Questo sito contiene link di affiliazione per cui può essere compensato

Home » News » Recensione cuffie xFyro ANC Pro, buone per la musica, un po’ anonimo il resto

Recensione cuffie xFyro ANC Pro, buone per la musica, un po’ anonimo il resto

In un mercato che è esploso negli ulimi mesi come quello degli auricolari true wireless, le forme sembrano tutte uguali ma una volta indossata, ogni cuffia ha il suo motivo di esistere e, appena indossate, le xFyro ANC Pro offrono una prima sensazione di comodità e molti dettagli emergono dopo.

Grandi

Il contenuto della confezione è prevedibile, anche se non scontato: oltre alle cuffie e alla culla per la ricarica, nel quale il nero domina, è presente un piccolo (e corto, un po’ troppo) cavo USB-A/USB-C per la carica principale, un piccolo libretto di istruzioni (fondamentale, perché serve capire bene come funzionano le cuffie) e i due cambi di cuscinetti per le cuffie (uno più grande e uno più piccolo).

Dopo aver armeggiato un po’ con i cuscinetti per trovare la misura giusta, abbiamo iniziato lo studio (si fa per dire, è una operazione di un minuto) dei comandi principali per le cuffie: l’operazione è necessaria perché non c’è una App di supporto, e tutto è demandato ai comandi che impartiamo con le dita.

Recensione cuffie xFyro ANC Pro, il suono è magnifico, il contorno non del tutto completoIl primo pairing avviene naturalmente quando si apre la culla e si indossano le cuffie: queste cercano l’ultimo Device utilizzato, e se non lo trovano si mettono in automatico in modalità ricerca.

Come detto non ci sono App di supporto (peccato), tuttavia una serie di LED posti all’esterno delle cuffie e della culla permettono di capire lo stato degli auricolari e il livello di batteria anche senza indossarli.

La culla è comoda e ben disegnata, le forme curve stanno bene in tasca e non ingombrano più del necessario, però la plastica ha un aspetto economico, il che non influisce sulla qualità generale delle cuffie, ma un po’ dispiace.

Recensione cuffie xFyro ANC Pro, il suono è magnifico, il contorno non del tutto completo

Addosso

Come abbiamo detto gli auricolari xFyro ANC Pro hanno una parte che sporge, similmente alle AirPods Pro, il che le rende più grandi di molti modelli true wireless che concentrano tutto in una sezione semisferica. Questo comporta che quando sono addosso è molto importante trovare il giusto gommino per le orecchie (operazione che abbiamo eseguito e poi rifatto il giorno dopo) per evitare lo sbilanciamento durante la camminata, dato che la parte che sporge tende qualche volta ad uscire dall’alloggiamento nell’orecchio se non usiamo il giusto cuscinetto.

Il suono come vedremo è ottimo, ma se l’auricolare si muove dalla sua posizione originale, la risposta sonora ne risente.

I comandi sono touch su una piccola superficie limitata, e comodi da raggiungere e da eseguire: uno o più tap regolano la riproduzione, il volume, l’ANC (la cancellazione attiva del rumore, come vedremo tra poco) e, in teoria, anche il Gamin Mode.

Durante le prove abbiamo abbinato le xFyro ANC Pro ad un iPhone e un iPad senza problemi: le abbiamo utilizzate per l’ascolto di musica in mobilità e qualche film in salotto, ottime nel primo caso, probabilmente sprecate nel secondo, ma si offrono di buona lena a praticamente tutti gli utilizzi, considerando anche che hanno una certificazione IPX5 quindi non c’è neppure da stare attenti agli schizzi e alla polvere.

Recensione cuffie xFyro ANC Pro, il suono è magnifico, il contorno non del tutto completo

Il silenzio intelligente è buono ma…

Abbiamo utilizzato le xFyro ANC Pro come detto per qualche settimana, dove grazie alla bella stagione, abbiamo dato fondo a profonde passeggiate in città.

Il primo esame è andato sul circuito ANC, dedicato alla cancellazione attiva del rumore: c’è da dire che usare questa tecnologia sugli auricolari è molto complesso, di più di usare un paio di cuffie classiche (come le Sony WH-1000XM4, le EPOS Adapt 660 o le Bose Noise Cancelling Headphones 700) perché gli auricolari non possono usare la riduzione dei rumori passiva, data appunto l’assenza di un padiglione che fa un primo taglio dei rumori.

Le xFyro ANC Pro però possono usare l’intelligenza artificiale per la riduzione attiva dei rumori, il che significa che c’è un processore che seleziona quali rumori possono passare e quali no, per rendere allo stesso tempo più basso il disturbo esterno ma senza creare un isolamento che sia alienante o pericoloso.

Recensione cuffie xFyro ANC Pro, il suono è magnifico, il contorno non del tutto completo

Il risultato concreto è di un sistema che funziona ma che lascia l’impressione di poter fare di più: il taglio delle frequenze è debole, nel senso che passano più rumori di quelli che vorremmo, e la differenza tra i due stati non è palese.

Forse la strada è giusta, ma serve lavorare ancora un bel po’ per ottenere la stessa sensazione delle cuffie più classiche, anche con le dovute proporzioni.

