Kodak MicroSD V30, recensione dell’unità di memoria micro-mostre

Kodak MicroSD V30 offre un enorme spazio in moltissimi device, dove altrimenti sarebbe impossibile

Kodak MicroSD V30, recensione dell’unità micro-mostre

Kodak MicroSD V30 è una piccolissima MicroSD dalle ottime performance in lettura e scrittura, pensata per chi deve registrare video ad alta definizione su sportcam o fotocamere compatibili, ma utile anche per chi vuole semplicemente aumentare lo spazio disponibile nei MacBook Pro di penultima generazione o di uno smartphone Android.

Kodak MicroSD V30, la recensione

Un’unghia di spazio

Un non-problema che si deve affrontare subito con la Kodak MicroSD V30 è senza dubbio la dimensione, davvero ridotta e pari a un’unghia. Prima di scartarla meglio decidere subito dove metterla o rischia di sparire in una scrivania anche non molto affollata.

Kodak MicroSD V30, recensione dell’unità micro-mostre

Chi scrive ha dovuto usarla in moltissimi modi durante il test e questo ha comportato una certa dose di rischio: per fortuna la confezione arriva con una parte in plastica morbida che la circonda offrendo una discreta protezione anche dopo l’apertura (basta un pezzo di scotch per chiuderla).

Una volta aperta la confezione, comunque, la Kodak MicroSD V30 è pronta all’uso e, di solito, basta inserirla in un device e seguire le istruzioni per la giusta formattazione.

Prova multipla

Il modello da noi provato aveva 256 GB di spazio al suo interno, una capacità tutt’altro che moderata anche oggi che abbiamo MacBook Pro con 4 TB di hard disk.

La sola attenzione da fare è verificare però se il device è compatibile con lo spazio disponibile: in caso contrario infatti la scheda non è proprio vista probabilmente per l’incapacità dei driver di inizializzare tutte le celle disponibili. A noi è successo con una fotocamera Nikon D90, che gestisce unità SD/MicroSD sino a 16GB al massimo.

Nessun problema invece con altri device come uno smartphone Android Neffos X1 Lite, che ha visto correttamente la scheda, alloggiata nell’apposito cassetto, e proposto subito la formattazione.

Kodak MicroSD V30, recensione dell’unità micro-mostre
La Kodak MicroSD V30, qui sul Neffos X1 Lite di TP-Link

Ma a dire la verità la prova più interessante in questo senso è stata con un MacBook Pro 13″ del 2013, che presenta un lettore SD integrato che abbiamo usato tramite un adattatore MicroSD/SD.

In questo modo il MacBook Pro ha praticamente raddoppiato lo spazio a disposizione potendo così ospitare tutta la nostra libreria di MP3 e una cartella di lavoro contenente documenti di Word, Illustrator, PowerPoint e alcune immagini, una gran bella comodità che probabilmente manderà in pensione l’Hard Disk esterno perché l’unità SD interna ha il vantaggio di essere molto più pratica.

Per i MacBook Pro di ultima generazione la cosa non è possibile (peccato però) ma una situazione simile si può ottenere con un lettore esterno USB-C come questo oppure anche con modelli senza cavo (più pratici ma più ingombranti in borsa).

Kodak MicroSD V30, recensione dell’unità micro-mostre
All’interno del Neffos X1 Lite Android ha visto correttamente la scheda e l’ha usata all’interno delle App (dove possibile)

Velocità

Non è possibile effettuare test di velocità su tutti i device, purtroppo, quindi riportiamo qui solo il test effettuato sul MacBook Pro con adattatore.

Possiamo però dire che la Kodak MicroSD V30 consente di registrare filmati in FullHD a 60/120 fps, oppure a 4K a 30fps, misure di tutto rispetto per una unità così piccola.

Inoltre, Kodak afferma che l’unità è anche waterproof, cosa che può risultare utile quando usata all’interno delle sportcam, anche se di solito il vano di alloggio è già a prova di acqua o schizzi (su Mac invece no, ma neppure il Mac è a prova di acqua o schizzi).

Kodak MicroSD V30, recensione dell’unità micro-mostre
Con un MacBook Pro 13 del 2013, su slot SD (con adattatore) la scheda viaggia alla stessa velocità di un HD esterno da 2.5″ su USB3, quindi perfettamente utilizzabile per documenti di vario tipo

Considerazioni

Sono due le caratteristiche importanti da ricordare di questa unità: l’estrema versatilità di una unità di memoria che permette, nativamente o tramite adattatori, di essere utilizzata praticamente ovunque e l’estrema convenienza economica per una unità di memoria supplementare il cui costo parte da 9,10 Euro per 32 GB (già una buona dimensione per un paio di cartelle di lavoro) sino a 86,45 Euro per 512 GB, uno spazio enorme se rapportato alla dimensione (1.50 x 1.10 cm).

Kodak MicroSD V30, recensione dell’unità micro-mostre
Tramite l’adattatore SD/MicroSD la scheda è utilizzabile ovunque, ma attenzione alle specifiche del device di destinazione: la nostra fotocamera era infatti troppo vecchia per gestire 256 GB di memoria

Pro:

• Ottimo rapporto prezzo/prestazioni
• Estremamente versatile nell’uso

Contro:

• Serve verificare prima la compatibilità per i modelli più capienti

Prezzo:

9,10 Euro (32 GB)
10,01 Euro (64 GB)
17,29 Euro (128 GB)
36,40 Euro (256 GB)
• 86,45 Euro (512 GB)

I lettori possono trovare la Kodak MicroSD V30 nei 5 tagli oggi disponibili presso le pagine di GearBest partendo da questa pagina e selezionando poi l’articolo.

Invitiamo poi a valutare anche gli accessori come l’adattatore MicroSD/SD oppure il lettore MicroSD via USB-C se usata al di fuori dei device direttamente compatibili con il formato.
Consigliamo anche di valutare l’effettiva compatibilità con i propri device prima di eseguire l’acquisto, di solito indicata nella scatola o nel sito web alla voce specifiche.