VMware Fusion 8, nuovo virtualizzatore per usare Windows 10 e Cortana su Mac

Disponibile la release definitiva di VMware Fusion 8. VMware ha aggiornato il virtualizzatore che permette di usare diversi sistemi operativi su Mac, integrando il supporto per Windows 10, DirectX 10 e OpenGL 3.3 e altro ancora

Come puntualmente accade ogni anno, i vari virtualizzatori si rinnovano e dopo Parallels Desktop 11 è arrivata la versione definitiva di Fusion 8. Anche il virtualizzatore di VMware è ottimizzato per Windows 10 e integra funzionalità che permettono di sfruttare Cortana e il browser Edge contemporaneamente ad altre applicazioni per OS X. Fusion 8 supporta le varie versioni di Windows 10, incluse le edizioni Home, Pro, Enterprise e Education, permettendo anche di usare e aggiornare le macchine virtuali con Windows 7 o Windows 8.x.

La nuova versione di Fusion 8 è ovviamente pronta per il futuro OS X 10.11 El Capitan permettendo dunque di sfruttare a proprio vantaggio funzioni come lo Split Screen e altre funzionalità specifiche del nuovo sistema. È anche possibile usare il nuovo sistema operativo come macchina virtuale all’interno di OS X 10.10.x Yosemite, testando applicazioni e funzionalità varie prima di passare al nuovo sistema, funzione utile anche per chi sviluppa applicazioni al fine di verificare la compatibilità con versioni nuove del sistema operativo.

Dal punto di vista tecnico di particolare rilievo è il supporto a DirectX 10 e OpenGL 3.3, funzionalità che dovrebbero offrire migliori performance e la possibilità di sfruttare applicazioni 3D quali AutoCAD o SOLIDWORKS. Dalla Preferenze dell’applicazione è possibile impostare schede video virtuali con 2 GB di VRAM offrendo migliorie in termini di performance ad alcune applicazioni specifiche.

VMware afferma che le applicazioni eseguite sulle macchine virtuali offrono performance “quasi vicine” a quelle che si otterrebbero con il sistema operativo nativo. È ad ogni modo possibile creare macchine virtuali con fino a 16 vCPUs, 8 TB di dischi virtuali e 64 GB di memoria RAM permettendo di sfruttare anche software piuttosto esigenti. Fusion 8 è in grado di sfruttare macchine con più GPU eseguendo automaticamente lo switch quando occorre e risparmiando energia quando necessario. Fusion 8 supporta le macchine di ultima generazione come gli iMac 5K, le porte USB 3, i lettori SDXC di serie con alcuni Mac, le porte Thunderbolt e HDMI, l’audio HD con surround 5.1, il Bluetooth 4.

L’applicazione di virtualizzazione è disponibile in due varianti: VMware Fusion 8 e VMware Fusion 8 Pro. La versione “Pro” integra funzioni per la clonazione delle macchine virtuali, il supporto a funzionalità di rete avanzate, la possibilità di accedere a macchine virtuali Sphere, ESXi o Workstation, tool per la creazione di macchine virtuali con funzionalità ristrette, strumenti per la gestione in ambienti aziendali. VMware Fusion 8 costa 81,95 euro (59,95 euro l’upgrade dalla release precedente); VMware Fusion 8 Pro è venduto a 200,95 euro. I requisiti minimi sono: OS X 10.8 o superiore, 2 GB di memoria RAM, 750 MB di spazio libero su disco. Dal sito degli sviluppatori è possibile scaricare una versione dimostrativa.

Fuson8-1

Fuson8-2