fbpx
Home Macity Software / Mac App Store Disk Drill supporta High Sierra e APFS per recuperare file cancellati, anche...

Disk Drill supporta High Sierra e APFS per recuperare file cancellati, anche da iOS 11

Gli sviluppatori di CleverFiles hanno rilasciato una versione aggiornata di Disk Drill, apprezzata utility di data recovering che ora integra il supporto al nuovo macOS 10.13 High Sierra e al filesystem APFS. Si tratta, secondo la software house, della prima utility del genere per il nuovo filesystem di Apple. Altra novità di Disk Drill 3.5 è l’integrazione di funzionalità per il recupero dati per i dispositivi con iOS 11.

Disk Drill può recuperare file da qualsiasi dispositivo di storage, quindi non solo dischi rigidi interni, HD esterni e chiavette USB ma anche fotocamere, iPod, Kindle, memory card e così via: in molti casi è in grado di leggere anche dischi apparentemente illeggibili. L’applicazione tiene conto dei vari file system e può velocemente scansionare dispositivi inizializzati come HFS e HFS+, FAT/FAT32/exFAT, NTFS ed EXT3/EXT4.

recuperare file cancellati Disk Drill

Il metodo di scansione denominato “Deep scan” permette di eseguire analisi in profondità (con maggiore accuratezza rispetto al “Quick scan” ma più lentamente e non tenendo conto di alcune proprietà come i nomi originali e le date di creazione), leggendo anche i dati di file system apparentemente sconosciuti. L’applicazione non è in grado di esaminare dischi fisicamente rovinati (es. con settori danneggiati) ma se il supporto o il disco che dobbiamo recuperare viene montato o in qualche modo identificato dal sistema, le probabilità di recupero sono buone, anche in caso di danni.

Oltre a funzioni per il recupero dei dati, il software mette a disposizione funzioni per la verifica dei dischi rigidi, per la pulizi, la ricerca dei duplicati e altre ancora. È possibile creare un disco di ripristino avviabile, per aumetare la possibilità di ripristino del disco nel caso in cui la partizione di sistema sia corrotta e necessita di essere ripristinata, sfruttando una chiavetta USB o altra memoria di 2GB o superiore.

A questo indirizzo trovate la nostra recensione della precedente versione 2.x. L’applicazione di base (ma con poche funzioni effettivamente utili) è gratuita. I prezzi delle versioni a pagamento partono da 89 dollari: ulteriori dettagli sul sito dello sviluppatore. Se non volete acquistare utility di questo tipo, il consiglio è quello di sempre: fate periodicamente un backup dei vostri dati.

Offerte Speciali

MacBook Pro 16″ sbarca anche su Amazon

MacBook Pro 16″ sbarca anche su Amazon

Su Amazon arriva il MacBook Pro 16 in tutte e due le principali configurazioni. Consegna a metà dicembre
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,449FansMi piace
95,261FollowerSegui