fbpx
Home Hi-Tech Finanza e Mercato Phil Schiller voleva ridurre le commissioni App Store nel 2011

Phil Schiller voleva ridurre le commissioni App Store nel 2011

L’ex capo di App Store Phil Schiller, poi responsabile mondiale del marketing di Cupertino, ha preso in considerazione la riduzione delle commissioni su app e acquisti in-app già un decennio fa, secondo le prove presentate da Epic Games durante il suo processo contro Apple.

Nel 2011, Phil Schiller avrebbe chiesto a Eddy Cue, capo dei servizi Apple, se la società pensava che la suddivisione 70% sviluppatore, 30% Apple, sarebbe durata per sempre. A quel tempo, Schiller si definiva un “convinto sostenitore” della commissione App Store del 30% di Apple, anche se rispose negativamente alla domanda, ritenendo che tale commissione non sarebbe rimasta “invariata per sempre”.

Phil Schiller lascia il ruolo di capo del marketing Apple

Schiller aveva suggerito di apportare una modifica alla struttura delle commissioni una volta che App Store avesse raggiunto 1 miliardo di profitto all’anno, come rileva Bloomberg. In quel caso, Schiller proponeva una commissione dal 25% al ​​20%.

So che questo è controverso, lo considero un altro modo per guardare alle dimensioni dell’azienda, a cosa vogliamo ottenere e a come rimaniamo competitivi

Apple, da parte sua, ha negato che Schiller avesse fatto tali dichiarazioni, aggiungendo che non c’è alcuna indicazione che la struttura delle commissioni sia legata ai profitti dell’App Store. Attualmente, App Store guadagna più di 1 miliardo di dollari all’anno.

Le app iOS truffe incassano milioni su App Store

Il gigante tecnologico di Cupertino ha cambiato la sua struttura tariffaria nel corso degli anni. Nel 2016, ha ridotto la sua commissione al 15% per gli abbonamenti del secondo anno. Nel 2020, ha anche lanciato un programma per piccoli sviluppatori che ha ridotto la ommissione di Apple al 15% per le aziende che guadagnano meno di un milione di dollari.

Al momento, la commissione del 30% è proprio al centro di una enorme battaglia legale che sta contrapponendo Apple ad Epic Games, sviluppatore di Fortnite, rimossa da App Store per il tentativo di aggirare le commissioni dello store digitale Apple, tramite uno shop interno.

Ricordiamo che il processo vero e proprio tra le due società è iniziato il 3 maggio. Già altri importanti protagonisti della scena hanno fatto le proprie mosse collaterali, tra queste Microsoft e Google.

Tutti gli sviluppi della vicenda sono disponibili da questa pagina.

Offerte Speciali

iPad Pro 11″ 2020 da 1 TB solo 999€ (invece che 1669€)

iPad Pro 11″ 2020 da 1 TB solo 999€ (invece che 1669€)

Su Amazon iPad Pro 11" 2020 nella versione top da 1 TB scende al prezzo più basso della sua storia: 999 euro. Uno sconto del 25%
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,813FansMi piace
93,095FollowerSegui