Questo sito contiene link di affiliazione per cui può essere compensato

Home » Hi-Tech » Finanza e Mercato » Per TSMC la globalizzazione dei chip è finita

Per TSMC la globalizzazione dei chip è finita

Secondo Morris Chang, il fondatore di TSMC, è finito il tempo della globalizzazione dei chip; l’anziano (91enne) presidente sostiene inoltre gli USA nella guerra dei semiconduttori contro la Cina, e ritiene giusto il freno nelle esportazioni e le sanzioni previste contro il Paese del Dragone.

“Nel settore dei chip, la globalizzazione è finita. Il libero scambio è finito”, ha riferito Chang nell’ambito di un evento che si è svolto a Taipei (Taiwan) giovedì 16 marzo. “Basta vedere come la Cina è stata sottoposta a embargo e l’elenco delle entità. E concordo con tale scelta”.

Secondo il presidente di TSMC, la catena di fornitura globale dei chip crescerà ulteriormente biforcata con gli USA che cercano di limitare l’accesso dei cinesi alle tecnologie più avanzate “e sostengo senz’altro quella parte della politica industriale americana che mira al rallentamento dei progressi della Cina”.

Morris Chang, Presidente di Taiwan Semiconductor Manufacturing. Foto: Shinya Sawai
Morris Chang, Presidente di Taiwan Semiconductor Manufacturing. Foto: Shinya Sawai

Secondo Chang, la Cina è almeno sei anni addietro rispetto a Taiwan nel settore dei chip, ma mette in guardia Taiwan spiegando che quest’ultima non può permettersi di agire ingenuamente nelle sue posizioni rispetto agli USA.

Quando i leader americani parlano di “friend-shoring” (in sostanza, di rilocalizzare alcune fasi della produzione in paesi amici, che condividono lo stesso sistema di valori o di interessi, ndr), Taiwan non è inclusa in queste politiche, ha spiegato Chang, evidenziando di ripetute preoccupazioni nel fare affidamento a Taiwan.

In precedenza Morris Chang aveva deplorato i costi intrinseci da sostenere per creare strutture all’estero, rispetto a quanto possibile fare “in casa”, evidenziando che servirà ancora molto tempo prima che negli USA o altre zone del mondo sia possibile creare chip con nodi avanzati come quelli attualmente offerti dalle fab taiwanesi.

Tutti gli articoli di macitynet che parlano di Finanza e Mercato sono disponibili ai rispettivi collegamenti

Offerte Apple e Tecnologia

Le offerte dell'ultimo minuto le trovi nel nostro canale Telegram

Top offerte Apple su Amazon

Mac mini M2 Pro in sconto del 21%, risparmiate 330 €

Su Amazon torna in sconto e va al minimo il Mac mini M2 Pro. Ribasso a 1249 €, risparmio da 330 €

Ultimi articoli

Pubblicità