Questo sito contiene link di affiliazione per cui può essere compensato

Home » Recensioni » Recensione Razer USB C-Dock, l’HUB USB-C

Recensione Razer USB C-Dock, l’HUB USB-C

Quando si è in viaggio, si sa, serve avere uno zaino con qualche cavo di riserva e un HUB che sappia sopperire al cosiddetto “ottimismo” di Apple nel proporre solo standard di collegamento moderni nel MacBook Pro o pochissime porte nei MacBook Air e al seguito che anche il mondo PC sta dando a questa tenndeza.

Spesso infatti capita ancora di necessitare di qualche porta USB-A in più, di un connettore Ethernet o HDMI più versatile, tutte cose che il Razer USB C-Dock porta con se, e che lo fa stare molto bene in borsa, ma perchè no, anche sopra la scrivania dell’ufficio o quella di casa.

Nero e Mercury

Dentro la confezione, in semplice cartone riciclabile, trova posto il Razer USB C-Dock, con il cavo USB-C non staccabile, un piccolo manuale di istruzioni e i due adesivi Razer, oramai un maura per tutti i prodotti.

L’HUB prevede l’alimentazione esterna, ma se non c’è usa quella del computer a cui è collegato con il cavo USB-C destinato al computer la cui lunghezza è di circa 20 centimetri) per la connessione al computer.

L’HUB è proposto in due versioni, identiche dal punto di vista tecnico ma diversificate solo nel colore, entrambe in lega di alluminio in tinta Nera (oggetto di questo test) o Mercury (un grigio più chiaro).

Le dimensiono sono abbastanza generose, si parla di 130 x 70 x 15.5 mm per 185 grammi di peso, il che significa che il Razer USB C-Dock sta nelle tasche della borsa ma è comunque importante, anche se con tutte le porte presenti probabilmente era difficile averlo più piccolo.

Recensione Razer USB C-Dock, l'HUB USB-C per l'uomo che non deve chiedere mai!
Realizzato in lega di alluminio (in due colori), Razer USB C-Dock non è solo molto utile, ma anche bello da vedere, con quel look aggressivo che piacerà molto a chi gioca

Le porte non sono mai abbastanza

A livello di porte, a il Razer USB C-Dock non manca davvero di nulla, ci sono tutte le porte digitali attuali, tranne forse per la DisplayPort (che negli HUB portatili non c’è mai, ma in ottica gaming è molto apprezzata), mentre per le vecchie connessioni analogiche (comunque fuori target per un device come questo) serve guardare altrove.

Si parla di 1 porta USB-C 3.2 (10Gbps) e di una porta USB-C per l’alimentazione con potenza sino a 85 W (perfetta per un MacBook Pro da 14”, tutti i MacBook Air e anche la maggior parte dei PC, esclusi quelli da gamer, che necessitano di una alimentazione a parte).

Delle quattro porte USB, due sono USB-A 3.2 Gen 2 (utili per collegare Hard Disk, chiavette USB veloci, ricaricare uno smartphone o impianti audio) mentre altre due sono USB-A 2.0 (usabili per mouse, tastiere o microfoni).

La differenza tra le due coppie di porte USB-A è notevole, per cui serve un po’ di attenzione nel momento in cui colleghiamo le periferiche, ma visivamente è difficile confondersi, dato che il connettore è colorato di verde per le porte USB-A 3.2.

Chiude la rassegna una porta Gigabit Ethernet e un lettore di unità esterne SD o MicroSD (memorie sempre più diffuse, anche al di fuori dell’ambito fotografico).

La parte multimediale “pura” è garantita da un jack analogico da 3.5mm (utile per cuffie e microfoni), che è anche compatibile con soluzioni che propongono audio surround 7.1 via cavo.

La porta HDMI disponibile, che è comunque presente nei MacBook Pro e Air di ultima generazione, ma manca nei MacBook Intel, permette il collegamento di un secondo o terzo monitor, cosa tutt’altro che da sottovalutare, e si propone come soluzione molto potente.

La porta HDMI infatti permette di usare un display esterno a 60 Hz quando in risoluzione 4K, oppure a 144 Hz a risoluzione QHD (2560x1440p) e addirittura a 240Hz con un FullHD.

