Questo sito contiene link di affiliazione per cui può essere compensato

Home » Macity - Apple » Apple Watch » Apple prepara modifica software per far ripartire importazioni di Apple Watch in USA

Apple prepara modifica software per far ripartire importazioni di Apple Watch in USA

Apple sta lavorando in tutta fretta per modificare gli algoritmi usati in abbinamento ai sensori che misurano l’ossigeno nel sangue nell’Apple Watch, impedendo così il blocco della vendita di questi ultimi dispositivi richiesto da Masimo (azienda specializzata in dispositivi medicali) per controversie sui brevetti.

Lo riferisce Bloomberg spiegando che gli ingegneri Apple sono al lavoro per modificare gli algoritmi che permettono all’utente di controllare e visualizzare i livelli di ossigeno nel sangue.

Mark Gurman di Bloomberg riferisce che lo sforzo nel quale sono impegnati in questo momento gli ingegneri a Cupertino è rischioso, qualcosa che non era stati mai necessario portare a termine così in fretta.

In passato Apple ha dovuto affrontare la potenziale messa al bando di un prodotto in alcuni paesi per contenziosi legali, ma la restrizione che si trova a dover affrontare ora rischia di mettere a repentaglio entrate nei confini nazionali, oltretutto nel periodo natalizio.

Il presidente Usa Joe Biden non si è finora fatto avanti per esercitare il potere di veto contro il divieto di importazione degli Apple Watch e la messa al bando imposta dalla International Trade Commission (ITC) dovrebbe avere effetto dal 25 dicembre, a meno di non offrire una soluzione che potrebbe arrivare da un differente algoritmo per la misurazione dell’ossigeno nel sangue (brevetto contestato da Masimo).

Finora Apple non ha voluto arrivare ad accordi con Masimo, e sembra preferire la modifica degli algoritmi.

Il contenzioso, lo ricordiamo, risale a qualche anno addietro. Masimo accusa Apple di violazione dei suoi brevetti per quanto concerne la metodologia di rilevazione dei livelli di ossigeno del sangue, una tecnologia brevettata dal gruppo.

Resta da capire se basterà modificare solo l’algoritmo software (e Apple sembra convinta di questo); Masimo potrebbe contestare anche l’hardware (il sensore che fa da pulsossimetro) e un portavoce di quest’ultima ha già dichiarato a Bloomberg che il fix software sarà un rimedio insufficiente e che “l’hardware deve cambiare”.

Dispute di questo tipo sono rare e si risolvono tipicamente con accordi prima di arrivare alla messa al bando. Apple è evidentemente convinta di sostenere la validità delle modifiche software.

Apple Watch 6, la funzione di saturazione è disponibile anche in Italia

Apple ha in precedenza chiesto la valutazione da parte di una commissione di revisione per i presunti brevetti di Masimo che avrebbe violato, ritenendo nulle le argomentazioni di cui parla la società di tecnologia medicale.

A maggio di quest’anno non era stato raggiunto il verdetto nell’udienza che ha visto schierate una contro l’altra Apple e Masimo. In precedenza la giuria aveva riferito che sei dei componenti si erano espressi a favore di Apple e uno di Masimo, e il componente contrario non aveva cambiato idea. Il giudice distrettuale James Selna aveva quindi dichiarato nullo il procedimento.

A gennaio Masimo si era rivolta alla Trade Commission (la Commissione per il commercio degli Stati Uniti), e da questa è poi arrivatoil  provvedimento di divieto per gli Apple Watch

Offerte Apple e Tecnologia

Le offerte dell'ultimo minuto le trovi nel nostro canale Telegram

Top offerte Apple su Amazon

airpods 3 icona

Airpods 3 tornano al minimo, solo 159 €

Su Amazon torna un consistente sconto sugli AirPods 3. Li pagate 159 €, il 20% in meno del prezzo ufficiale Apple

Ultimi articoli

Pubblicità