MacBook Air 2018, ecco tutto quello che dovete sapere

MacBook Air 13

Tutto quello che dovete sapere del MacBook Air 2018 con display Retina da 13″. Dalle specifiche tecniche alle peculiarità del design, un articolo complessivo che vi porta alla scoperta della nuova macchina per la casa e la scuola.

Dopo avere cancellato il MacBook 11, ha finalmente anche presentato una radicale revisione dei MacBook Air 13″. Si tratta del MacBook Air 2018 con display Retina da 13″, introdotto il 30 ottobre 2018, a circa dieci anni di distanza dal lancio del primo MacBook Air.

Il rinnovo era atteso anche se non ha risposto ad alcune delle attese dei rumors, tra cui un design simile a quello dei MacBook 12″ retina e un prezzo sotto i mille dollari (o mille euro se vogliamo fare un conto senza tasse). Ma non per questo il MacBook Air 2018 da 13 ” pollici non è un prodotto interessante. Vediamo come è fatto e quali sono le sue specifiche

MacBook Air 2018 in poche parole

Quello che è da sempre probabilmente il notebook più amato di Apple ora vanta un

  • Display Retina da 13″
  • processore Apple T2 Security per la sicurezza
  • due porte Thunderbolt 3 compatibili USB-3
  • processore Intel Core i5 processor con coprocessore grafico Intel UHD
  • Batteria che permette di lavorare, secondo la definizione di Apple, una intera giornata
  • Touch-ID
  • Archiviazione SSD più veloce
  • Altoparlanti più potenti
MacBook Air 2018
MacBook Air 2018 in una immagine ufficiale di Apple

Design

Il guscio inconfondibile del MacBook Air è ancora più compatto e portatile. L’altezza varia da 0,41–1,56 cm; la larghezza è di 30,41 cm, la profondità è di 21,24cm. L’ingombro è significativamente ridotto rispetto alla generazione precedente: è il 17% più piccolo, il 10% più sottile, è spesso solo 1,56 cm nel punto più alto e pesa solo 1,25 chilogrammi, circa 100 grammi in meno rispetto alla generazione precedente.

L’involucro del MacBook Air è realizzato in una lega di alluminio progettata da Apple che consente per la prima volta l’uso di alluminio riciclato al 100%, che ha la stessa resistenza, durata e finitura dell’alluminio comune a tutti i prodotti della Mela. Apple dice che questo ha permesso di ridurre le emissioni di gas serra di quasi il 50% e fa di MacBook Air “il Mac più ecologico di sempre”.

Prezzi MacBook Air 2018: i costi delle varie configurazioni

Processore

Il processore sfruttato da Apple è il Core i5-8210Y, un dual‑core a 1,6GHz (che con il Turbo Boost arriva fino a 3,6GHz) con integrati 4MB di cache L3. Questa CPU della serie Amber Lake, parente di quella dei MacBook 12″ Retina, si distingue per un assorbimento di energia molto bassa (7W) e capace di spingere l’autonomia oltre ogni altro laptop Apple, ma anche per prestazioni che, sulla carta, non sono al pari di quelle di un classico processore delle macchine portatili della Mela. Apple aveva finora sfruttato per i MacBook Air processori della serie U da 15W ma i più recenti processori Intel Core i7, i5 e i3 di ottava generazione serie Y offrono migliorie dal punto di vista energetico, con un thermal envelope di 7 watt.

MacBook Air 2018 a confronto tecnico con altri prodotti comparabili
Una lista dei computer consumer nella gamma portatile tra cui abbiamo acme il MacBook Air 2018

Prestazioni

Nel corso di alcuni test prima del lancio effettivo del MacBook Air 2018 le prestazioni sono state misurate, per alcuni aspetti, al pari di quelle di un MacBook 12″ Retina e dei MacBook Pro 13″ con Touchbar. È ovviamente più veloce dei MacBook Air di precedente generazione.

