In caso di incidente iPhone può salvarvi la vita, Android no

Gli operatori del soccorso sanitario hanno a disposizione un semplice sistema che consente loro di ottenere informazioni su un ferito, una persona non cosciente o che non è in grado di parlare. Se l’utente ha un iPhone aggiornato con le ultime versioni del sistema operativo, è possibile recuperare velocemente molte informazioni da Salute, l’app di serie con il sistema che permette di avere un colpo d’occhio sui dati relativi a salute e fitness dell’utente ma anche specificare la “cartella clinica” con dati quali: data di nascita, condizioni cliniche, note mediche, allergie, contatti per emergenze, gruppo sanguigno, peso, altezza, se si è donatori di organi o no e altre ancora.

“Quando i paramedici arrivano sul luogo di un incidente, spiega KoloTV, “raramente sanno con chi hanno a che fare”. “Metà delle chiamate che riceviamo”, spiega Cindy Green, paramedico di REMSA (servizi di trasporti in autoambulanze), “sono casi di persone per i quali non conosciamo nomi, salvo che non ci siano stati indicati in precedenza, o vengono comunicati se chi trattiamo ha le capacità verbali”. L’iPhone che in tanti possiedono è un valido aiuto: se l’utente ha compilato i dati della cartella medica, è possibile accedervi velocemente dalla schermata di blocco. Non serve sbloccare il telefono o conoscere codici di sblocco: basta, infatti, scegliere “Emergenza” e poi selezionare in basso la voce “Cartella Clinica”.

Tra le prime cose utili da sapere, c’è, ad esempio, l’età del paziente, il suo nome e preziosi sono anche dettagli sulla sua storia clinica; altresì importante è sapere chi contattare in caso di problemi ed eventuali allergie, dati che altrimenti è necessario ricavare cercando di contattare i parenti partendo dalla patente di guida ma perdendo ovviamente tempo.

Uniche note negative: l’app funziona ovviamente solo se il telefono è funzionante (non sempre il telefono si salva in caso di incidenti) e il fatto che non esiste una funzionalità equivalente per i dispositivi Android.

Esempio di scheda con le informazioni vitalI: se l'utente lo desidera, questa è accessibile dalla schermata di blocco.
Esempio di scheda con informazioni vitalI: se l’utente lo desidera, è accessibile dalla schermata di blocco.
Articolo precedenteBilancia da cucina precisa al decimo di grammo, 16,99 euro: pochissimi pezzi
Articolo successivoOS X 10.11.4 beta risolve il bug dei link Twitter non funzionanti