Questo sito contiene link di affiliazione per cui può essere compensato

Home » Hi-Tech » Hardware e Periferiche » Come trasformare SD e Compact Flash in Hard Disk per vecchi computer e strumenti musicali

Come trasformare SD e Compact Flash in Hard Disk per vecchi computer e strumenti musicali

Se avete un vecchio computer (Mac o PC, Amiga) o uno strumento musicale (tastiere, arranger, sequencer) con disco rigido rotto o non in grado di supportare dischi rigidi o unità SSD di grandi dimensioni, potete donare al dispositivo nuova vita sfruttando un adattatore che consente di utilizzare o riutilizzare le memorie flash di tipo SD o CompactFlash al posto di un Hard Disk che ha una connessione IDE o SCSI e che è complicato trovare ai nostri giorni non usato.

Esistono svariate tipologie di adattatori che portano SD e Compact Flash al posto di un vecchio Hard Disk ma sono tutti simili, molto economici e semplicissimi da sfruttare.

Prima di ordinare qualsiasi nuova interfaccia assicuratevi di contare i pin a disposizione sul connettore che avete “liberato” dal cavo di collegamento o di verificare le specifiche del vostro computer. A seconda dei pin e del protocollo avrete diversi tipi di standard: IDE (o P-ATA o Parallel ATA), SCSI, e nei dischi recenti S-ATA o serial ATA. Ovviamente essendo l’interfaccia SATA recente e con tanti HD disponibili sia in versione SSD che tradizionale vi rimandiamo al nostro articolo sugli SSD.

Gli adattatori IDE – Compact Flash o SD

Sono in poche parole delle schede elettroniche che offrono da un lato l’attacco per l’interfaccia IDE (tipica degli hard disk di vecchia generazione) e dall’altro l’attacco uno zoccolo dove collocare la scheda di memoria; la scheda è controllata da un chip-controller che gestisce il flusso dati in lettura e scrittura.

Come trasformare SD e CompactFlash in disco rigido per un vecchio computer

Qui sopra un modello disponibile su Amazon  che ha il fattore di forma di un Hard Disk da 2,5″ e funziona su iBook “a conchiglia” o altri portatili d’epoca.

Sto caricando altre schede...

Con poche decine di euro avete la possibilità di sfruttare schede di memoria tipo SD o CompactFlash, comodissime perché disponibili anche in “tagli” da 8GB, 16GB, 32GB e tagli anche molto più grandi, utili a patto che siano supportate dal PC/Mac che ospiterà la scheda.

I vecchi PowerMac G3 non supportano di serie dischi più grandi di 128GB (non riconoscono lo spazio in più anche se il problema può essere aggirato con driver di terze parti); i vecchi PowerMac G4 supportano invece dischi più grandi ma solo se avviati con MacOS X 10.2 o superiore. Se volete installare un disco/CF di questo tipo su un Mac 6500 su Mac del XX Anniversario  dovete creare una partizione da 8 GB e installare in quella il sistema operativo e usare il resto come spazio di memorizzazione.

Più complesso il discorso su PC: bisogna verificare le specifiche del produttore della scheda madre ed è bene che anche il BIOS sia aggiornato per avere la compatibilità con dischi di “tagli” di grandi dimensioni.

Come trasformare SD e CompactFlash in disco rigido per un vecchio computer

Per le tastiere, i sequencer e i campionatori bisogna verificare sulle istruzioni del singolo prodotto.

Il nostro Settimio ha provato il primo adattatore dell’elenco con vecchie tastiere GEM (General Music WK8 e Genesys in varie versioni) e utilizzando la massima dimensione equivalente della CF rispetto al disco originale (tipicamente 1, 2, 16 o 32 GB) è possibile sia trasferire i dati con Windows ME e Virtual Box (sia su Mac che PC) utilizzando anche le vecchie formattazioni FAT 12).

Qual è il vantaggio rispetto agli hard disk tradizionali?

Sfruttare al posto del disco rigido una memoria flash di tipo SD o CompactFlash ha il vantaggio di consentire l’operazione a basso costo; in termini di velocità, il collo di bottiglia è rappresentato dall’interfaccia: ATA/33 e Ultra ATA/66 ma anche ATA/100 non consentono di ottenere grandi velocità in termini di MB/al secondo ma ad ogni modo le memorie in questione sono più veloci rispetto ai vecchi dischi meccanici giacché funzionano con meccanismi simili a quelli sfruttati dalle unità SSD.

Come trasformare SD e CompactFlash in dischi rigidi per vecchi computer
Connettore ATA

A questo indirizzo un esempio di adattatore da CompactFlash a IDE dal costo di 10,80 Euro circa a cui aggiungere una Compact Flash con prezzi che variano da 12 a 50 euro a secondo del taglio.

Sto caricando altre schede...

Qui sotto un adattatore compatibile con gli attacchi da 2,5″ (per portatili) e 3,5″ (desktop) e dispone sia di un connettore IDE  a 44 pin, sia un connettore IDE a a 40 pin.

Come trasformare SD e CompactFlash in dischi rigidi per vecchi computer

A questo indirizzo trovate un adattatore da SD Card a IDE. Sono tutti e due prodotti con un buon rapporto prezzo/prestazione, utili per rivitalizzare vecchi PC, Mac, Amiga, portatili e altri dispostivi ancora che usavano l’attacco IDE/ATA.

Sto caricando altre schede...

Con altri adattatori (quelli ad esempio che consentono di sfruttare solo connettori a 44 pin) potete sfruttare un adattatore come questo per collegare un Hard Disk da 2,5″ ad un cavo di collegamento Standard IDE 40 poli (il cavo alimentazione al disco rigido da 2,5″ é integrato).
Come trasformare SD e CompactFlash in dischi rigidi per vecchi computer

Anche SCSI e da S-ATA a P-ATA

Per alcuni dei Mac più vecchi c’è la possibilità anche di installare un adattatore SCSI; purtroppo i prezzi sono più elevati per la minore concorrenza di produzione. A questo indirizzo trovate gli adattatori per trasformare schede di memoria in dischi SCSI. C’è chi è riuscito a montarlo su un Macintosh SE.

Come trasformare SD e CompactFlash in dischi rigidi per vecchi computer

Infine ricordiamo che esistono anche adattatori da Serial ATA a IDE (P-ATA o Parallel ATA), utili per collegare periferiche con interfaccia S-ATA ad una Mainboard con interfaccia Parallel-ATA e controller ATA, utili per usare dischi di nuova generazione su vecchi computer; questo, ad esempio, nel momento in cui scriviamo costa 9,72 euro ed è pensato principalmente per computer desktop.

E voi? Li avete utilizzati per qualche progetto vintage o retrocomputing? Siamo curiosi di saperlo!

Su macitynet trovate centinaia di tutorial e guide per il mondo Mac. Partite da questa pagina.

Offerte Apple e Tecnologia

Le offerte dell'ultimo minuto le trovi nel nostro canale Telegram

Top offerte Apple su Amazon

I nuovi iMac con chip M3, Wi-Fi 6E e Bluetooth 5.3

Minimo storico iMac con M3, solo 1299 €

Su Amazon va in sconto va al minimo l'iMac con processore M3 in versione base. Lo pagate 330 euro meno del suo prezzo di listino nella configurazione con 256 GB di disco, CPU 8-core e GPU 8-core, solo 1259 €

Ultimi articoli

Pubblicità