Il Museo Egizio di Torino premiato per l’innovazione digitale nei beni e attività culturali

Con la mostra “Archeologia Invisibile”, che vede l’incontro di storia e hi-tech il Museo Egizio di Torino si è aggiudicato il riconoscimento del Politecnico di Milano.

Il Museo Egizio premiato per l’innovazione digitale nei beni e attività culturali

Progetti di innovazione digitale particolarmente significativi, come allestimenti museali e iniziative che portano nel futuro i fruitori del patrimonio culturale: per questo è stato premiato il Museo Egizio di Torino.

Il riconoscimento al Museo piemontese è arrivato il 23 maggio 2019 dall’Osservatorio Innovazione Digitale nei Beni e Attività Culturali del Politecnico di Milano: il Museo Egizio si è aggiudicato il Premio Gianluca Spina per l’Innovazione digitale nei beni e Attività culturali. 

Il Museo Egizio è stato premiato da una doppia giuria, una composta da esperti e relatori e l’altra dal pubblico in sala. Ha raccolto i consensi di entrambe il format della mostra attualmente in corso al Museo Egizio, Archeologia Invisibile, proposto con la relazione progettuale dal titolo “La digitalizzazione della dimensione tangibile e inagibile del patrimonio mussale: Archeologia invisibile”. 

Il museo torinese racconta attraverso un’esposizione temporanea che sarà visitabile dal 13 marzo 2019 al 6 marzo 2020 i risultati di una ricerca condotta su alcuni reperti della collezione: una ricerca incominciata quattro anni fa e i cui risultati – gli elementi e le notizie più importanti degli oggetti osservati – sono stati svelati grazie alla tecnologia.

Alla Fondazione per le Antichità Egizie di Torino è stato attribuito il diritto a una borsa di studio del valore di 12mila euro, messa a disposizione dall’Associazione Gianluca Spina, per la partecipazione al Master in Management dei Beni e delle Istituzioni Culturali del MIP, Politecnico di Milano Graduate School of Business (Edizione 2019 – 2021).

La consegna del premio, che consiste in una borsa di studio del valore di 12mila euro, è stata fatta nella serata del 23 maggio, durante il convegno di presentazione dei risultati dell’Osservatorio Innovazione Digitale nei Beni e Attività Culturali del Politecnico di Milano, organizzato nell’Aula Magna Carassa e Dadda del Campus Bovisa, che ha riunito circa 400 operatori del settore, dinanzi ai quali i tre finalisti del Premio hanno illustrato i propri progetti.

Il Museo Egizio premiato per l’innovazione digitale nei beni e attività culturali

La mostra “Archeologia invisibile” – presentata in questo articolo da Macitynet – si potrà visitare il lunedì dalle 9 alle 14 e da martedì a domenica dalle 9 alle 18.30. Il biglietto (comprensivo di ingresso al Museo Egizio e visita alla collezione permanente) costa: intero 15 euro, Ridotto 11 euro per i visitatori da 15 a 18 anni, ridotto 1 euro per i visitatori dai 6 ai 14 anni, ridotto 1 euro per i gruppi scolastici da 6 a 14 anni + n° 2 insegnanti ed è gratuito per i bambini fino a 5 anni. Maggiori informazioni per organizzare la propria visita al Museo Egizio si trovano sul sito ufficiale.