Questo sito contiene link di affiliazione per cui può essere compensato

Home » Hi-Tech » Finanza e Mercato » Un po’ di Apple nel primo discorso sullo stato dell’unione di Donald Trump

Un po’ di Apple nel primo discorso sullo stato dell’unione di Donald Trump

Donald Trump ieri ha pronunciato al Congresso il suo primo discorso sullo stato dell’unione, l’annuale discorso con cui – secondo quanto stabilito dalla Costituzione – il presidente aggiorna legislatori e i cittadini sulla situazione della nazione.

Trump ha incentrato il discorso parlando, tra le altre cose, di immigrazione e infrastrutture, due temi cari anche ad Apple. Il Presidente ha evidenziato la serie di investimenti che Apple intende attuare per consolidare l’impegno nel sostenere l’economia americana e la sua forza lavoro, scelta che nei prossimi anni permetterà alla Casa di Cupertino di contribuire all’economia USA con 350 miliardi di dollari.

Sul tema immigrazioni le posizioni restano distanti rispetto a quelle del CEO di Apple Tim Cook, sostenitore – come molti altri CEO di grandi aziende IT statunitensi – di riforme per i cosiddetti Dreamer (le persone arrivate in Usa da piccoli e che rischiano l’espulsione).  Trump ha parlato genericamente di persone che vivono in Usa senza permesso di soggiorno, accusandole di essere responsabili della perdita di vite di cittadini americani e ha usato il termine “Dreamer” ma solo in chiave americana spiegando che da “Commander in chief” ha “il dovere sacro di difendere gli americani”, “proteggere la loro sicurezza, le loro famiglie, le comunità e il loro diritto al sogno americano”. Perché anche gli americani sono dei sognatori”.

Trump/Apple

Tornando alle riforme, Trump ha evidenziato il piano di Apple per l’investimento di 350 miliardi di dollari e l’assunzione di 20.000 dipendenti. La Casa di Cupertino ha spiegato che questi posti di lavoro saranno creati in cinque anni mediante investimenti strategici che prevedono, tra le altre cose, la costruzione di un nuovo campus in una città non ancora indicata.

Apple intende usare parte delle scorte di liquidità estera, che ammontano a oltre 250 miliardi di dollari, per investire in nuovi progetti, inizialmente con 75 miliardi di dollari di investimenti stimati. Cupertino dovrebbe pagare 38 miliardi di dollari sui profitti guadagnati all’estero, come conseguenza della recente riforma fiscale voluta da Trump che offre la possibilità di rimpatriare gli utili conseguiti all’estero a un tasso dell’8% per le attività non liquide e del 15,5% per i contanti.

Offerte Apple e Tecnologia

Le offerte dell'ultimo minuto le trovi nel nostro canale Telegram

Top offerte Apple su Amazon

Confronto iPhone 15 contro iPhone 14, quale scegliere

Su Amazon ancora ribassi per iPhone 15, ora al minimo storico con prezzo da 769€

Si allarga lo sconto su iPhone 15. Sono in promozione sia i modelli da 128 Gb che quelli di 256 Gb. Risparmio record fino al 21% e prezzi di 210 € sotto quelli consigliati da Apple.

Ultimi articoli

Pubblicità