Soundbar Sonos Ray, musica connessa e suono da cinema per tutti

La soundbar Sonos Ray porta musica connessa e suono da cinema a tutti

Il sistema Sonos è conosciuto per la sua capacità di creare ambienti sonori in una più stanze in grado di coordinarsi per offrira le migliore esperienza di ascolto e nell’offerta dell’azienda californiana ci sono già soundbar di concezione recente nella fascia medioalta dei prezzi come Sonos Arc (venduta a 999 €) e Sonos Beam 2 (a 499 €).

Mancava fino ad oggi una soundbar ad un prezzo più aggressivo che aiutasse l’utente ad entrare nel mondo Sonos sia come accessorio di un TV che come sistema stereo compatto per ambienti come la camera da letto, un piccolo studio o una comoda combinazione per un impianto surround da integrare sia con Sonos One oppure Symfonisk di Ikea.

La soundbar Sonos Ray porta musica connessa e suono da cinema a tutti
Sul fronte la classica griglia Sonos

La risposta a tutto questo è la nuova Sonos Ray appena annunciata ufficialmente da Sonos e disponibile dal 7 Giugno in tutto il mondo al prezzo di 299 € in veste nera o bianca

La soundbar Sonos Ray porta musica connessa e suono da cinema a tutti
La versione nera sempre in finitura opaca

Un classico Sonos

Ne abbiamo parlato nei giorni scorsi con Greg McAllister senior manager Sound Experience di Sonos che ci descritto nei dettagli la nuova soundbar con le sue caratteristiche che sfruttano l’esperienza degli ingegneri per ottimizzare la resa sonora con il volume ridotto rispetto alle sorelle maggiori e la particolare disposizione degli speaker con un nuovo sistema bass reflex che punta su bassi coinvolgenti e perfettamente bilanciati, mentre una particolare conformazione di guida d’onda allarga il fronte sonoro e armonizza con precisione le frequenze medie e alte. 

La soundbar Sonos Ray porta musica connessa e suono da cinema a tutti

Non c’è da dubitare che anche Ray sia in grado di riprodurre il classico timbro Sonos che permette di avere una esperienza di ascolto bilanciata con qualsiasi speaker dell’offerta:anche Ray è stato ottimizzato con l’aiuto del Sonos Soundboard (che comprende personalità di spicco del settore musicale, cinematografico e non solo); allo stesso tempo è possibile riprodurre il miglior suono possibile rispetto all’ambiente grazie alla tecnologia Trueplay che sfrutta i microfoni di iPhone per ottimizzare ulteriormente l’audio e creare l’esperienza d’ascolto ideale per ogni stanza con la semplice ricognizione del contorno sia con il singolo speaker (stereo in questo caso) che con un sistema surround.

La soundbar Sonos Ray porta musica connessa e suono da cinema a tutti

Non dimentichiamoci che le Soundbar nascono per funzionare in combinazione con le TV e Sonos ha progettato per Ray delle guide d’onda su misura che diffondono il suono da parete a parete con una elavata capacità di elaborazione che posiziona gli elementi sonori all’interno della stanza anche se non abbiamo a bordo l’elaborazione Dolby Atmos. La riproduzione avviene in Stereo PCM, Dolby Digital 5.1 e DTS Digital Surround e la schermata In esecuzione dell’app Sonos mostra il tipo di audio in uso. 

La soundbar Sonos Ray porta musica connessa e suono da cinema a tutti
Il confronto con Sonos ARC, Beam 2 e in prima fila, Ray

I dati tecnici

A bordo abbiamo quattro amplificatori digitali classe D ottimizzati per l’architettura acustica della soundbar, due tweeter con guide d’onda separate che diffondono il suono da parete a parete, due mid-woofer ad alta efficienza situati al centro per riprodurre fedelmente le frequenze medie e garantire bassi profondi. Infine abbiamo un condotto reflex con bassa velocità di uscita dell’aria che riduce al minimo la distorsione, producendo basse frequenze più corpose. 

Come già detto il sistema dispone di Trueplay con software che per mezzo di un dispositivo iOS  analizza l’acustica della stanza e ottimizza la soundbar in base a essa. E’ possibile avere una Equalizzazione regolabile utilizzando l’app Sonos per regolare i bassi, gli acuti e il volume. 

