punte dello scanner). Non si devono effettuare scansioni troppo lentamente (bisogna far scorrere la penna con movimenti fluidi e uniformi) e non esercitare una pressione eccessiva altrimenti l’acquisizione potrebbe risultare irregolare e discontinua.

La prima modalità di scansione sfrutta l’applicazione IRISPen: dalla finestra visualizzata si seleziona l’icona della penna (significa che le acquisizioni vengono effettuate all’interno dell’applicazione); per acquisire direttamente in un’altra applicazione (opzione a nostro avviso molto più comoda) basta fare clic sull’icona del foglio nell’applicazione IRISPen, aprire l’applicazione in cui si desiderano effettuare le scansioni e fare clic con il mouse all’interno di essa. Il testo o le immagini verranno inseriti in corrispondenza della posizione del cursore al momento dell’acquisizione. Su macOS 10.14 è necessario consentire all’applicazione “IIRSpen 7” di controllare il computer (basta selezionare il software nella sezione “Privacy” in “Sicurezza e privacy” nella Preferenze di Sistema). Al termine dell’operazione di lettura, per spegnere lo scanner basta un triplo click sul beccuccio.

La sinossi di un libro usata per effettuare una prova con l'evidenziatore digitale
La sinossi di un libro usata per effettuare una prova con l’evidenziatore digitale
Il testo ottenuto scansionando la quarta di copertina del libro nella foto precedente
Il testo ottenuto scansionando la quarta di copertina del libro nella foto precedente

Dalla finestra fluttuante IRISPen è possibile, come già detto, selezionare la destinazione del testo (la finestra dell’applicazione stessa o un qualsiasi programma nel quale è possibile digitare testi), impostare la tipologia di scansione (testo, immagine, numeri, codici a barre, tabella), specificare la lingua (italiano, inglese, francese, spagnolo e molte altre), scegliere se tradurre al volo il testo scansionato e in quale lingua, attivare l’opzione “leggi ad alta voce”.

Le impostazioni (richiamabili con un click sull’icona a forma di rotella dentata) permettono di selezionare la lingua dell’interfaccia, scegliere se eseguire o no IRISPen all’avvio, indicare la mano usata per la scansione, impostare la velocità di lettura e varie modalità di interazione con i programmi esterni. La finestra fluttuante non occupa molto spazio ma può essere ridotta ulteriormente diventando una sorta di piccola icona che “galleggia” sullo schermo.

La scansione da iPad e iPhone

Oltre che con Mac e PC, lo scanner portatile in questione funziona anche da smartphone e tabllet. Per dispositivi iOS (iPhone e iPad) basta scaricare l’app gratuita “IrisPen Air”, avviarla e seguire le istruzioni per l’abbinamento (premere la punta per tre secondi e scegliere “Connetti” sull’app per selezionare lo scanner); anche l’app chiede in che modo effettuiamo l’acquisizione (mano destra o mano sinistra), la lingua di input e se desideriamo effettuare il collegamento con il cloud. A questo punto il funzionamento è lo stesso già visto sul computer: basta tenere la penna leggermente inclinata premendo delicatamente sulla superficie fino e scansionare i testi. Un suono nell’app per iOS avvisa quando per qualche motivo l’acquisizione non riesce (ci è capitato, ad esempio, nel caso di un testo bianco su sfondo azzurro con texture nere).

Funziona?

Abbiamo provato a eseguire la scansione di testi di diverso tipo da libri e riviste. È necessario un po’ di “allenamento” per capire come puntare e far rigare alla corretta velocità lo scanner (il “trucco” è di avviare la scansione un po’ prima dell’inizio del testo da scansionare e terminare il movimento dopo la fine della riga); alla fine i risultati sono accettabili, anche se una rilettura del testo è fondamentale perché gli errori non mancano.

Anche le prove su testi stampanti con font piccoli e con grazie, non hanno messo in difficoltà lo scanner, seppure gli errori non siano mancati. La bontà della traduzione istantanea dipende da ciò che si desidera tradurre, dalla lingua di origine, da quella di destinazione. Per singole parole, funziona bene; nel caso di testi complessi i risultati sono sulla falsariga di quelli che è possibile ottenere con Google Translate con i pro e i contro che ne conseguono. La funzione è ad ogni modo comoda per fornire “al volo” traduzioni immediate in più lingue.

È possibile acquisire il testo nella finestra fluttuante dedicata oppure direttamente all'interno di una qualsiasi applicazione che consente di digitare testi.
È possibile acquisire il testo nella finestra fluttuante dedicata oppure direttamente all’interno di una qualsiasi applicazione che consente di digitare testi.

Conclusioni

È un prodotto interessante, un po’ costoso; fa più o meno quello che promette ma abbiamo faticato a capire come tenere correttamente in mano la penna e scansionare. Superato lo scoglio iniziale, il prodotto è valido ma non potrà mai eguagliare ciò che è possibile fare con uno scanner da tavolo vero e proprio in abbinamento a un software di OCR magari sempre di Iris.

È un prodotto che per alcuni utenti può essere interessante da portare in borsa: è possibile scansionare velocemente testi, codici a barre, piccoli logo ma per funzionare effettivamente l’utente deve far pratica; il prodotto, a nostro avviso, non potrà sostituire uno scanner piano per non parlare dei scanner documentali. I

l costo è ad ogni modo inferiore rispetto a scanner portatili e in alcuni ambiti (studenti, insegnanti, professionisti in genere) e situazioni di emergenza potrebbe avere senso. Il prezzo di listino è di 149,99 euro ma nel momento in cui scriviamo su Amazon è possibile trovare IRIS – Pen Air 7 a 107,65 euro.

Pro

  • Funziona da Mac, PC, dispositivi iOS e Android

Contro

  • Non adatto per scansionare documenti di grandi dimensioni
  • L’utilizzo richiede pratica e pazienza
  • Il prezzo di listino è elevato