Il display Retina

Il display retroilluminato LED da 13,3″ (diagonale) con tecnologia IPS ha risoluzione nativa di 2560×1600 a 227 pixel per pollice; supporta 4 milioni di colori e secondo Apple offre il 48% di colori in più rispetto alla generazione precedente; il risultato, secondo la Casa di Cupertino, è “vivido e brillante”.

Le risoluzioni ridotte supportate sono: 1680×1050, 1440×900, 1024×640, il formato è 16:10. Dal punto di vista estetico il vetro del display si spinge fino al margine del guscio riducendo i bordi del 50%, permettendo di concentrarsi meglio su quello che si vede sullo schermo e consentendo ad Apple di ridurre le dimensioni complessive del computer.

Lo schermo del MacBook Air 2018
Lo schermo del MacBook Air 2018 e fa un passo avanti rispetto ai precedenti display

Grafica e uscita video digitale

Sul versante grafico abbiamo una GPU Intel UHD Graphics 617. La componente permette di gestire schermi con risoluzione massima di 4096×[email protected], supporta DirectX 12, OpenGL 4.5 e permette di pilotare fino a tre schermi. È supportata simul­taneamente la risoluzione nativa, in milioni di colori, sullo schermo integrato e un monitor esterno con risoluzione 5120×2880 fino a 60Hz oppure fino a due monitor esterni con risoluzione 4096×2304 fino a 60Hz.

L’uscita video digitale Thunderbolt 3 consente di collegare monitor DisplayPort in modalità nativa via USB‑C; questa funziona come uscita VGA, HDMI e Thunderbolt 2 tramite adattatori (in vendita separatamente). Grazie alla connessione Thunderbolt 3 con i MacBook Air è possibile sfruttare anche processori grafici esterni (eGPU).

La presentazione del MacBook Air 2018 da 13″
Durante la presentazione del MacBook Air 2018 da 13″ è stata data molta evidenza al display

RAM e Unità SSD

La macchina offre di serie unità SSD da 128GB; in fase di ordine è possibile scegliere unità SSD da 256GB, 512GB e 1,5TB. Apple dice che le unità utilizzate su questa macchina sono fino al 60% più veloci rispetto alla generazione precedente.

La memoria RAM proposta di serie è 8GB (LPDDR3 a 2133MHz su scheda) ma in fase di ordine è possibile espandere fino a 16GB.

Videocamera, microfoni e speaker

La videocamera FaceTime HD integrata (720p) nasce per supportare FaceTime anche nella versione di gruppo con amici e parenti. Un sistema a tre microfoni a detta di Apple rileva la voce in modo più accurato quando si usa Siri e offre un audio migliore durante le chiamate. Gli altoparlanti stereo hanno bassi due volte più potenti e il 25% di volume in più rispetto alla generazione precedente. Apple parla di bassi due volte più potenti “per un suono più ricco e una gamma più ampia” e del 25% di volume in più rispetto alla generazione precedente.

Touch ID e chip Apple T2 Security

MacBook Air è ora dotato di Touch ID, il sensore di impronte digitali integrato nella tastiera, che permette di sbloccare il computer, autenticarsi e fare acquisti con Apple Pay. Per supportare Touch ID, MacBook Air viene fornito con l’Apple T2 Security Chip, un controller factotum che, tra le altre cose, rende il notebook molto più sicuro.

Il Secure Enclave del chip protegge i dati raccolti dal Touch ID e garantisce che il software caricato durante il processo di avvio non sia stato alterato. Il chip T2 Security integra anche un controller SSD con funzionalità di cifratura in tempo reale per tutti i dati salvati sull’unità SSD. In questo modo, MacBook Air offre il processo di avvio e l’archiviazione più sicuri rispetto a qualsiasi altro notebook.

Infine, il chip T2Security ha un processore sempre attivo che può essere sfruttato per abilitare la funzione “Ehi Siri” per aprire app e trovare file usando solo la voce. Il T2 prevede una funzionalità che consente di scollegare il microfono dal resto dell’hardware quando il coperchio è chiuso impedendo a qualunque software, anche con privilegi di root o kernel di macOS, di intercettare l’audio all’insaputa delll’utente.

