Questo sito contiene link di affiliazione per cui può essere compensato

Home » News » Facebook contro gli account del governo russo per combattere la disinformazione

Facebook contro gli account del governo russo per combattere la disinformazione

Non è solo la Russia a voler bloccare Facebook, ma anche il contrario. Il network  ha riferito di essere al lavoro per limitare l’influenza degli account ufficiali del governo russo, e per reprimere così eventuali fenomeni di disinformazione.

I ricercatori di sicurezza di Facebook hanno condiviso l’aggiornamento come parte del primo rapporto trimestrale sulle minacce della società, che descriveva in dettaglio i suoi ultimi sforzi per impedire che la sua piattaforma venisse sfruttata in mezzo all’invasione russa dell’Ucraina.

Durante una conferenza con i giornalisti, il presidente delle politiche pubbliche di Meta, Nick Clegg, ha dichiarato che la società ha visto un aumento della disinformazione sostenuta dallo stato:

Dall’invasione russa dell’Ucraina, abbiamo visto intensificati gli attacchi alla libertà di Internet e l’accesso alle informazioni. Si è manifestato in due modi: un obiettivo è spingere la propaganda di stato attraverso i media statali, le operazioni di influenza e le campagne di spionaggio. E l’altro mirava a chiudere il flusso di informazioni credibili

Clegg ha aggiunto che la società sta prendendo in considerazione nuovi modi per impedire agli account ufficiali del governo di diffondere disinformazione. Sebbene Facebook contrasti i media statali russi da marzo, la società non ha una strategia chiara per affrontare la disinformazione sulla guerra da parte di account ufficiali del governo. Fino ad oggi sono state intraprese azioni una tantum contro post specifici, come quando un account appartenente all’ambasciata russa nel Regno Unito ha falsamente affermato che era stata messa in scena l’attentato ospedaliero.

Russia sanzionata da Reddit, YouTube, TikTok, Facebook, Microsoft e altri

Ora Facebook sta apparentemente valutando come impedire meglio a questi account di diffondere disinformazione:

Ora stiamo esaminando attivamente ulteriori misure per affrontare la disinformazione e le bufale provenienti dalle pagine del governo russo

Tuttavia, le pagine ufficiali sono solo una delle aree di preoccupazione per Facebook. Nel suo rapporto, i ricercatori di sicurezza di Facebook hanno dettagliato diverse operazioni di influenza e altre campagne per manipolare la sua piattaforma a favore degli interessi e della disinformazione filo-russi.

Ad esempio, abbiamo rilevato e interrotto l’attività recidiva del CIB [comportamento non autentico coordinato] legata al KGB bielorusso che improvvisamente ha iniziato a pubblicare in polacco e inglese notizie sulle truppe ucraine arrese senza combattere e sui leader della nazione in fuga dal paese

La società ha anche detto di aver visto una rinnovata attività da parte di Ghostwriter, un’entità che utilizza attacchi di phishing sugli account di posta elettronica per entrare negli account dei social media dei suoi obiettivi. Facebook in precedenza ha detto che Ghostwriter ha preso di mira una manciata di giornalisti ucraini, funzionari militari e altre figure pubbliche all’inizio della guerra. Questa volta, Ghostwriter “ha tentato di hackerare gli account Facebook di dozzine di personale militare ucraino:

In una manciata di casi, hanno pubblicato video che invitavano l’esercito ad arrendersi come se questi post provenissero dai legittimi proprietari di account. Abbiamo bloccato la condivisione di questi video

Facebook ha anche individuato una rinnovata attività dell’Agenzia russa di ricerca su Internet; in ultimo ha riferito di aver rimosso “decine di migliaia” di account, pagine e gruppi per aver usato tattiche spam e fuorvianti nel tentativo di trarre profitto dalla guerra in Ucraina”.

Offerte Apple e Tecnologia

Le offerte dell'ultimo minuto le trovi nel nostro canale Telegram

Top offerte Apple su Amazon

Airtag già in vendita su Amazon

Airtag resta al minimo da mesi, 24,75€ euro l’uno

Su Amazon l'Airtag singolo va al minimo storico. Solo 24,45 € l'uno se comprate la confezione da 4.

Ultimi articoli

Pubblicità