fbpx
Home Macity Apple History & Lifestyle Tim Cook e l'Italia «Voi siete all'origine della tecnologia»

Tim Cook e l’Italia «Voi siete all’origine della tecnologia»

Tim Cook e l’Italia, Apple e l’Italia, hanno una connessione più profonda di quel che si è portati a pensare perché il nostro Paese, con le sue tradizioni e la cultura dell’armonia, è alla base della cura del design intenso come senso estetico e come capacità di soddisfare il bisogno della società. È questo uno dei concetti fondamentali che Cook esprime in un articolo che ha scritto per il Corriere della Sera, a margine dell’incontro che martedì 17 ottobre a Firenze, ha avuto con i giovani studenti del “Quotidiano in Classe” per i 18 anni dell’Osservatorio.

«Ogni volta che visito l’Italia – scrive Cook – mi ricordo il perché tutti noi di Apple ci sentiamo così a casa qui. Condividiamo la passione italiana per il grande design e per l’artigianato, l’attenzione per quel dettaglio fondamentale che fa sì che l’intero design funzioni alla perfezione, lo renda magico. Possiamo tornare indietro di secoli, al Rinascimento, all’antichità e possiamo trovare il design italiano al crocevia di ciò che oggi chiamiamo «tecnologia» e arti liberali, al crocevia tra la forma, la funzione e l’ispirazione»

Cook poi elogia il concetto del grande artigianato e dell’arte italiana: «Dimostra che l’eccellenza significa fare ciò che è migliore, non ciò che è più comune» e sottolinea come il motore di questo concetto sia «l’istruzione che permette al potenziale e all’immaginazione di fiorire ovunque essi sorgano».

Tim Cook e l'Italia

Cook non manca di ricordare come all’istruzione nel nostro paese Apple fornisca un contributo: «Lavoriamo con l’Università di Napoli, come parte del nostro Developer Academy, dove gli studenti apprendono nuove capacità, tra cui il coding. I membri della prima classe di laureati stanno entrando nel mondo del lavoro come sviluppatori e imprenditori».

Essere istruiti, imparare a discutere sé stessi e il mondo, è alla base del progresso, spiega Cook «Dobbiamo incoraggiare la prossima generazione a mettere in discussione le idee che vengono presentate loro, incluse quelle presentate proprio da noi, per capirne il significato e il motivo della loro esistenza. Soprattutto per essere instancabili inseguitori della verità. Più di ogni altra generazione nella storia, quella dei giovani d’oggi deve imparare e utilizzare queste capacità, per aiutare la società ad essere intellettualmente onesta».

Cook fa un cenno, implicito anche alle Fake News, tema del suo incontro a Firenze, quando dice che «Si deve discutere basandosi su l’oggettività dei fatti, non su fatti alternativi. Ecco perché l’Osservatorio Permanente Giovani-Editori è aperto a differenti prospettive e si basa su giornalismo di qualità, perché l’informazione affidabile è davvero essenziale».

L’intero articolo di Cook si può leggere sul Corriere della Sera  a questo indirizzo. Ricordiamo che Macitynet era presente all’incontro di Firenze e ha pubblicato una serie di articoli in merito:

Tim Cook agli Uffizi di Firenze
Tim Cook e l’eredità di Steve Jobs. Non abbiate paura del fallimento. Passerà
La tecnologia? E’ una questione di umanità
Il mondo sarà meraviglioso grazie alla realtà aumentata.

Offerte Speciali

Sconto Apple Watch SE: 319 euro su Amazon

Minimo storico per Apple Watch SE: 279 euro su Amazon

Su Amazon iPhone SE va al minimo storico. Lo pagate solo 279 euro nella versione da 40mm e 299 nella versione da 44mm
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,823FansMi piace
93,187FollowerSegui