Linux scuote il mercato SGI

di |
logomacitynet696wide

Il mercato SGI si riduce sempre di più. Massiccia migrazione verso la piattaforma Linux. Costi più bassi e stessa velocità 

I tempi cambiano, e la gloriosa Silicon Graphics continua a navigare in acque perigliose: non si arresta, infatti, la tendenza alla sostituzione di sistemi SGI con ambienti basati su qualche Linux-flavour.

BaselineMag ha un interessante articolo su questo fenomeno: ecco i punti salienti. Silicon Graphics un tempo deteneva il monopolio di fatto del mercato delle workstation dedicate alle simulazioni al computer, alle animazioni e alle visualizzazioni 3-D, ma da qualche tempo il business della animazione e degli effetti speciali ha iniziato a migrare lentamente ma con costanza verso macchine Linux, piu’ economiche e (si mormora) piu’ veloci. Allo stesso modo, recentemente anche General Motors ha iniziato a spostare alcune attivita’ di simulazione su macchine Linux-IBM.

Christian Rice, della casa di produzione cinematografica Tippett Studios, cliente di SGI dal 1983, spiega che i propri studi stanno spostandosi su Linux perché una macchina Linux custom costa circa 2.500 dollari, mentre una SGI Octane paragonabile ne costa 25.000. Rice aggiunge che una Linux-box è il 35% più veloce. Nel cambio, le workstations Linux crashano di più, e hanno meno tool di sviluppo rispetto a quelli disponibili per SGI.

Dove SGI tiene duro, è nelle aziende che trattano gas e petroli, e nelle simulazioni geosismiche, che necessitano della massima potenza possibile, a qualunque costo, e di ottimo supporto dalla casa madre, che ha ormai acquisito grande esperienza nel settore.

[A cura di Marco Centofanti]