I dati Salute di Apple svelano il volto di un killer

Ancora una volta iPhone e i dati Salute di Apple contribuiscono alla soluzione di una indagine smascherando la vera identità dell’assassino

Black Friday della salute, solo grandi marchi: la nostra top 10

Non è la prima volta che i dati Salute di Apple vengono proposti in tribunale come prova schiacciante di un crimine. Accade ancora una volta nel Regno Unito, dove un killer è stato smascherato proprio dai dati registrati nell’applicativo iOS.

I dati Salute registrati hanno dimostrato, infatti, che la versione dei fatti fornita dal killer, relativa alla morte della moglie, era solo una grande menzogna. Adesso dovrà scontare più di 30 anni all’interno di un carcere. E’ il The Guardian a riportare la storia di un farmacista, che dopo aver ucciso la moglie, ha poi cercato di addebitare il fatto a presunti intrusi.

Stando a quanto dichiarato dalla Corte, Mitesh Patel, 37 anni, ha strangolato la moglie, Jessica, con un sacchetto di plastica dopo aver trascorso cinque anni a premeditarne l’omicidio. Dopo averla stordita con una iniezione di insulina, l’ha poi strangolarla nella casa di Linthorpe a Middlesbrough.I dati Salute di Apple come prova cruciale di un omicidio

Se la storia sembrava a primo avviso credibile, i dati Salute registrati dall’iPhone della donna hanno raccontato una verità completamente diversa. L’inganno di Patel è stato scoperto dopo che la polizia ha esaminato l’applicazione sullo smartphone della Mela, che ha seguito i passi dei due soggetti.

Nei minuti successivi all morte di Jessica, il telefono di Patel ha evidenziato un’attività frenetica, dato che il killer ha iniziato a correre per casa, proprio per inscenare un furto con scasso. Di contro, l’app salute di Jessica ha mostrato il suo stato immobile, fino a dopo la sua morte, quando invece ha registrato un movimento di 14 passi, ossia quando il marito ha preso l”iPhone della moglie, come a voler far credere che un ladro lo stesse rubando, facendolo poi cadere in terra nella finta fuga.

Non è la prima volta che i dati sanitari provenienti da un dispositivo Apple aiutano una indagine per omicidio. E’ già successo in un altro caso, all’inizio di quest’anno, in cui i dati di un Apple Watch avevano contraddetto quanto riferito dall’imputato, mostrando un’attività proprio nei momenti successivi alla morte.