Questo sito contiene link di affiliazione per cui può essere compensato

Home » Macity - Apple » Mondo iOS » iPhone » iPhone, prime notizie sull’attivazione in Usa e Canada

iPhone, prime notizie sull’attivazione in Usa e Canada

Pubblicità

Due diverse note, una inviata ai negozi At&T e una posta all’€™attenzione dei punti vendita di Rogers in Canada, svela qualche cosa in più rispetto al processo di attivazione di iPhone 3G.

In particolare chi avrà  il compito di vendere il telefono dovrà  usare, si legge, una versione speciale di iTunes che Apple ha già  messo a disposizione per il download dei negozi e che sarà  sostituita, il giorno 11 luglio, dalla versione 7.7 che conterrà  il modulo di attivazione. Da quanto descritto sembra che la procedura di ‘€œunbriking’€ dovrà  avvenire interamente nel negozio visto che si fa cenno a clienti che escono dal punto vendita con il cellulare funzionante.

Tra gli altri dettagli l’€™allestimento con postazioni di dimostrazione (che saranno distribuiti anche in Italia) e politiche di gestione del personale per garantire l’€™ordine. Infine si apprende che, questo per i negozi di Rogers saranno vietate iniziative da ‘€œsagra paesana’€ (che i qualche caso tanto piacciono ai nord americani) come conto alla rovescia, magliette, poster e giochi a premi. Questo, probabilmente, per dare uniformità  alle iniziative per il giorno del lancio ed impedire che con la “fantasia al potere” l’immagine di Apple venga associata a manifestazioni che potrebbero risultare eccessive.

Macnn cita anche, oltre che alle politiche per l’attivazione, procedure di ottimizzazione della rete. Anche in questo caso qualche giorno fa avevamo dato informazioni simili per il nostro paese.

Offerte Apple e Tecnologia

Le offerte dell'ultimo minuto le trovi nel nostro canale Telegram

Top offerte Apple su Amazon

GLi AirPods Pro di 2ª generazione con ricarica USB-C

Per gli Airpods Pro è il minimo storico, solo 219€

Amazon abbassa il prezzo degli Airpods Pro 2 con USB-C, li pagate 219 €, il 21% meno del prezzo Apple e il minimo storico
Pubblicità

Ultimi articoli

Pubblicità