Questo sito contiene link di affiliazione per cui può essere compensato

Home » Macity - Apple » AggiornaMac » PluralEyes, sincronizzazione multicamera con un solo click

PluralEyes, sincronizzazione multicamera con un solo click

Pubblicità

Spesso videomakers e montatori professionisti si sono trovati nella scomoda posizione di dover sincronizzare diverse riprese effettuate da registi inesperti o frettolosi, senza alcun ciak o timecode sync o per lo meno un battito di mani. E’ un lavoro estenuante, complicato e, se chi lavora non ha un occhio allenato, anche impreciso. Singular Software ha deciso che il computer è sicuramente più bravo e preciso di noi nello svolgere questo compito! Per ciò ha creato “PluralEyes” e “DualEyes”.

Solitamente le produzioni professionali usano sincronizzare i timecode delle diverse camere con costose apparecchiature. Un’altra valida alternativa è usare qualcosa che, inquadrato contemporaneamente da tutte le camere, sia utilizzabile come riferimento per il sync, tipo un ciak o il semplice, deciso, battito delle mani dell’aiuto regista. Purtroppo però in molte situazioni questi semplici accorgimenti non sono presi, per imperizia o fretta, oppure perché le riprese avvengono in momenti differenti, come ad esempio accade sui set dei video musicali.

I numerosi ciak dei videoclip sono realizzati con la base della canzone in playback, sulla quale il divo canta, per cui singolarmente sono identici, ma l’averli girati in momenti differenti rende impossibile l’uso di un elemento di sync. Un’altra occasione in cui è impossibile “battere il ciak” è durante i concerti. Quando si registra un live, il cantante parte spontaneamente e sarebbe impensabile dettare il classico “motore” – “ciak” – “azione” come si fa sui set.
In questi casi in genere si usa il timecode sync, ma problemi di questo tipo possono verificarsi anche in produzioni importanti dove può capitare di trovarsi a sincronizzare otto camere a mano.

In tutti queste occasioni un plug-in come PluralEyes equivale per il montatore alla mitica manna dal cielo e permette di risparmiare ore di lavoro. PluralEyes analizza la traccia audio delle diverse inquadrature e le sincronizza con un click, mettendoci a disposizione rapidamente una timeline pronta per essere utilizzata in multicam.
PluralEyes e DualEyes di Singular SoftwarePluralEyes e DualEyes di Singular SoftwareDualEyes invece non è un plug-in, ma una applicazione a sé stante che corre in aiuto di coloro che hanno necessità di registrare audio e video su supporti differenti. Utilizzando ad esempio le fotocamere reflex di ultima generazione, per la loro qualità ottica, non si può ignorare quanto siano carenti dal punto di vista audio. Sarà quindi necessario registrarlo su un supporto professionale e separato. DualEyes analizza l’audio della traccia video e lo sincronizza con quello registrato separatamente, producendo file che possono poi essere editati su qualsiasi programma di post-produzione.

Sia PluralEyes che DualEyes sono compatibili solamente con Final Cut Pro 6 e 7, oltre che AVID Media Composer, Premiere, VEGAS PRO ed EDIUS. FInal Cut Pro X include nativamente la funzione svolta da DualEyes, con un comando tramite menu contestuale “Syncronize Clips”.
Alla luce di ciò sarebbe interessante capire come Singular Software intenda interfacciarsi con Apple, ma ancora non ha rilasciato comunicati ufficiali.
PluralEyes e DualEyes di Singular SoftwareQuanto descritto finora può fare la differenza per chi per passione e soprattutto per lavoro deve editare e montare video e audio, ma occorre prestare attenzione. Questi software sincronizzano le riprese analizzando la forma d’onda della traccia audio. Se da un lato risulta comodo, dall’altro può essere ingannevole, per un motivo molto semplice ma che in un primo momento sfugge: il suono si propaga ad una velocità decisamente inferiore alla luce (che si può considerare istantanea), circa 331,5 metri al secondo. Ciò significa circa 13 metri ogni venticinquesimo di secondo. Durante un concerto ad esempio le immagini arrivano contemporaneamente, mentre l’audio può giungere fuori sync di un frame alle camere laterali di metà platea ed addirittura di due o più frame a quella in fondo che fa il totale, alle spalle del pubblico, che può facilmente trovarsi a 30 o 40 metri dal palco. Per questo professionalmente, seppure fa impazzire, si preferisce utilizzare il video e non l’audio per il sync di un multicamera. Quindi se utilizzate il software di Singular e non pensate a recuperare quei frame o semplicemente non conoscete questa problematica, potreste trovarvi in situazioni imbarazzanti.

PluralEyes e DualEyes possono essere scaricati gratuitamente in versione prova gratuita a 30 giorni. La licenza d’uso costa 125.77 euro IVA compresa ciascuno. Per maggiori informazioni e per il download della versione free trial è possibile visitare il sito Web Singular Software.
[A cura di Giuseppe La Guardia]

Offerte Apple e Tecnologia

Le offerte dell'ultimo minuto le trovi nel nostro canale Telegram

Top offerte Apple su Amazon

I nuovi iMac con chip M3, Wi-Fi 6E e Bluetooth 5.3

Sconto del 24% su iMac M3, solo 1412 € per versione 8+10 core

Su Amazon va in sconto va al minimo l'iMac con processore M3 in versione base. Lo pagate 330 euro meno del suo prezzo di listino nella configurazione con 256 GB di disco, CPU 8-core e GPU 10-core, solo 1412 €, riobasso del 24%
Pubblicità

Ultimi articoli

Pubblicità