Tastiera e trackpad

La tastiera Apple di terza generazione di MacBook Air usa il meccanismo a farfalla, una tecnologia nata con i MacBook 12″ retina e sottoposta a qualche critica, anziché il tradizionale meccanismo a forbice. Secondo Apple è ancora più “precisa e reattiva”; ogni singolo tasto è retroilluminato con LED a basso consumo.

l MacBook Air è inoltre dotato del trackpad Force Touch: riconosce l’intensità del tocco, trasmette un feedback aptico ed è più grande del 20% rispetto a quello del MacBook Air della generazione precedente, in grado quindi di offrire un’esperienza di utilizzo più silenziosa e precisa.

La tastiera del MacBook Air 2018 da 13″
La tastiera del MacBook Air 2018 da 13″ ha un meccanismo a farfalla

La porta Thunderbolt 3

Ora MacBook Air è dotato di due porte Thunderbolt 3 che consentono di ricaricare il notebook, trasferire dati via USB e Thunderbolt, trasmettere video in tre formati e collegare altri dispositivi: dischi esterni, dock per avere porte aggiuntive, monitor 4K e 5K, e eGPU (schede video esterne) per prestazioni grafiche più veloci. La porta in questione è molto versatile (l’attacco è USB-C) e consente di sfruttare appieno un’intera nuova generazione di accessori. Apple dice che sono migliaia i dispositivi USB-C e oltre 700 i dispositivi Thunderbolt disponibili. È possibile usare dispositivi di precedente generazione usando appositi adattatori.

Le due porte Thunderolt 3 del MacBook Air 2018
Le due porte Thunderolt 3 del MacBook Air 2018

Connessioni wireless e altro

MacBook Air 13″ Retina offre Wi‑Fi 802.11ac compatibile con IEEE 802.11a/b/g/ e Bluetooth 4.2. Ì presente il jack da 3,5 mm per cuffie, un sensore di luce ambientale. Le due porte Thunderbolt 3 (attacco USB‑C) sono utilizzabili per: ricarica, Displayport, connessioni Thunderbolt (fino a 40 Gbps), connessioni USB‑C 3.1 Gen 2 (fino a 10 Gbps).

Alimentatore e Batteria

L’alimentatore è USB‑C da 30W. Apple dice che la batteria di MacBook Air 2018 dura fino a 12 ore usando il computer controllando le email, navigando sul web, facendo shopping online, scrivendo documenti, guardando video, gestendo fogli di calcolo, ecc. Guardando film secondo Apple la durata arriva anche a 13 ore. In standby Apple parla di autonomia “fino a 30 giorni”.

Il test di navigazione web in wireless usato da Apple misura la durata della batteria durante la navigazione Wi‑Fi su 25 noti siti web con luminosità dello schermo impostata al 75% o a 12 tacche dallo zero. Il test di riproduzione di film iTunes misura la durata della batteria durante la visione di contenuti HD a 1080p con luminosità dello schermo impostata al 75% o a 12 tacche dallo zero.

Prezzi

In  fase di ordine è possibile scegliere la configurazione con rocessore dual-core a 1,6GHz (Turbo Boost fino a 3,6GHz) e archiviazione 128GB. Si parte da 1379,00 euro IVA inclusa. Questa variante può essere configurata con 8 o 16GB di memoria RAM (LPDDR3 a 2133Mhz), 128GB, 256GB (+250,00 euro rispetto al prezzo base), 512GB (+500 euro), SSD 1,5TB (+1500 euro).

La versione con processore dual-core a 1,6GHz (Turbo Boost fino a 3,6GHz) e
archiviazione 256GB parte da 1629,00 euro. Anche per quest’ultimo si puà scegliere il quantitativo di memoria RAM (8 o 16GB) e lo spazio di archiviazione.

Il 13″ standard rimane a listino per 1129,00 euro. I nuovi MacBook Air con schermo Retina possono essere ordinati sul sito Apple. da mercoledì 7 novembre sono disponibili anche negli Apple Store e presso i rivenditori autorizzati .