Questo sito contiene link di affiliazione per cui può essere compensato

Home » Macity - Apple » Hardware Apple » iPod e MacBook i regali consigliati da Consumer Reports

iPod e MacBook i regali consigliati da Consumer Reports

Pubblicità

Negli Stati Uniti l’associazione indipendente e no-profit Consumer Reports ricopre il ruolo di osservatorio per la tutela e il consiglio dei consumatori, in modo simile a quanto offerto in Italia da Altro Consumo. Nella guida per gli acquisti elettronici di Natale Consumer Reports riserva un posto di primo piano per i prodotti di Cupertino.

Oltre ai televisori in alta definizione, navigatori GPS, fotocamere e lettori Blu-ray Consumer Reports elegge come migliore MP3 l’iPod touch di seconda generazione segnalando i pulsanti per il controllo del volume, lo speaker integrato e la possibilità  di acquistarlo a un prezzo più contenuto rispetto alla prima versione. Consumer Reports nota però l’assenza di un alimentatore per le prese a parete infine l’impossibilità  di sostituire la batteria, anche se l’autonomia è stata ulteriormente migliorata.

Nella sezione dedicata ai portatili troviamo tutti i nuovi MacBook: dal modello da 13 pollici, passando per il MacBook Pro fino al MacBook Air. Oltre alle qualità  tecniche e alle caratteristiche fisiche delle macchine, Consumer Reports dichiara che per la scelta delle macchine da consigliare è stato attentamente valutato il servizio di assistenza offerto dal costruttore. Per quanto riguarda i portatili e il servizio offerto negli Stati Uniti Apple è risultata la società  con il servizio di assistenza migliore. Tra i portatili PC consigliati ricordiamo Sony Vaio, Lenovo ThinkPad, infine anche alcune macchine Dell e HP.

Offerte Apple e Tecnologia

Le offerte dell'ultimo minuto le trovi nel nostro canale Telegram

Top offerte Apple su Amazon

GLi AirPods Pro di 2ª generazione con ricarica USB-C

Per gli Airpods Pro è il minimo storico, solo 219€

Amazon abbassa il prezzo degli Airpods Pro 2 con USB-C, li pagate 219 €, il 21% meno del prezzo Apple e il minimo storico
Pubblicità

Ultimi articoli

Pubblicità