Questo sito contiene link di affiliazione per cui può essere compensato

Home » Hi-Tech » Tutto su Nintendo Switch, un approfondimento sulla console ibrida della casa di Mario

Tutto su Nintendo Switch, un approfondimento sulla console ibrida della casa di Mario

[banner]…[/banner]

Nintendo Switch, la prossima console della casa di Mario è ormai ufficiale e, a differenza di quanto accade solitamente con semplice video teaser, Nintendo non è stata avara di dettagli, e ha già mostrato parecchio sulla periferica. Mancano ancora molti dettagli, eppure è già possibile fare qualche considerazione approfondita sulla nuova console.

In prima battuta poniamo l’accento su quel che ancora non si sa. Sebbene in uscita a marzo 2017, quindi soli 5 mesi dal lancio, niente è dato sapere sulle reali caratteristiche tecniche della console, e sulle sue potenzialità. Non si sa quale risoluzione abbia il piccolo schermo della console portatile, non si sa di quale autonomia goda, non si sa quale sia il prezzo e cosa contenga il bundle. Tanti gli interrogativi, ma anche tante le considerazione e le previsioni che possono farsi.

Che fine faranno le console portatili?

Nintendo Switch decreterà la fine delle console portatili Nintendo? La casa di Mario ha sempre avuto il primato in fatto di console portatili. Senza andare troppo indietro nel tempo, non c’è giocatore di lungo corso che non ricordi il Game Boy, in tutte le sue varianti. Anche il 3DS, con i suoi diversi modelli, sembra aver asfaltato la concorrente PS Vita, probabilmente sotterrata da una line up particolarmente scarna. Ad ogni modo, con Switch Nintendo potrebbe non aver bisogno di una console portatile stand alone. Tra qualche anno, allora, la casa di Mario potrebbe decidere di concentrarsi solo su un’unica piattaforma, Switch appunto, che consente di unire perfettamente gaming mobile e fisso.

nintendoswitch_hardware2-0

E’ vero, il 3DS vanta delle caratteristiche che non sembrano essere presenti su Switch, come lo schermo 3D, ragion per la quale Nintendo potrebbe decidere comunque di diversificare la propria offerta, continuando a produrre una nuova portatile, diversa da Switch, con caratteristiche uniche. Eppure, Nintendo 3DS è sul mercato da 6 anni e nessuna indiscrezione su un nuovo modello è mai trapelata in rete. Nello stesso arco temporale, in passato, Nintendo ha provveduto a sostituire il Nintendo DS, rilasciato nel 2004, proprio con l’attuale handheld, rilasciata nel 2010.

nintendo-switch-cartucce-1280x870

Insomma, Nintendo Switch potrebbe segnare la morte delle console portatili, che in questi ultimi anni, a dire il vero, hanno sofferto troppo la concorrenza di smartphone e tablet.

Sulla potenza di Switch

Nessuna informazione sulle capacità tecniche di Nintendo Switch trapela dal lungo filmato mostrato ieri da Nintendo. Eppure, si sa già che il motore pulsante di Switch è alimentato da NVIDIA, che sul suo blog ha dichiarato che la nuova console è alimentata da un processore Tegra personalizzato, che fa uso della stessa tecnologia in forza sulle attuali GPU desktop. Anche se queste informazioni poco o nulla dicono sulla potenza di calcolo di Switch, è facile pensare che la nuova console della casa di Mario sia comunque inferiore rispetto a quanto proposto, lato tecnico, da PS4 e Xbox One.

switch_skyrim-0-0

Queste ipotesi non si ricavano da dati certi, ma la storia di Nintendo insegna che la società non ha mai voluto competere con le rivali da un punto di vista tecnico e di accessori, ma piuttosto su quello della creatività. E’ successo anche nei tempi recenti con Wii, tecnicamente meno prestante di una PS3; è successo con Wii U, tecnicamente meno potente di una PS4 o Xbox One.

image112

Anche Nintendo Switch, allora, non sarà tecnicamente all’altezza di PS4, sicuramente non comparabile con PS4 Pro. Eppure, il trailer di ieri mostra, tra i titoli in esecuzione, anche Skyrim. E’ chiaro che il video di ieri potrebbe essere stato montato ad arte e che nessuna versione di Skyrim sia attualmente in grado di girare su Switch. Eppure, per essere apparso il gioco all’interno del video, un motivo deve esserci. Se Switch è abbastanza potente da far girare Skyrim, con un dettaglio che sembra piuttosto apprezzabile, un leggero miglioramento rispetto a WiiU dovrà pur esserci.

Pronti a scommettere tutto sull’assenza del supporto al 4K, ci pare che Nintendo  voglia invece affinare lo standard HD su mobile. Dopo un display non troppo performante sul “paddone” WiiU, ci aspettiamo che Switch proponga una risoluzione realmente (Full) HD anche in mobilità.

Prezzo

Azzardare il listino prezzo di Nintendo Switch,allo stato attuale, è davvero impossibile. Anche in questo caso, però, è possibile qualche considerazione. La prima domanda che sorge spontanea è rispetto all’attuale generazione: Nintendo Switch costerà di più di Nintendo Wii U? A ben pensarci, la risposta potrebbe essere negativa. In fondo, WiiU propone già un bundle simile a quanto mostrato da Nintendo Switch. E’ vero, Switch è a tutti gli effetti anche una console portatile, ma in fondo anche il WiiU Game Pad monta uno schermo da 6,2 pollici, che permette all’utente di giocare in (ristretta) mobilità.

wiiu-0

Non c’è motivo, allora, di temere che la natura ibrida di Switch faccia lievitare il prezzo in maniera esponenziale. Certo, da Switch, che per natura sembra essere al 50% una console portatile, ci si aspetta una qualità migliore dello schermo. Questo, però, non dovrebbe tradursi in costi necessariamente più alti. Dal 2010 ad oggi, la tecnologia sui display ha fatto passi da gigante, e produrre uno schermo più performante rispetto a WiiU, potrebbe non avere costi poi così elevati.