Un’altra nota stonata è che la funzione Gaming Mode, promessa dal libretto di istruzioni (ma non pubblicizzata sul sito) non si attiva, perlomeno a noi non ha dato nessun feedback udibile, nonostante abbiamo provato più volte i quattro tap richiesti.

Ultima nota, la durata della batteria, che è davvero importante (e forse quella più lunga tra tutti i modelli provati: se la usate per andare e tornare da lavoro rischia di durarvi più di un paio di settimane, se la caricate una volta ogni dieci giorni in pratica sono immortali.

Recensione cuffie xFyro ANC Pro, il suono è magnifico, il contorno non del tutto completo

Ascolto importante

Se per l’ANC le xFyro ANC Pro hanno lasciato qualche perplessità, musicalmente parlando la qualità ci ha sorpreso notevolmente. Chi come noi fa questo lavoro si trova a provare un sacco di prodotti diversi, in molti casi apparentemente simili e difficilmente riesce sempre a trasportare ogni dettaglio ai lettori.

Un esempio lampante sono queste cuffie: anche se la forma estetica non è originale e anche la culla è abbastanza anonima, la qualità audio è tra le migliori che abbiamo provato.

I driver da 7 millimetri, unitamente al segnale Bluetooth 5 lavorano al meglio per trasportare tutta la banda sonora nella sua interezza.

Durante la fase di prova abbiamo utilizzato Spotify per l’ascolto di alcuni brani, Netflix e Plex per alcune puntate di telefilm e alcuni film. Nei film e telefilm l’ascolto è apparso buono, senza particolari picchi, ma nella musica la qualità è stata percepibile in ogni singolo brano.

La gamma sonora è appara bilanciata, i bassi promettenti senza però essere invadenti, e la musica appare più corposa e dettagliata. Le cuffie hanno il “merito” di offrire un timbro musicale proprio, ben distinto, seppure senza snaturare la musica vera e propria. Ci è piaciuto il tono caldo di alcuni brani, ben marcato, anche se non invadente.

Le abbiamo messe alla prova con brani non da poco, partendo subito con qualche cosa di difficile, come Somewhere Over The Rainbow di Israel Kamakawiwo’ole, anche se abbiamo prima provato un po’ a carburare con Shout di Tears For Fears. La voce molto particolare di Israel Kamakawiwo’ole è apparsa buona, ma allo stesso tempo anche la forza della voce di Curt Smith dei Tears For Fears, ben più potente non ha sfigurato. Le cuffie non hanno mai distorto alcuna frequenza, neppure quando abbiamo ascoltato Fuel dei Metallica o Bohemian Rhapsody dei Queen (nell’edizione Remastered 2011), accompagnandoci infine per l’ascolto continuo di diverse colonne sonore della serie Evangelion, di cui in questi giorni è uscito l’ultimo capitolo.

La sensazione è che questo modello possa duellare con un paio di cuffie più classiche, con le dovute proporzioni, a patto però di mantenerle salde nel cono delle orecchie: un piccolo movimento tende a spostare l’auricolare e a rendere l’ascolto meno dettagliato, specialmente sui bassi.

Nel complesso però è un buon paio di auricolari In-Ear, che offrono un eccellente sonorità e che anche con una estetica abbastanza anonima (anche se curata) lasciano una impronta nel mercato.

Recensione cuffie xFyro ANC Pro, il suono è magnifico, il contorno non del tutto completo

Considerazioni

Le cuffie xFyro ANC Pro sono proposte ad un prezzo che sfiora i 300 dollari sul sito del produttore: nel momento in cui scriviamo il prezzo è scontato al 50% (con spedizione gratuita in tutto il mondo) e sinceramente è questa la fascia di prezzo corretta nella quale noi le vediamo.

Il design è buono ma non troppo originale, l’ANC è promettente ma forse ancora non completo ma la qualità sonora è importante e renderà felici quanti la acquistano soprattutto per questo fattore, che già da solo vale il prezzo (scontato).

Pro:

• Eccellente durata delle batterie
• Risposta sonora notevole
• ANC integrato

Contro:

• L’ANC è migliorabile
• A prezzo pieno sono care

Prezzo:

• 299,00 Dollari (adesso in offerta a 150 Dollari con spedizione inclusa)

xFyro ANC Pro è disponibile al momento unicamente dal sito della casa madre, ad un prezzo scontato del 50%.

REVIEW OVERVIEW

Design
Facilità d'uso
Prestazioni
Qualità/Prezzo

Offerte Apple e Tecnologia

Le offerte dell'ultimo minuto le trovi nel nostro canale Telegram

Top offerte Apple su Amazon

Airtag già in vendita su Amazon

Airtag resta al minimo da mesi, 24,75€ euro l’uno

Su Amazon l'Airtag singolo va al minimo storico. Solo 24,45 € l'uno se comprate la confezione da 4.

Ultimi articoli

Pubblicità
In un mercato che è esploso negli ulimi mesi ...Recensione cuffie xFyro ANC Pro, buone per la musica, un po' anonimo il resto