Seoul Semiconductor accusa catena di ipermercati USA per TV che violano 15 brevetti LED

Seoul Semiconductor

Azienda sudcoreana titolare di più di 12.000 brevetti nel settore delle tecnologie LED ha portato in tirbunale Fry’s, una delle piu’ grandi catene di ipermercati di elettronica di consumo negli USA.

Seoul Semiconductor, azienda nota per prodotti e tecnologie LED, ha annunciato di aver intentato una causa per violazione di brevetti presso la Corte Distrettuale per il distretto orientale del Texas, insieme alla propria consociata Seoul Viosys Co., Ltd. (collettivamente “Seoul”), nei confronti di Fry’s Electronics (“Fry’s”), un rivenditore al dettaglio di articoli di elettronica di consumo. La causa per violazione di brevetti riguarda la vendita da parte di Fry’s di diversi apparecchi televisivi a LED.

Fry’s è una delle piu’ grandi catene di ipermercati di elettronica di consumo negli Stati Uniti. Possiede 17 ipermercati in California e impiega 14.000 dipendenti. Fry offre al momento più di 300 modelli di TV a LED di piu’ venticinque marche internazionali.

Nella citazione in giudizio, Seoul sostiene che taluni televisori a LED disponibili nei punti vendita di Fry’s violano 15 dei brevetti per LED di Seoul relativi ai processi di produzione delle unità di retroilluminazione LED. Le tecnologie brevettate di Seoul riguardano strutture con unità di retroilluminazione per TV a LED, lenti per retroilluminazione con illuminazione uniforme dei LED, la tecnologia UCD per display ad alta gamma di colori, il packaging dei LED, la fabbricazione dei chip ed epitassia LED. Queste tecnologie sono importanti per il miglioramento del colore, della luminosità e della durata di tutte le fonti di luce LCD, come quelle impiegate negli smartphone, nei computer portatili, nei tablet PC e negli schermi per computer, nonce nei televisori.

Seoul Semiconductor

Nello specifico, la tecnologia per lenti ottiche che permette la distribuzione uniforme della luce su schermi di televisori e computer costituisce una delle tecnologie per la retroilluminazione LED più importanti sviluppata da Seoul sin dall’avvento della retroilluminazione a diodi ad emissione di luce (light-emitting diode, LCD).

Seoul da tempo lotta per per far valere i diritti derivanti dai suoi brevetti in caso di sospetta violazione. Nel 2016, ad esempio, ha vinto una causa intentata presso la Corte federale degli Stati Uniti contro un produttore giapponese di lenti, Enplas, in cui Enplas è stata giudicata colpevole di violazione deliberata di uno dei brevetti di Seoul concernete lenti di retroilluminazione LED, nonché uno dei brevetti di Seoul riguardante sistemi di retroilluminazione LED. Nel corso degli ultimi anni, l’azienda sudcoreana ha inoltre intentato diverse cause per violazione di brevetti concernenti lenti e altri componenti per la retroilluminazione LED contro il produttore nordamericano di televisori Craig Electronics e Curtis International ottenendo il pagamento di royalty per lo sfruttamento dei propri brevetti.

La tecnologia UCD (KSF) è un’altra delle tecnologie chiave per la retroilluminazione LED di Seoul che determina un miglioramento significativo della gamma cromatica degli schermi LCD come quelli di televisori e smartphone che da anni viene sviluppata in collaborazione con una società giapponese. Abilitando la luce verde e rossa generata con i fosfori KSF, la tecnologia UCD eroga il 92-93% di NTSC, che è superiore a quella di OLED.

Prima di avviare i procedimenti relativi al contenzioso più recente, Seoul ha inoltrato notifiche di violazione di brevetto a vari produttori internazionali di televisori nonché ai loro fornitori che producono moduli TV o televisori, tramite produttori OEM o ODM, in diverse regioni dell’Asia, tra cui Cina e Taiwan. Seoul ha chiesto ai suddetti produttori e marche di televisori di cessare l’utilizzo di LED e/o altri componenti che probabilmente violavano i brevetti di Seoul relativi alle lenti di retroilluminazione e alla tecnologia UCD.