fbpx
Home Hi-Tech Android World Recensione Cubot X17, lo smartphone economico solo nel prezzo

Recensione Cubot X17, lo smartphone economico solo nel prezzo

Gli smartphone economici prodotto in Cina sono ormai una realtà quotidiana. Alcuni sono da lasciare da parte anche prima di accenderli, basta guardarli, altri invece come il Cubot X17 meritano un approfondimento sia per il design elegante, accompagnato da uno spessore di appena 6 mm, sia per le funzioni e le prestazioni promesse. Senza considerare il prezzo che su Amazon, spedizione inclusa, è di appena 179,99 euro. L’abbiamo provato, andando incontro a risposte ad alcune domande tra cui una è la principale: che cosa si porta a casa a questo prezzo, davvero economico?

Estetica

I mercato cinese è ormai in grado di sfornare smartphone piacevoli alla vista e al tatto. La bellezza è, ovviamente, un parametro soggettivo, ma non si può negare che Cubot X17 faccia la sua figura. Come già anticipato è lo spessore ad esaltare il design di questo smartphone, contenuto in appena 6 millimetri. E’ vero, la fotocamera posteriore è leggermente sporgente, ma nel complesso il terminale è ben costruito e appaga sicuramente la vista non appena scartato dalla sua confezione. La cornice in metallo avvolge tutti e quattro i lati, per un profilo molto lineare e ben rifinito; la prim cosa che si pensa è che il Cubot X17 non sembra di certo essere un cellulare da 180 euro. Dove un po’ tradisce la natura di smartphone economico è il bordo del display, per via di una cornice un po’ troppo spessa e invadente. Al di là di questo particolare, l’unico altro reparto in cui, a livello estetico, si comprende di essere di fronte ad un telefono cinese economico è la parte della pulsantiera: i tre tasti frontali a sfioramento, infatti, non sono retroilluminati. Se si eccettuano questi due trascurabili particolari, Cubot X17 è uno smartphone esteticamente apprezzabile, che pesa solo 145 grammi.

cubot x17

Caratteristiche Tecniche e funzionamento

Da un telefono così economico ci si aspettano caratteristiche molto modeste, ma così non è. Solo il processore, a dire il vero, si trova un po’ in difetto rispetto a RAM, display e macchina fotografica, ma non per questo risulta scadente o poco performante. La CPU, infatti, è un Cortez A53 quad-core con clock a 1,3 GHZ; molti smartphone cinesi sotto i 200 euro, invece, presentano già processori octa-core, ma i dati sulla carta non sono tutto. Infatti, nel quotidiano non si ravvisa alcun rallentamento o lag e tutte le operazioni più frequenti vengono svolte in totale velocità, senza alcun segnale di sforzo da parte del terminale. Sarà anche merito dei 3 GB di RAM di cui è dotato il dispositivo, che muovono l’intero sistema operativo, basato su Android 5.1, senza alcun problema di sorta.  Positivo anche il lato videoludico: Cubot X17 supera alla grande il test stress di Real Racing 3. Scalda poco e con tutti i dettagli attivi, come specchietti retrovisori e riflessi sulle livree, il frame rate è stabile e molto elevato.

cubot x17

Molto bello, invece, il display, che nulla ha da invidiare ad altri pannelli montati su smartphone molto più costosi. Si tratta di una unità JDI IPS da 5 pollici di diagonale, con una risoluzione Full HD 1920×1080, con una densità di pixel davvero elevata, pari a 441 ppi. I colori sono vivaci, ma non troppo: di fatto sono saturi al punto giusto. La luminosità vanta una valida estensione e il sensore per la regolazione automatica funziona bene: non velocissimo ad adattare la luminosità tra ambienti illuminati e bui, ma comunque sempre affidabile. Soffre un po’ la luce del sole diretta, ma in tutte le altre condizioni risulta un pannello che vale ogni centesimo di quanto costa l’intero dispositivo.

