Questo sito contiene link di affiliazione per cui può essere compensato

Home » News » Ecco perché OpenAI non può registrare GPT come marchio

Ecco perché OpenAI non può registrare GPT come marchio

Da quando OpenAI ha presentato il suo chatbot ChatGPT nel novembre 2022 l’interesse per questa nuova tecnologia è letteralmente volato. Di fatto, ChatGPT ha dato vita alla febbre da Intelligenza Artificiale, che ha ormai invaso qualsiasi settore della tecnologia. Da sempre, l’azienda ha sempre cercato di impedire ad altre imprese di utilizzare l’acronimo “GPT”, ma nuovamente l’Ufficio Brevetti e Marchi degli Stati Uniti sembra non essere d’accordo. In sostanza, “GPT” non può essere registrato come marchio. Ecco il perché.

In una decisione finale emessa la scorsa settimana, che è passata quasi inosservata, l’USPTO ha respinto la richiesta di OpenAI di registrare il marchio “GPT”, perché l’acronimo risulta essere “meramente descrittivo” e indica solo una caratteristica del prodotto dell’azienda. “GPT” è l’abbreviazione di “generative pre-trained transformer”, un insieme di modelli di reti neurali in grado di creare testo e immagini, simili a quelli generati da esseri umani.

OpenAI si era opposta già nei mesi scorsi all’affermazione dell’agenzia federale secondo cui “GPT” risulta essere un termine descrittivo, sostenendo nel novembre scorso che il consumatore medio non conosca l’acronimo di “GPT”.

Applicazione iOS per ChatGPT, ma per ora noi non possiamo usarla
Foto di ilgmyzin su Unsplash

Questa dizione è complicata e utilizza termini specifici del mondo dell’AI che il consumatore medio non comprenderà. Se camminassi per strada e chiedessi a un campione di persone cosa significa GPT, è altamente improbabile che molti sappiano immediatamente che sta per ‘generative pre-trained transformer'”

Tuttavia, l’USPTO non ha accolto questa argomentazione. Nella sua decisione di febbraio, l’agenzia ha affermato che molti consumatori avevano chiaramente imparato a collegare “GPT” a determinati prodotti e tecnologie.

L’USPTO ha anche dichiarato di aver respinto la richiesta di OpenAI nel tentativo di impedire all’azienda di soffocare la concorrenza nel suo settore e di evitare che intentasse costose cause di violazione del marchio.

Le imprese e i concorrenti dovrebbero essere liberi di utilizzare un linguaggio descrittivo quando descrivono i propri beni e/o servizi al pubblico nei materiali pubblicitari e di marketing

Questa è la seconda volta che l’agenzia respinge la domanda di registrazione del marchio di OpenAI, presentata nel dicembre 2022. In precedenza, l’USPTO aveva respinto la richiesta dell’azienda nel maggio 2023. Tuttavia, non è ancora scritta la parola fine: OpenAI può chiedere all’USPTO di riesaminare la sua decisione o presentare un’appello presso il Trademark Trial and Appeal Board, anche se non è chiaro al momento se sceglierà di intraprendere una delle due strade.

Tutte le notizie che parlano di Intelligenza Artificiale sono disponibili a partire da questa pagina di macitynet.

Offerte Apple e Tecnologia

Le offerte dell'ultimo minuto le trovi nel nostro canale Telegram

Top offerte Apple su Amazon

Confronto iPhone 15 contro iPhone 14, quale scegliere

Su Amazon ancora ribassi per iPhone 15, ora al minimo storico con prezzo da 769€

Si allarga lo sconto su iPhone 15. Sono in promozione sia i modelli da 128 Gb che quelli di 256 Gb. Risparmio record fino al 21% e prezzi di 210 € sotto quelli consigliati da Apple.

Ultimi articoli

Pubblicità