Insomma, pur in assenza di comunicazioni ufficiali, la speranza è che Switch abbia un prezzo in linea con le precedenti console. Dipenderà anche dalla configurazioni disponibili e dai bundle prescelti, ma 349 euro, prezzo per il pack WiiU da 32 GB, sembra un buon punto da cui partire e su cui scommettere.

LineUp di lancio

Anche in questo caso nessuna comunicazione ufficiale, ma solo la voglia di provare ad anticipare i tempi. Il video di ieri ha mostrato alcuni possibili titoli di lancio della console, tra cui The Legend of Zelda: Breath of the Wild. Siamo pronti a scommettere che le avventure di Link saranno già disponibili sugli scaffali dei negozi, accanto a Switch. Questo perché lo stesso titolo è già in sviluppo da parecchi anni su WiiU e, probabilmente, sarà più facile per il team di sviluppo l’adattamento a Switch.

Tra i titoli di lancio, inoltre, potrebbe non mancare un nuovo episodio della serie Super Mario. Questo per almeno due ragioni. Anzitutto, una piccola demo è già apparsa nel trailer di lancio; in secondo luogo perché Mario è il personaggio più rappresentativo dell’universo Nintendo. Lanciare Nintendo Switch senza un Super Mario, sarebbe un po’ come ordinare una bella torta, piena zeppa di panna montata, senza la ciliegina sopra. Al di là di facili, e gustose, battute culinarie, Super Mario ha quasi sempre accompagnato il lancio di una nuova console Nintendo, e non ci sono ragioni per dubitare che faccia lo stesso anche con Switch.

242108_1a

Non dovrebbe neppure mancare un titolo stile WiiSport. No, non intendiamo un titolo basato su discipline sportive, ma una sorta di prodotto apri pista, che possa introdurre l’utente nella nuova filosofia “Switch”. Nintendo lo ha fatto con il citato WiiSports, che insegnava a padroneggiare un WiiMote. Lo ha fatto dopo, pur senza riuscire pienamente a bissare il successo, con WiiPlay, per far prendere confidenza con il paddone WiiU. Probabilmente, allora, lo farà con Switch, anche se è impossibile ad oggi pensare alla tipologia di gioco che Nintendo ha in mente.

Ad ogni modo, sono già davvero tanti i produttore che hanno sposato la causa Switch; molti dei nomi che appaiono nel banner in alto, hanno già saputo dimostrare che le console Nintendo possono essere sfruttate a dovere.

Segnali dal video di presentazione

Il video trailer che ha presentato ufficialmente Nintendo Switch dice più di quel che si possa pensare.

  • Cartucce

Ad esempio, le cartucce. Se in un primo momento poteva sembrare che fossero le medesime di 3DS, dando così via ad un facile entusiasmo nella speranza di poterle inserire su Switch, così non è. Da una più attenta analisi sembra, invece, che il formato della cartuccia sarà proprietario, quindi differente da quelle attualmente in forza su 3DS.

nintendo-switch-cartucce-1280x870

  • Doppio pad

Il pad principale di Switch, che serve come controller sia in ambito fisso, che mobile, è in realtà un doppio mini pad. Lo mostra chiaramente il trailer, quando in occasione di uno scontro sulle piste di Mario Kart 8, permette a due giocatori di controllare i veicoli con le due alette del controller, che all’occorrenza fungono da pad singoli.

  • Multimedia

Considerando che Nintendo spinge la nuova console come piattaforma da utilizzare in mobilità, anche in aereo  in bus, non ci sarebbe da stupirsi se la console portatile fosse anche un centro multimediale. In realtà non ci sono indizi in tal senso, se non uno molto blando: lo schermo dispone di un piccolo supporto, che permette al display di reggersi “in piedi” da solo. Così posizionato, sarebbe un ottimo monitor per guardare film e foto.

nintendo-switch-games-developers-620x349

  • Retrocompatibile?

Ci si può sperare, ma nel filmato non ci sono indizi in tal senso, anzi. Se da un lato Switch sembra riprodurre, ad esempio, Mario Kart 8, ad un’attenta analisi è possibile vedere, in realtà, che sono numerosi gli elementi di differenza con l’attuale titolo kart per WiiU. Ci sono nuovi personaggi, come il fantasmino Boo, c’è la possibilità di raccogliere una doppia arma, non consentita invece nell’attuale. Insomma, sembra essere una versione aggiornata dell’attuale Mario Kart 8, e non proprio lo stesso in esecuzione attualmente su Wii U. Eppure la presenza di Splatoon nel trailer farebbe pensare ad una console retrocompatibile.

Sia chiaro, però, Switch non permette all’utente di utilizzare CD o DVD, ragion per la quale la retrocompatibilità, sempre che ci sia, sarà limitata a titoli da scaricare in digitale.

Nintendo Switch sarà lanciata a marzo 2017; da qui in avanti, dunque, attendiamo numerose novità sulla console.

Offerte Apple e Tecnologia

Le offerte dell'ultimo minuto le trovi nel nostro canale Telegram

Top offerte Apple su Amazon

I nuovi Beats Studio + per la prima volta in sconto, solo 164,99€

Oggi comprate i Beats Studio + al minimo storico, solo 149,99€

Su Amazon vanno in sconto al minimo storico, gli auricolari Beats Studio +. Sono i perfetti concorrenti, più ergonomici e con soppressione del rumore, degli Airpods 3 e costano oggi solo 149,99€, il prezzo più basso che hanno mai avuto

Ultimi articoli

Pubblicità