Fotocamera

Altrettanto sorprendente è la macchina fotografica da 16 megapixel, che può scattare foto con una risoluzione 5312 x 2899, davvero apprezzabili in qualsiasi condizione di luce, anche se per alcuni “palati” potrebbero risultare con colori troppo accesi. Pur trovandoci di fronte ad un dispositivo così economico, le foto sono tranquillamente paragonabili  quelle che si ricavano da un qualsiasi medio gamma dai prezzi molto più elevati. Solo la messa a fuoco si fa attendere parecchio, ma il problema potrebbe essere relativo, dato che può essere velocemente regolata con un solo tap a schermo. Anche le foto in ambienti completamente bui risultano sufficienti, mentre in condizioni di luce ottimale è possibile catturare davvero parecchi dettagli, che mai ci si aspetterebbe da un dispositivo low cost. La galleria in basso aiuterà a farsi  un’idea di come Cubot X17 scatti foto in diverse condizioni di luce.

In uno spessore così piccolo era difficile aspettarsi miracoli dal punto di vista della batteria e dell’autonomia. Ciò nonostante i 2500 mAh sotto al cofano di questo Cubot X17 riescono tranquillamente a portare l’utente a sera, ma non aspettatevi di andare oltre. Purtroppo, però, in stand by il dispositivo non riesce a contenere i consumi, così che durante una notte, ad esempio, la batteria vedrà una diminuzione del 20%.

Sistema operativo

Il sistema operativo è praticamente stock, con pochissime personalizzazioni: Cubot X17 farà certamente la felicità di chi ama Android nudo e crudo. E’ abbastanza ottimizzato, privo di rallentamenti, ma non è esente da qualche piccolo bug, da correggersi con pochi click. In fase di installazione del dispositivo abbiamo dovuto sostituire manualmente l’app Play Store pre installata, che andava in crash dopo aver impostato la lingua italiana. Il problema è stato immediatamente risolto tramite installazione dell’ultima APK Play Store disponibile gratis in rete a questo indirizzo. Inoltre, non risulta possibile installare Amazon tramite Play Store, ma si può facilmente aggirare l’ostacolo installando apk da internet.

Audio

Dove, invece, è doveroso porre un piccolo accento negativo è il reparto audio. Dall’altoparlate di sistema esce un suono davvero troppo basso e freddo, che mal si sposa con la qualità generale del dispositivo. Del resto, offrire un dispositivo performante, con un ottimo display e una buona macchina fotografica a 180 euro, significa “risparmiare” necessariamente in su qualche versante: Cubot X17 ha scelto di fare a meno di un buon reparto audio. Nessun problema, invece, per le chiamate in capsula: l’audio si riceve forte e chiaro, così come chiaro e pulito arriva al proprio intelocutore.

cubot x17

Conclusioni

Un terminale così elegante e sottile, ad un prezzo tanto economico è difficile da trovare. Si aggiunga, tra i lati positivi, la presenza di 3 GB di RAM, un ottimo display e una buona macchina fotografica. Il risparmio è, invece, evidente sul versante sonoro, dove l’altoparlante di sistema è insufficiente.  Ciò nonostante, è il dispositivo perfetto per chi dispone di un budget di 150 euro.

Cubot X17 costa 179 euro, spedizione e tasse incluse, con garanzie Amazon e si acquista direttamente da qui

[usrlist Design:4.5 Facilità-d’uso:4 Prestazioni:4 Qualità/Prezzo:5]

PRO

  • Esteticamente elegante, leggero e sottile
  • Display rivaleggia con i leader del settore
  • Camera posteriore di qualità
  • Elevate prestazioni
  • Rapporto qualità prezzo

CONTRO

  • Autofocus della camera lento
  • Reparto audio debole
  • Autonomia appena sufficiente

Offerte Speciali

iPad Pro 11″ 256 GB scontato su Amazon: 949 €

iPad Pro 11″ 1 TB versione Cellular al minimo storico: 1.373,95 euro

Su Amazon iPad Pro scende al prezzo minimo nella sua versione da 1TB cellular con schermo da 11 pollici
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,831FansMi piace
93,199FollowerSegui