Lightroom Classic gira alla velocità della luce con le ottimizzazioni Adobe e Intel

Lightroom

In arrivo un aggiornamento di Lightroom Classic sviluppato da Adobe in collaborazione con Intel che incrementa le prestazioni su Mac e Windows. Nei primi test l’importazione di 130 foto RAW per 7,6 GB di dati servono solo 50 secondi, contro oltre 4 minuti della versione precedente

[banner]…[/banner]

Adobe sta preparando l’aggiornamento di Lightroom Classic CC, che da ottobre sarà il nuovo nome di quello che in precedenza avremmo chiamato Lightroom 7: si tratta della versione 7.2 del software per fotografi professionisti e appassionati che permette di gestire il flusso completo di lavoro per importare, catalogare, sviluppare, stampare e pubblicare foto digitali.

La software house pubblicherà nelle prossime settimane un nuovo aggiornamento dedicato all’ottimizzazione: gli sviluppatori Adobe fanno sapere di avere collaborato con Intel per ottenere prestazioni migliori su macchine Mac e Windows con almeno 12GB di RAM. Praticamente tutte le funzionalità principali di Lightromm Classic trarranno beneficio dall’ottimizzazione, con un sensibile incremento delle prestazioni e riduzione dei tempi di attesa, questo per l’importazione, la creazione anteprime, migliorie nella visualizzazione Area Provino nella quale vengono visualizzate le foto su cui si sta lavorando mentre si passa da un modulo a un altro, migliore funzionalità di rendering e impostazioni nello Sviluppo, operazioni di merging in batch più veloci nella creazione di HDR/Panoramiche e maggiore velocità di esportazione.

Usando un iMac Pro con processore 10 core, Adobe riferisce di migliorie nell’ordine del 29,5% nell’esportazione di file JPEG e del 43,7% dei DNG. Migliorie riguardano anche la versione Windows e con un PC con 8-core arrivano fino al 32,5% nell’esportazione dei file JPG e fino al 32,4% nell’esportazione dei DNG.

Lightroom

Il sito DPReview ha provato in anteprima l’update di Lightroom Classic e ha eseguito dei test su un MacBook Pro 15″ Retina metà 2015, con CPU 2.2 GHz quad-core Intel Core i7, 16GB di RAM e Intel Iris 5200 Pro, non esattamente le macchine da 8 e più core sfruttate da Adobe nei test ma anche con questa si notano effettivamente delle migliorie in termini di velocità, mediamente di circa l’11%. Impressionante il guadagno nell’importazione: 130 file RAW di una Fujifilm X-T2 (7.6GB in totale) sono importati in 50 secondi, rispetto ai 4 minuti e 5 secondi della versione 7.1. I vantaggi dovrebbero essere particolarmente evidenti con macchine più performanti e con più core.

Ricordiamo che il piano di Adobe denominato “Fotografia Creative Cloud” a partire da 12,19 euro al mese IVA inclusa include anche Lightroom Classic CC per attività di elaborazione su desktop.