Home Macity AggiornaMac Venticinque anni di HyperCard

Venticinque anni di HyperCard

Venticinque anni addietro, nel corso del MacWorld Expo di Boston, Apple annunciava Hypercard, una dei software più amati dagli utenti Mac di vecchia data. Hypercard fu rilasciato in una prima versione nel 1987 insieme al System 6 e, grazie a un semplice, ricco e potente linguaggio di scripting, si rivelò ideale per la creazione d’ipertesti (anticipando, di fatto, quanto reso possibile solo anni dopo dal web) e applicazioni di vario tipo.

L’insolito software, un misto tra un database e un moderno linguaggio visuale programmabile, ha permesso a suo tempo la creazione di progetti (“stack”) tra i più disparati ed è ancora a tutt’oggi da molti ritenuto un sistema di programmazione valido e per molti versi insuperabile. Prima ancora di PowerPoint, Hypercard era utilizzato come applicativo per la creazione di presentazioni; è stato utilizzato per creare giochi, CD multimediali di successo, chioschi, sistemi grafici, applicativi per l’accesso a database, ecc. Apple continuò a sviluppare e migliorare il prodotto fino agli anni ’90 (nel 1992 arrivò la versione 2.0 e nel 1996 fu presentata la beta della versione 3.0), ma poi, improvvisamente, per varie vicissitudini, il suo sviluppo fu interrotto (l’annuncio della cessazione delle vendite risale al 2004).

Nonostante il cessato sviluppo, non mancano ancora oggi utilizzatori entusiasti. L’eredità e la filosofia del prodotto sono state in qualche modo raccolte da tanti ambienti di sviluppo e gli strumenti moderni che forse oggi si avvicinano di più a Hypercard sono LiveCode (un tool multipiattaforma che consente di sviluppare sia applicazioni desktop, sia app per dispositivi mobile, iOS incluso) e SuperCard (quest’ultimo consente persino di convertire vecchi stack).

Ciò che rendeva originale Hypercard era l’immediatezza con la quale consentiva di iniziare a sviluppare, rendendo possibile la creazione di software anche a chi non sapeva programmare. La complessità del codice sottostante era in qualche modo nascosta e chissà cosa avremmo a disposizione oggi con il web e la facilità con cui è possibile trovare codice e collaboratori per qualunque progetto abbiamo in mente.

Offerte Speciali

Apple Watch 6 Cellular 44mm al minimo storico: solo 449 euro

Apple Watch 6 al prezzo del Prime Day: risparmiate fino al 16%

Apple Apple Watch 6 Cellular scende al prezzo più basso, pari a quello del Prime Day. Ribasso fino al 16%
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,767FansMi piace
90,959FollowerSegui