FlashBattery, la batteria per auto elettrica che si carica in 5 minuti

Una startup israeliana ha ideato una batteria destinata alle auto elettriche. Non solo è più sicura (non infiammabile) ma può essere caricata in modo completo in cinque minuti.

StoreDot

StoreDot, una startup israeliana, si sta da tempo facendo notare per  interessanti novità legate alle tecnologie delle batterie. Nel corso della CUBE Tech Fair di Berlino ha mostrato una tecnologia denominata FlashBattery che promette di ricaricare la batteria di un’auto elettrica in soli cinque minuti.

La batteria –spiega il sito TNW – non fa affidamento alla tradizionale tecnologia degli ioni di litio ma sfrutta un materiale proprietario che prevede la sistemazione di livelli di nano materiali e composti organici con i quali è possibile ottenere la ricarica ultra rapida.

I produttori di batterie sono concentrati nel migliorare il possibile chilometraggio ma StoreDot punta tutto sulla ricarica veloce. Altre aziende stanno lavorando su questo versante; le stazioni di ricarica SuperCharger di tesla sono capaci di caricare in modo completo la batteria di una Tesla in 75 minuti.   Permettere di caricare velocemente una batteria, è un traguardo che potrebbe contribuire a diffondere maggiormente i veicoli elettrici.

Doron Myersdorf, co-fondatore e CEO di StoreDot, spiega: “La ricarica veloce è il tassello mancante per rendere onnipresenti i veicoli elettrici”. “Le tecnologie delle batterie attualmente disponibili impongono lunghi tempi di ricarica che rende il trasporto con veicoli elettrici non adeguato per il pubblico in generale”. “Stiamo vagliando varie possibilità con alcuni partner strategici del settore auto affinché ci permettano di potenziare il procedimento di fabbricazione in Asia e consentire l’avvio della prodizione in serie prima possibile”.

StoreDot dice che la tecnologia FlashBattery è anche più sicura rispetto a quelle usate attualmente nei veicoli elettrici poiché non sono infiammabili e hanno un livello maggiore di temperatura di combustione. L’azienda ha raccolto 66 milioni di dollari in quattro diverse tornate e ha già adocchiato il mercato degli smartphone, presentando dimostrazioni specifiche al Mobile World Congress dello scorso anno. L’azienda prevede che le batterie di questo tipo arriveranno sul mercato entro tre anni.