Il gamer è nomade per definizione

Per usare correttamente il Razer USB C-Dock è necessario avere almeno un PC con Windows 10 oppure un Mac con macOS 10.13 o, per entrambi, versioni di OS più recenti e ovviamente una porta USB-C o Thunderbolt o USB4.

Qui l’abbiamo usato con un MacBook Pro con macOS 14 senza notare nessun tipo di sbavatura con ogni tipo di device.

Nel nostro caso abbiamo usato abbondantemente le porte USB-A per il collegamento di più device (mouse, tastiere, webcam e microfoni), inclusi diversi accessori esterni per lo streaming ma anche Hard Disk esterni.

Non essendo direttamente dipendente da una fonte di energia, il Razer USB C-Dock è ottimo in viaggio, dove spesso la ricarica non c’è, ma è anche vero che l’utilità si è rivelata tale anche nella postazione che abbiamo in casa, per sopperire prima di tutto alla mancanza di connettori USB-A

Senza dimenticare la funzione di Dock, utile per collegare tutto con un unico cavo al computer, invece che avere tre o quattro cavi scomodi da togliere quando mettiamo il portatile nello zaino.

Razer USB C-Dock però è abbastanza diverso dalla maggior parte degli HUB USB-C che ci sono in commercio, e lo evince dalle quattro porte USB-A ma soprattutto dalla grande capacità promessa dalla porta HDMI

Avere la possibilità di poter sfruttare i 144 Hz ad una risoluzione QHD è molto interessante per chi gioca in esterna, magari nei tornei, ufficiali o non ufficiali, perché anche se è vero che un refresh rate così alto non offre veri e propri vantaggi tattici (come invece fanno molte delle caratteristiche intrinseche dei mouse Razer) l’esperienza di gioco migliora sensibilmente (specie se siete abituati a giocare a 144 Hz a casa).

Conclusioni

Pare quasi scontato sottolineare che, per versatilità, caratteristiche e tutto sommato anche look, Razer USB C-Dock sia ad oggi probabilmente il miglior HUB USB-C in commercio, considerando anche che è tra i più cari.

Come Dock per postazioni fisse Razer USB C-Dock se la gioca con alcuni modelli, offrendo, anche senza una alimentazione esterna, un numero di porte molto alto, ma come HUB da usare in viaggio è senza dubbio fantastico.

Le dimensioni sono importanti per un HUB, ma come detto il numero di porte fa pensare che non sarebbe stato possibile altrimenti: il prezzo è di fascia premium, ma se cercate qualità e il massimo delle prestazioni, questo prodotto fa per voi.

Recensione Razer USB C-Dock, l'HUB USB-C per l'uomo che non deve chiedere mai!
Razer USB C-Dock ha una porta USB-C per l’alimentazione con passaggio sino a 85W, ma se questa non c’è, come succede in viaggio, prende l’energia dalla batteria del portatile

Pro:

• Praticamente tutto il necessario per chi viaggia
• Utile anche a casa
• L’HUB migliore per chi gioca

Contro:

• La connessione USB-C non porta il video
• Un po’ caro
• Dimensioni generose

Prezzo:

• 128,67 € (versione Nera)
• 131,41 € (versione Mercury)

Razer USB C-Dock è disponibile a partire dal sito web della casa madre ma lo potete trovare più comodamente anche presso Amazon.it nelle colorazioni Nero o Mercury

Sto caricando altre schede...

REVIEW OVERVIEW

Design
Facilità d'uso
Prestazioni
Qualità/Prezzo

Offerte Apple e Tecnologia

Le offerte dell'ultimo minuto le trovi nel nostro canale Telegram

Top offerte Apple su Amazon

Confronto iPhone 15 contro iPhone 14, quale scegliere

Su Amazon ancora ribassi per iPhone 15, ora al minimo storico con prezzo da 769€

Si allarga lo sconto su iPhone 15. Sono in promozione sia i modelli da 128 Gb che quelli di 256 Gb. Risparmio record fino al 21% e prezzi di 210 € sotto quelli consigliati da Apple.

Ultimi articoli

Pubblicità
Quando si è in viaggio, si sa, serve avere un...Recensione Razer USB C-Dock, l'HUB USB-C