Questo sito contiene link di affiliazione per cui può essere compensato

Home » ViaggiareSmart » Shell chiude 1.000 distributori per puntare sull’elettrico

Shell chiude 1.000 distributori per puntare sull’elettrico

La compagnia petrolifera Shell, multinazionale operante nel settore petrolifero, nell’energia e nella petrolchimica, chiuderà circa 1.000 distributori di carburanti per puntare verso lo sviluppo delle stazioni di ricarica per i veicoli elettrici.

Il piano emerge dall’ultimo report Energy Transition Strategy; la multinazionale britannica, dovrebbe chiudere 500 siti l’anno di vendita al dettaglio nel 2024 e nel 2025, per puntare su una rete di ricarica. L’obiettivo è di arrivare a 200.000 punti di ricarica entro il 2030: attualmente la società ne possiede circa 54.000.

“In totale abbiamo intenzione di disinvestire circa 500 siti Shell (inclusi quelli in joint venture) all’anno nel 2024 e nel 2025”, scrive l’azienda nel report individuato da Bloomberg. L’azienda intende puntare sulle stazioni di ricarica pubblica e non su sistemi di ricarica domestici, per evidenti vantaggi in termini di competitività rispetto alla concorrenza.

Shell chiude 1000 distributori carburante e punta sulla ricarica dei veicoli elettrici
immagine da video Shell

“Ci stiamo concentrando sulla ricarica pubblica piuttosto che su quella domestica perché riteniamo sia quella più necessaria per i nostri clienti” scrive Shell. “Abbiamo un grande vantaggio competitivo in termini di location, dal momento che la nostra rete globale di stazioni di servizio è una delle più grandi del mondo”.

Ancora “Abbiamo altri vantaggi competitivi, come ad esempio l’offerta nel convenience retail (la vendita al dettaglio di carburanti e altri prodotti, ndr), che permette di offrire ai nostri clienti caffè, cibo e altri articoli mentre caricano l’auto. Con la crescita del nostro business, offrendo la ricarica dei veicoli elettrici, prevediamo un tasso di rendimento interno del 12% o superiore”.

Shell chiude 1000 distributori carburanti e punta sulla ricarica dei veicoli elettrici
Immagine di Shell

Shell è attiva su più fronti. In Italia a ottobre dello scorso anno ha acquisito EGO, società che acquista energia rinnovabile dai produttori, ne ottimizza l’impiego tenuto conto della domanda effettiva e la rivende sul mercato energetico locale, rafforzando la sua presenza nel trading dell’energia.

Sempre in Italia, a settembre dello scorso anno Shell ha terminato l’installazione del primo pannello dell’impianto Zamboni che con una capacità di circa 20 MW, a partire da quest’anno, produrrà oltre 30 GWh annui di energia fotovoltaica.

Altra acquisizione dello scorso anno è quella del 40% di quota del capitale di Bloomfleet, azienda specializzata nello sviluppo e nell’offerta di soluzioni integrate per la mobilità delle aziende, tra cui: gestione della flotta aziendale, gestione dei servizi di telepedaggio e di parcheggio, ricariche elettriche dei veicoli, gestione automatizzata dei verbali di contravvenzione.

Su macitynet trovate tutte le notizie sulle innovazioni per auto e mobilità smart nella nostra sezione ViaggiareSmart.

Offerte Apple e Tecnologia

Le offerte dell'ultimo minuto le trovi nel nostro canale Telegram

Top offerte Apple su Amazon

Sconto boom, risparmio da 630€ per MacBook Air 512GB M2 15,4 rispetto ad M3

Su Amazon il MacBook Air da 15,4" nella versione da 512 GB con processore M2 va in sconto. Lo pagate 630 euro meno del nuovo modello, solo 1249€

Ultimi articoli

Pubblicità