La soundbar Sonos Ray porta musica connessa e suono da cinema a tutti

Due impostazioni speciali aiutano a gestire meglio la soundbar rispetto ai contenuti e all’ora di fruizione:  Il Miglioramento del parlato aumenta l’intensità acustica del parlato e rendere i dialoghi più chiari mentre per chi ascolta la TV nelle ore notturne Night Sound riduce l’intensità dei suoni forti e aumentare quella dei suoni più deboli. 


Le dimensioni sono di 559 x 95 x 71 mm e questo permette la collocazione di Ray anche all’interno dei supporti di un TV di medie dimensioni. In ogni caso la particolare forma tronco-conica e il frontale piatto permettono di utilizzarla senza problemi su un mobile di supporto e il peso di 1,95 Kg permette di spostarla comodamente in caso di uso mobile o di necessità di pulizia

La finitura è opaca e i colori disponibili sono i classici bianco e nero.

Al contrario di Beam 2 e Arc non ha microfoni a bordo ma è possibile comandarla sia con l’app Sonos sia direttamente con i controlli capacitivi: tocca per riprodurre, mettere in pausa, regolare il volume e saltare o riascoltare le tracce. 

Se volete comandarla vocalmente va abbinata ad uno speaker Sonos (come anche il semplice Roam) che abbia microfoni a bordo.

Le porte fisiche e wireless

Per mantenere il prodotto accessibile Sonos pur mantenendo un’ottima qualità sonora ha dovuto eliminare, oltre ai microfoni qualche opzione di collegamento: Ray si collega al TV con un cavo ottico e quindi niente HDMI o eArc ma un collegamento diretto con ottima  presente nella quasi totalità dei TV più recenti. Allo stesso tempo sullo speaker è presente una presa Ethernet 10/100 ed una radio Wi-Fi da 2.4 GHz compatibile con il protocollo 802.11 b/g/n. 

La soundbar Sonos Ray porta musica connessa e suono da cinema a tutti
Le porte sul retro: pulsante sync, alimentazione, connessione ottica, Ethernet

La soundbar Sonos Ray porta musica connessa e suono da cinema a tutti

Essendo compatibile Airplay 2 (con iOS 11.4 o superiore) potete connetterla senza fili anche ad una Apple TV per avere il massimo della versatilità anche in abbinamento ad un proiettore che sta dall’altro lato della stanza. 

A bordo troviamo anche un ricevitore ad infrarossi che permette di sincronizzare Ray con il telecomando della TV per un controllo ottimizzato. 

Musica da cinema per tutti? Se pensate alla resa audio di un normale TV a schermo piatto converrete che quello che l'”effetto cinema” è quanto più distante dall’esperienza di ascolto corrente. Sonos Ray è una prima soluzione espandibile che permette con un investimento relativamente basso di farvi transitare verso colonne sonore più coinvolgenti.

Ray è per Sonos un prodotto semplice e versatile che permette di creare il vostro primo impianto home theater o aggiungere altri speaker in più stanze con la massima facilità. E’ compatibile con tutti i servizi di streaming principali, si configura in un attimo, si controlla con il telecomando della TV, con l’App Sonos, con Mac, iPhone, iPad, Apple TV attraverso Airplay due e si può integrare con due speaker Sonos One o i più economici IKEA Symfonisk per creare un coinvolgente sistema surround. La proveremo nei prossimi giorni proprio con uno di questi abbinamenti. Ovviamente chi vuole più bassi, dolby Atmos e più potenza può rivolgersi ai due modelli di soundbar superiori che vanno a coprire da oggi, insieme a Ray, una vasta gamma di prezzi e prestazioni.

Soundbar Sonos Ray, musica connessa e suono da cinema per tutti

Ray sarà disponibile il 7 giugno a 299 € anche nel nostro paese. Potete prenotarla direttamente sul sito Sonos in attesa che arrivi anche presso altri retailer sul territorio oppure online. La distribuzione in Italia è a cura di Nital.

Come vi riferiamo su altre pagine Sonos ha presentato anche nuovi colori per il suo speaker ultraportatile Roam e il suo nuovo sistema di controllo vocale Sonos Voice Control che rispetta la privacy dell’utente.

Articolo precedenteGoogle copia il Wallet di Apple con Google Wallet
Articolo successivoSonos Voice Control controlla la musica e assicura la privacy