Questo sito contiene link di affiliazione per cui può essere compensato

Home » Hi-Tech » Finanza e Mercato » UE multa Meta Facebook per 1,2 miliardi di euro

UE multa Meta Facebook per 1,2 miliardi di euro

Pubblicità

Dall’ Unione Europea Ue arriva per Meta – Facebook la multa più alta erogata finora sulla base della legge GDPR per la privacy, ben 1,2 miliardi di euro. La sanzione record è stata emessa dalla Data Protection Commission in Irlanda dove ha sede la controllata del colosso USA che gestisce Facebook in Europa.

Al termine di una lunga indagine le autorità hanno stabilito che il trasferimento dei dati personali dei cittadini europei nei server statunitensi di Facebook Meta non rispetta le regole su privacy e tutela dei dati GDPR.

UE multa Meta Facebook per 1,2 miliardi di euro
Foto di Timothy Hales Bennett su Unsplash

In particolare il colosso dei social non avrebbe affrontato e risolto «I rischi per i diritti e le libertà fondamentali» degli utenti dell’Unione europea.

Si tratta dell’ultimo capitolo di una vicenda legale che si protrae da oltre 10 anni, dovuta al fatto che la legislazione USA sulla privacy è molto meno stringente rispetto a quella Europea. Questo era vero anche in passato ma il divario si è ulteriormente allargato con l’introduzione delle regole GPDR.

Nel frattempo l’Europa ha giudicato come insufficienti le misure stabilite nei precedenti accordi tra USA ed Europa per garantire sicurezza e privacy dei trasferimenti di dati dei cittadini UE nei server USA. Così nel tempo sono stati mandati in pensione prima l’accordo Safe Harbour e successivamente anche quello battezzato Privacy Shield complicando notevolmente burocrazia e situazione.

La multa Meta – Facebook non coinvolge WhatsApp e Instagram

Da quando è entrata in vigore la legge sulla privacy GPDR la multa più sostenuta è stata di 746 milioni di dollari ad Amazon nel 2021 per violazioni simili sui trasferimenti di dati tra UE e USA. Il precedente record ora viene superato dalla sanzione a Meta per i dati dei cittadini UE di Facebook trasferiti in USA: non sono invece coinvolti i dati degli utenti di WhatsApp e Instagram.

Oltre alla multa le autorità Ue impongono a Meta – Facebook di interrompere entro cinque mesi ogni futuro trasferimento di dati personali verso gli USA. In sei mesi di tempo il colosso dei social deve interrompere «L’elaborazione illegale, inclusa la conservazione negli Stati Uniti».

Meta sta sviluppando funzioni AI per il breve e lungo periodo

La risposta di Meta

Il colosso dei social risponde al sentenza e multa Ue dichiarando che si tratta di una decisione sbagliata e ingiusta, come spiega un post pubblicato da Nick Clegg, presidente degli affari globali di Facebook:

«Questa decisione è errata, ingiustificata e costituisce un pericoloso precedente per le innumerevoli altre società che trasferiscono dati tra l’UE e gli Stati Uniti”. Il dirigente anticipa che «Faremo ricorso contro la sentenza, compresa la multa ingiustificata e non necessaria, e chiederemo la sospensione degli ordini attraverso i tribunali».

La società precisa che questa sentenza non ha alcuna ripercussione sul funzionamento e la disponibilità di Facebook in Europa.

Offerte Apple e Tecnologia

Le offerte dell'ultimo minuto le trovi nel nostro canale Telegram

Top offerte Apple su Amazon

Sono arrivati gli iPhone 15 e 15 Pro, primo contatto

iPhone 15 Pro 256 GB minimo storico a 1079€

Su Amazon iPhone 15 Pro scende al minimo storico nella versione da 256GB. Ribasso a 1079 €, risparmio di 290€ pari al 21%
Pubblicità

Ultimi articoli

Pubblicità